Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Coronavirus nel Regno Unito: lo staff di Boris Johnson è stato invitato alla tua festa alcolica durante il blocco

Londra: Lo staff del primo ministro britannico Boris Johnson è stato invitato a una festa “Bring Your Wine” nel giardino della sua casa di Downing Street durante il primo blocco nazionale del coronavirus del 2020, secondo un’e-mail trapelata vista da ITV.

Johnson, che ha ottenuto una schiacciante vittoria alle elezioni del 2019, ha dovuto affrontare una raffica di critiche sui presunti partiti negli uffici del governo, compreso il suo, in violazione delle regole del COVID-19.

Il primo ministro britannico Boris Johnson sorseggia una birra.credito:Raduno dell’Autorità Palestinese

Circa 40 dipendenti del parco si sono riuniti per il drink party, tra cui Johnson e sua moglie Carrie, sebbene all’epoca la mescolanza sociale tra le famiglie fosse limitata a due persone all’aperto.

Le accuse di funzionari che organizzano eventi che violano le regole di chiusura del governo, inclusa una festa di Natale, hanno irritato gli elettori, a cui il governo ha detto di osservare attentamente le regole di distanziamento sociale.

ITV ha affermato che il capo segretario privato del primo ministro Martin Reynolds ha inviato un’e-mail a più di 100 dipendenti di Downing Street il 20 maggio 2020. L’e-mail trapelata chiedeva loro di portare alcolici alla festa e di “trarre il massimo dal bel tempo”.

Caricamento in corso

“Dopo un periodo incredibilmente affollato, sarebbe bello sfruttare al meglio il bel tempo e bere qualche drink sociale al Park 10 questa sera”, ha detto Reynolds nell’e-mail. “Per favore, unisciti a noi dalle 18:00 e porta il tuo liquore!”

L’ufficio di Johnson ha rifiutato di commentare.

A quel tempo, le scuole erano chiuse alla maggior parte degli studenti, bar e ristoranti chiusi, con severi limiti alla mescolanza sociale. Due persone di famiglie diverse potevano incontrarsi all’aperto ma solo se si mantenevano a una distanza di due metri.

READ  Frustrato per i rimpatriati della Nuova Zelanda mentre la lista d'attesa per la quarantena COVID-19 raggiunge i 30.000 | Nuova Zelanda