Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Conseguenze delle elezioni generali in Irlanda del Nord

Conseguenze delle elezioni generali in Irlanda del Nord
Commenta la foto, Le schede elettorali vengono svuotate dalle urne presso il centro di conteggio a Craigavon

  • autore, Enda McLaverty
  • Ruolo, Redattore politico dell’Irlanda del Nord

Il “terremoto” potrebbe essere passato, ma le sue scosse di assestamento si fanno ancora sentire nel panorama politico dell’Irlanda del Nord.

È stato il risultato più drammatico di una campagna elettorale altrimenti priva di drammaticità.

Ora le parti stanno iniziando a guardare sotto la superficie per capire perché le placche si stanno muovendo e per valutare se le nuove linee di faglia sono permanenti.

Ma faranno attenzione a non analizzare eccessivamente i risultati quando entrano in gioco tanti altri fattori.

Innanzitutto, l’affluenza alle urne del 57% è stata la più bassa nella storia delle elezioni di Westminster.

Le elezioni anticipate di luglio – il periodo di punta delle vacanze – avrebbero sicuramente abbassato i numeri.

Il tasso di partecipazione alle elezioni in tre circoscrizioni elettorali non ha superato gli anni Sessanta, mentre altri distretti hanno sofferto della difficoltà di un tasso di partecipazione alle elezioni superiore al 50%.

Anche i cambiamenti dei confini hanno svolto un ruolo importante nel plasmare il risultato finale poiché gli elettori si sono diretti verso nuovi seggi elettorali e una nuova lista di candidati.

Anche se giovedì la scala Richter è aumentata in alcuni distretti elettorali, l’indice di Westminster ha mostrato nel complesso pochi cambiamenti.

La percentuale di voti nazionalisti è aumentata dal 40,1% al 40,4%, mentre la percentuale di voti federalisti è scesa dal 43,2% al 43,1%.

Non ci sono stati cambiamenti nemmeno per quanto riguarda i seggi dei Verdi: nove parlamentari nazionali, otto federali e un deputato dell’Alleanza.

Ma esiste il potenziale per un cambiamento maggiore.

La festa più grande

Ricevette anche il 67% dei voti nazionalisti totali, e nel processo spinse i seggi marginali di North Belfast e South Tyrone Fermanagh fuori dalla portata degli unionisti.

Commenta la foto, Il deputato del Sinn Féin per il Mid Ulster, Cathal Mallaghan, celebra la sua elezione con Michelle O’Neill e Mary Lou McDonald a Magherafelt

Lo Sinn Féin consolidò la sua presa a South Down e riconquistò il terreno perduto a Foyle, dove la maggioranza laburista dell’SDP era notevolmente ridotta.

Ma ciò che più colpisce è stato l’avvicinamento delle truppe a quelle che in precedenza erano considerate roccaforti sicure del DUP, come East Londonderry.

Kathleen McGurk aveva ricevuto 179 voti per prendere il posto da Gregory Campbell – che aveva una maggioranza di oltre 9.000 voti – anche se questa volta c’erano più candidati federali in corsa.

Ci aspettiamo che questo diventi l’obiettivo principale del Sinn Féin la prossima volta, e non saremo sorpresi se il partito riuscirà ad aggiungere un altro seggio all’Assemblea a spese del Labour.

L’influenza di Jim Allister

Lo Sinn Féin sta già pianificando le prossime mosse poiché il DUP è in uno stato di completa crisi.

Tuttavia, il dolore è stato leggermente alleviato dopo che il suo avversario più appassionato, Jim Allister, è stato rimosso dalla panchina blu di Stormont.

Sebbene questo sia stato il risultato più sorprendente della notte, il voto dell’UDP a North Antrim era in calo e il TUC era nella posizione migliore per colpire.

Nonostante ciò che hanno detto i suoi oppositori, la presenza della Federazione Venezuelana del Lavoro al ballottaggio non è costata un seggio al movimento sindacale per ripartizione dei voti.

Ma all’Unione automobilistica ucraina mancavano 179 voti per essere accusata di aver privato Gregory Campbell della sua sede a East Londonderry.

Jim Allister ora collaborerà con i cinque parlamentari riformisti a Westminster, ma potrebbe avere difficoltà a essere efficace come lo è stato a Stormont.

Commenta la foto, Il leader del TUV Jim Allister ha vinto la sede di Westminster a North Antrim

L’alleanza prende Lagan Valley

Perdere Lagan Valley a favore di un candidato non unionista per la prima volta nei quarant’anni di storia del collegio elettorale è stato doloroso per l’UDP quanto lo è stata la perdita di North Antrim.

Sorcha Eastwood è riuscita a trasformare un deficit di 6.500 voti in una vittoria di 3.000 voti.

La sua popolarità ha attirato voci da tutto lo spettro politico, beneficiando del voto tattico dei nazionalisti e del crescente sostegno dei territori federali.

Commenta la foto, Sorcha Eastwood festeggia con il membro dell’Assemblea legislativa Eoin Tennyson al Southlake Leisure Centre di Craigavon

Lo stile politico di Eastwood ha avuto una buona risonanza in un momento in cui il partito del Partito Democratico Unito stava lottando per emergere dall’ombra di Sir Geoffrey Donaldson.

Secondo i funzionari del Partito Democratico Unito, le circostanze del suo improvviso abbandono del partito e della sua comparizione in tribunale sono state al centro di quasi ogni conversazione a domicilio.

Non si può negare il sentimento di rabbia e frustrazione per l’accordo negoziato dal partito – che è stato accusato di esagerare – per riprendersi Stormont.

Di conseguenza, molti elettori dell’UDP hanno scelto di restare a casa o di votare per altri candidati.

Questo fu un colpo devastante per l’Ulster Unionist Party, che, come previsto, vinse facilmente il seggio di South Antrim.

Elettori tattici

Gli elettori tattici possono aver aiutato l’Alliance Party a conquistare il seggio dell’UDP a Lagan Valley, ma hanno abbandonato il partito a North Down.

Coloro che hanno aiutato Stephen Farry a assicurarsi il seggio quando la battaglia sulla Brexit era al culmine sono tornati alla loro base politica.

La mossa ha aperto la strada ad Alex Easton per realizzare la sua ambizione di una vita di diventare l’ultimo di una lunga serie di parlamentari indipendenti per North Down.

Commenta la foto, Gavin Robinson si assicurò la sede di East Belfast

Anche la leader dell’Alleanza Naomi Long ha perso in un campo più affollato mentre il leader del Partito Democratico Unito Gavin Robinson ha esteso il suo vantaggio sul suo rivale di lunga data.

Nonostante la sua sconfitta, la signora Long è apparsa sollevata di tornare al suo lavoro di segretaria alla Giustizia piuttosto che ai banchi di servizio di Westminster.

Questa potrebbe essere l’ultima volta che vediamo lo scontro tra Robinson e Long a East Belfast.

Trova un terreno comune

Nel complesso, il voto della coalizione è sceso di circa il 2%, fermando la recente ascesa del partito. Tuttavia, sarà incoraggiato dalle prestazioni della Coalizione ad East Antrim, dove è riuscita a colmare in modo significativo il divario con il DUP.

Per l’SDLP, la sua missione è stata compiuta con il ritorno dei suoi due parlamentari che ora sperano di consolidare il loro sostegno sotto un governo laburista.

Il grido per l’unità dei sindacati sarà più forte da parte dei banchi del DUP.

Indicheranno luoghi come la Lagan Valley dove il voto federale ha totalizzato circa 29.000 voti mentre un candidato non sindacale ha vinto con più di 18.000 voti.

Ma sommare i numeri è la parte facile; Trovare un terreno comune per riunire i partiti pro-sindacati rimane una sfida enorme.

Nelle parole del ministro per gli Affari dell’Università dell’Uttar Pradesh, Mike Nesbitt, sarà “incredibilmente complicato”, ma ne varrà la pena.

Diventerà chiaro questa settimana quando sui banchi del Parlamento di Westminster appariranno quattro volti del sindacalismo: il Partito Democratico Unito, l’Unione Irlandese per l’Unità, Tuvalu e il partito indipendente di Alex Easton.