Gennaio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Contaminazione variabile Deltacron: il commissario per la sanità pubblica di Chicago spiega perché non è preoccupata per le segnalazioni del ceppo COVID

Con le segnalazioni emergenti del cosiddetto “Deltacron” malattia di coronavirus Il boom che unisce entrambi Variabili Delta e Omicron Sorgono domande sul fatto che sia reale e cosa potrebbe significare.

Il commissario per la salute pubblica di Chicago, la dott.ssa Alison Arwady, è stata posta questa domanda martedì (ora locale) durante un briefing relativo al COVID, in cui ha affermato che le variabili probabilmente continueranno ad evolversi durante la pandemia, ma “deltacron” non è una parola ufficiale.

“È una parola usata dalle persone. Penso che rifletta la paura che non abbiamo finito con le variabili, e non vedo alcun motivo per pensare che abbiamo finito con le variabili, solo per essere davvero chiari su questo”, disse il dottor Arwady.

“Il modo in cui le persone usano questa preoccupazione (che) Omicron ha in realtà quasi tutte le caratteristiche del delta e ha la maggior parte degli stessi cambiamenti genetici che aveva il delta.

“Ma questa è una specie di idea di mettere insieme alcune delle cose che erano peggiori con Delta con alcune che erano peggiori con Omicron. E sai, ci sono stati alcuni casi individuali in cui abbiamo visto alcuni genotipi aggiuntivi”.

Alison Arwady, commissario del Dipartimento della salute pubblica di Chicago, parla durante una conferenza stampa al municipio, martedì 21 dicembre 2021, a Chicago. Chicago richiederà la prova della vaccinazione contro il coronavirus in ristoranti, bar, palestre e altri luoghi al chiuso, poiché l’epidemia di omicron in rapida diffusione porta a un forte aumento delle infezioni da COVID-19, ha affermato martedì il sindaco Lori Lightfoot. (Irene Holly/Chicago Tribune via AP) credito: Erin Agrifoglio/AP

Il ceppo è chiamato “deltakron” a causa delle sue firme genetiche simili all’omicron all’interno dei genomi delta, ha affermato Leondios Kostrikis, professore di scienze biologiche all’Università di Cipro.

Finora, il professor Kostrikis e il suo team hanno scoperto 25 casi di virus, secondo il rapporto.

È ancora troppo presto per dire se ci sono più casi di ceppo o effetti che potrebbero verificarsi.

Ma alcuni esperti hanno espresso dubbi sui risultati.

Un funzionario dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha twittato domenica che “Deltacron” “non era reale” e “probabilmente dovuto al sequenziamento degli strumenti”.

La dott.ssa Krutika Kupalli scrive che è probabile che vi sia “contaminazione in laboratorio di frammenti di omicron nel campione delta”.

“Non combiniamo i nomi delle malattie infettive e lasciamo fare alle coppie famose”, ha detto in un tweet successivo.

La CNBC riferisce che un altro eminente scienziato, il dottor Bogoma Kapisin Titanji, un esperto di malattie infettive presso la Emory University di Atlanta, ha consigliato un approccio cautelativo, twittando domenica: “Sulla storia del #deltacron, solo perché me ne sono stati interrogati così tanti volte nelle ultime 24 ore, si prega di interpretarlo con cautela.

Una donna riceve un'iniezione di richiamo del vaccino Pfizer COVID-19.
Una donna riceve un’iniezione di richiamo del vaccino Pfizer COVID-19. credito: Tatan Sioflan/AP

“Le informazioni attualmente disponibili indicano la contaminazione del campione piuttosto che la vera ricombinazione delle variabili #delta e #micron.”

Ha anche indicato, tuttavia, il potenziale confondimento del materiale genetico appartenente alle varianti delta e omicron.

“La ricombinazione può verificarsi nei coronavirus”, ha scritto.

“L’enzima che replica il genoma ha la tendenza a scivolare via dal filamento di RNA che copia e poi tornare da dove si era interrotto.

“con #delta e # micron Entrambi sono in circolazione, la doppia infezione con entrambe le varianti aumenta questa preoccupazione”.

Simbolo chevron destro

Krutika Kubali: Non uniamo i nomi delle malattie infettive e lasciamo perdere alle coppie famose

Lo scienziato che ha riportato la scoperta ha detto a Bloomberg domenica che i risultati non erano il risultato di un “errore tecnico”.

Il Dr. Arwady ha affermato che vengono spesso segnalate varianti aggiuntive, ma ha sottolineato che esiste un processo per classificarle.

I potenziali casi di “Deltacron” vengono monitorati, ma ha affermato che non sono ancora preoccupanti e non sono stati classificati come un tipo di preoccupazione o preoccupazione.

Le varianti Omicron e Delta sono attualmente classificate come varianti preoccupanti.

“Finché non diventa un tipo diverso di preoccupazione, non mi interessa, francamente, e finché questo non diventa un tipo diverso di preoccupazione, non mi interessa”, ha detto il dottor Arwady.

“Per favore, sappi che qui a Chicago, abbiamo utilizzato i finanziamenti del governo federale per sviluppare in modo significativo la nostra capacità di monitorare le variabili qui… vediamo qualsiasi cosa di interesse o preoccupazione, qui a Chicago o in qualsiasi parte del mondo, lo vedremo fartelo sapere completamente.”

“Ma in realtà, in questo momento, la mia preoccupazione è Omicron.”

READ  Bambino, 2 anni, ricoverato in ospedale dopo aver ingerito 16 palline magnetiche