Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Contenuti e onestà sono importanti per calmare la tensione dell’East Med: ambasciatore italiano

Massimo Cayani, ambasciatore d’Italia in Turchia, ha affermato che è necessaria una soluzione inclusiva e giusta per risolvere le tensioni in corso nel Mediterraneo orientale, sottolineando che Roma sta continuando i suoi sforzi in questa direzione.

“Il conflitto va avanti da molto tempo e credevamo che le risorse energetiche sarebbero state una comodità per risolvere questa crisi”, ha detto Kayani al Daily Sabha in un’intervista esclusiva.

“Riteniamo che solo una soluzione inclusiva e ragionevole all’interno delle norme e dei regolamenti internazionali sia l’unico approccio per risolvere il problema”, ha aggiunto.

Sottolineando la necessità di discussioni su questa “questione complessa”, l’Italia “apprezza la riduzione delle tensioni e ci auguriamo che questo atteggiamento positivo e i colloqui continuino”, ha affermato Kayani.

“Da parte nostra, continueremo a impegnarci per facilitare una soluzione inclusiva e ragionevole”, ha affermato.

Dopo diversi mesi di pace, la Turchia sta assistendo a rinnovate tensioni con l’amministrazione greca e greco-cipriota sui confini marittimi e sui diritti di trivellazione nel Mediterraneo orientale.

La Turchia, che ha la costa continentale più lunga del Mediterraneo orientale, ha respinto le rivendicazioni sui confini marittimi dei membri dell’UE Grecia e Cipro greca, insistendo sul fatto che queste pretese eccessive violano i diritti sovrani della Turchia e di Cipro settentrionale. DRNC). Entrambe le parti citano accordi decennali e accordi internazionali per sostenere le loro rivendicazioni regionali contrastanti.

L’ambasciatore ha affermato che l’Italia non è stata direttamente interessata dalla firma di un accordo marittimo con la Libia da parte della Turchia. “All’epoca non credevamo che fosse la mossa giusta”, ha detto.

Il 27 novembre 2019, il governo libico riconosciuto a livello internazionale ha firmato un accordo di cooperazione e delimitazione della sicurezza delle frontiere marittime con la Turchia.

READ  La FAO e l'Italia aprono il rinnovato edificio della FAO

L’accordo ha anche confermato che Turchia e Libia sono vicini marittimi. La demarcazione si estende da Fethiye, Marmaris e Kaş, la costa sud-occidentale della Turchia, fino alla costa libica di Derna-Tobruk-Bordia.

“Italia e Turchia sono partner molto importanti nel settore energetico. Ritengo che la Turchia abbia un ruolo naturale da svolgere come hub per il gas”, ha aggiunto, aggiungendo che i due Paesi sono già collegati al Trans-Anatolian Natural Gas Pipeline (TANAP), che porta il gas dal Caucaso alla Trans-Adriatica. Gasdotto (TAP). Poi in Italia e in Europa occidentale.

“Sosteniamo il ruolo della Turchia perché si riferisce alla sicurezza energetica per l’Europa, all’arrivo del gas nell’Europa meridionale”.

Cooperazione in Libia

La crisi libica è un altro ambito di comune interesse e cooperazione tra Italia e Turchia.

“Stiamo entrambi cooperando con il processo di stabilizzazione della Libia guidato dalle Nazioni Unite.

“Sia la Turchia che l’Italia hanno molto da guadagnare dalla stabilizzazione della Libia, dal rilancio della sua economia e dalla risoluzione della crisi sociale emersa dalla guerra”, ha aggiunto.

“Dobbiamo fare il massimo”, ha sottolineato, pur rilevando che i mercenari sono costretti a lasciare il Paese.

Lo scorso dicembre, le Nazioni Unite hanno dichiarato che in Libia c’erano 20.000 combattenti stranieri.

Includono russi inviati dal gruppo Wagner ombra legato al Cremlino e mercenari africani e siriani. Pur non essendo mercenari, i soldati turchi sono stati anche detenuti in base a un accordo con un precedente governo di unità internazionale riconosciuto nella fase finale del conflitto est-ovest.

“È un processo complicato e presto ci sarà una conferenza a Parigi, sarà un passo in più”.

Ha detto che si aspetta una grande affluenza alla conferenza.

READ  Preoccupazione in Italia che la mafia restituisca il vaccino agli amici perché morti di vecchiaia


L’Ambasciatore d’Italia Massimo Guyani e il Daily Sabha Reporter all’Ambasciata d’Italia ad Ankara, Turchia 5 novembre 2021 (Daily Sabha Photo)

“La Turchia è fondamentale per il successo di questo prossimo passo in questo prezioso processo”, ha affermato Kayani.

Tuttavia, la Turchia ha recentemente annunciato che non parteciperà alla Conferenza di Parigi sulla Libia, alla quale parteciperanno le amministrazioni di Grecia, Israele e Cipro greca.

La Conferenza di Parigi, che dovrebbe svolgersi il 12 novembre, mira a fornire il massimo impulso internazionale, garantendo così che le elezioni si tengano entro la fine di quest’anno e che le forze straniere vengano ritirate.

Il vertice, organizzato da ONU, Germania e Italia a Parigi, riunirà leader regionali e internazionali.

Kayani ha aggiunto che sono in corso colloqui tra i due paesi sulla questione libica con alti funzionari.

Interessi comuni, geografia

Parlando delle relazioni bilaterali, Kayani ha descritto il rapporto come “eccellente” e ha affermato che Roma e Ankara stanno cooperando in molte aree, comprese quelle politiche, economiche e culturali.

“Ci conosciamo bene e apparteniamo alla stessa zona. Abbiamo gli stessi interessi e siamo soggetti alle stesse minacce.

La cooperazione tra i Paesi è molto buona e il dialogo politico è intenso e continua, ricordando il recente incontro tra il presidente Recep Tayyip Erdogan e il primo ministro Mario Draghi a Roma a margine del vertice del G20.

“Vorrei sottolineare il contributo molto positivo e costruttivo dei numerosi ministri turchi che hanno partecipato alle riunioni ministeriali del G-20”, ha affermato.

Kayani ha inoltre ribadito che l’Italia sostiene il processo di annessione della Turchia all’Unione Europea.

“Sul lato economico, dopo la crisi epidemica, il nostro commercio ha superato le cifre del 2019 – un aumento significativo. A differenza di altri paesi, il nostro commercio bilaterale è molto equilibrato e di alta qualità, il che significa che non scambiamo materie prime, ma prodotti di alta qualità”, ha delineato.

READ  Tragedia della funivia in Italia, arrestato attivista bielorusso, la più grande super luna di quest'anno | Nei film

Le imprese dei due Paesi devono essere competitive tra loro, il che significa che l’Italia vende principalmente macchinari quando acquista dalla Turchia.

“L’Italia è il più grande investitore diretto estero in Turchia, il che dimostra la fiducia che il settore privato ha in Turchia. Vediamo anche un aumento degli investimenti dalla Turchia all’Italia”, ha spiegato.

Per quanto riguarda la loro cooperazione nel campo della difesa, Erdogan ha affermato che la Turchia farà “passi positivi” con Francia e Italia sul sistema di difesa missilistico SAMP-T sviluppato dall’alleanza franco-italiana EUROSAM dopo il vertice del G-20 a Roma.

Ankara, che è stata sottoposta a sanzioni statunitensi per l’acquisto di batterie antimissile russe S-400, ha discusso negli ultimi anni di ottenere o sviluppare un sistema basato su SAMP-T, ma finora non sono stati compiuti progressi evidenti.

“Siamo molto preoccupati per le esigenze di sicurezza della Turchia e apprezziamo il contributo comune e della Turchia all’alleanza della NATO, che è assolutamente importante per noi”, ha affermato Kayani.

“È in questo senso che continuiamo a contribuire alla sicurezza della Turchia schierando due missili SAMP-T a batteria a Kahramanmara, il nostro nazionale, nell’ambito della NATO per tre anni”.

“Allo stesso modo, l’industria della difesa italiana ha collaborato con le controparti turche e francesi per studiare un nuovo sistema missilistico SAMP-T”, ha aggiunto.

“Questo sarà sicuramente un progetto importante, che rappresenterà un passo positivo all’interno dell’alleanza Nato”.