Dicembre 2, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Corrente del Golfo: un sistema critico di correnti oceaniche mostra segni di instabilità. Il sistema di correnti oceaniche nella Corrente del Golfo mostra segni di instabilità. Spegnerlo potrebbe essere disastroso.

Il suo crollo avrà conseguenze disastrose per il nostro tempo e la nostra vita sulla Terra.

La circolazione del ribaltamento atlantico (AMOC), di cui la Corrente del Golfo è una parte importante, aiuta a mantenere l’equilibrio energetico dell’Oceano Atlantico. Viene spesso descritto come un “nastro trasportatore” che preleva le calde acque superficiali dai tropici e le distribuisce nell’Atlantico settentrionale. Poi le acque più fredde e più salate affondano e scorrono verso sud.

studio, Pubblicato giovedì in Natura e cambiamento climatico, ha avvertito di “una perdita quasi completa di stabilità dell’AMOC nel secolo scorso. I ricercatori affermano che potrebbe essere sull’orlo del collasso da una circolazione forte a una debole, sebbene la soglia per questo crollo rimanga incerta”.
Gli scienziati hanno Avvertire per anni di cattiva circolazione sanguigna. Le forti piogge e lo scioglimento delle calotte glaciali rendono le acque del Nord Atlantico meno salate, rendendole più leggere e meno soggette ad affondare. Se l’acqua in quest’area diventa troppo chiara, l’intera circolazione potrebbe essere interrotta.

I modelli meteorologici globali sono strettamente correlati alla circolazione e al trasporto di calore e sostanze nutritive in tutto il pianeta. Il collasso di questo sistema porterà a cambiamenti significativi e improvvisi, tra cui un rapido innalzamento del livello del mare, inverni più estremi nell’Europa occidentale e l’interruzione dei sistemi monsonici nei tropici.

Potrebbe anche avere un effetto a cascata e destabilizzare altri componenti del sistema climatico terrestre, tra cui la calotta glaciale antartica e la foresta pluviale amazzonica.

Questo scenario è stato la base per il film di fantascienza sul clima del 2004 The Day After Tomorrow, in cui si verificano una serie di disastri meteorologici estremi dopo che il cambiamento climatico ha causato il collasso dell’AMOC.

READ  Aggiornamento COVID dell'Illinois: L'IL ha segnalato 2.942 nuovi casi di coronavirus e 16 decessi

Gli scienziati in precedenza hanno affermato che la circolazione è più debole di quanto non fosse in circa 1.000 anni, ma non sapevano se fosse stata effettivamente destabilizzata o avesse subito cambiamenti naturali. Lo studio di questa settimana ha utilizzato otto set di dati che esaminano le temperature superficiali e la salinità nel Nord Atlantico per oltre 150 anni e ha scoperto che il riscaldamento globale stava guidando la destabilizzazione.

“La differenza è cruciale”, ha detto alla CNN in una e-mail l’autore dello studio Niklas Bowers del Potsdam Institute for Climate Impact Research.

“Immagina una sedia che può essere spostata (con tutte e quattro le gambe rimaste sul pavimento) o inclinata. Entrambi cambiano la posizione della sedia (corrispondente al cambiamento della forza AMOC media), ma nel primo caso la stabilità della sedia sarà non essere influenzato, mentre in quest’ultimo c’è un punto critico. Se incliniamo leggermente la sedia, questa cadrà. I miei risultati suggeriscono che ciò che sta accadendo all’AMOC è più probabile che sia inclinato rispetto a un semplice spostamento, quindi l’AMOC si è spostato verso la soglia critica alla quale potrebbe crollare”.

Bowers ha aggiunto di essere rimasto sorpreso dalle sue scoperte secondo cui l’AMOC è stato destabilizzato e si sta “dirigendo verso una soglia critica, dove può improvvisamente crollare”.

Un crollo della circolazione significherebbe un raffreddamento significativo in Europa, ha detto Beurs, “ma forse la cosa più preoccupante è l’impatto del crollo dell’AMOC sui sistemi monsonici tropicali in Sud America, Africa occidentale e India; in particolare nell’Africa occidentale, il crollo dell’AMOC potrebbe portare a condizioni di siccità permanente”.

READ  Fox ospita le sue braccia su Sesame Street per insegnare ai bambini le vaccinazioni

Boyer si rende conto nel suo studio che lui e altri scienziati non sanno ancora se e quando il flusso crollerà, ma ha invitato il mondo a ridurre le emissioni di gas serra “il più e il più rapidamente possibile”.

“Ogni grammo di gas serra in più nell’atmosfera aumenterà la probabilità di un crollo dell’AMOC in futuro, quindi è fondamentale emettere il meno possibile, sia a livello individuale ma ovviamente anche a livello collettivo e internazionale”.

Lo studio viene prima di un Lunedì il rapporto principale del Panel internazionale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che ha richiesto anni per essere realizzato e dovrebbe fornire la visione definitiva finora sull’entità del cambiamento climatico causato dall’uomo. Probabilmente dipinge anche un’immagine di come potrebbe essere il futuro, a seconda delle azioni che il mondo intraprende per ridurre le emissioni di gas serra.