Settembre 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Conoscere il Direttore Musicale dell’Opera Lirica Enrique Mazzola

Conoscere il Direttore Musicale dell'Opera Lirica Enrique Mazzola

Qualsiasi direttore d’orchestra alla guida di una compagnia della statura della Lyric Opera sarebbe un fuggitivo globale – non ci sono due modi per farlo. in pratica De Rigoire In modo che i capi di un’orchestra o di un’opera trascorrano solo pochi mesi all’anno nella città del loro datore di lavoro. Prendi quella storia molto riprodotta, forse apocrifa, su Herbert von Karajan. Quando una volta un tassista di New York chiese al defunto maestro dove fosse diretto, Karajan gli disse: “Non importa, sono ricercato ovunque”.

In confronto, l’abbraccio di Enrique Mazzola, Direttore Musicale dell’Opera Lirica della sua città adottiva, è una boccata d’aria fresca. Da quando è stato nominato direttore d’orchestra nel 2019, il direttore d’orchestra italiano di origine spagnola ha fatto di Chicago la sua residenza principale, trascorrendo qui circa metà dell’anno. Quando è “a casa”, Mazola documenta le sue passeggiate in città su instagramruota attorno a una scena cremisi in “Dov’è Waldo”.

L’entusiasmo generale di Mazola a Chicago sembra essere il segno distintivo di un leader più verde. Ma Matzola, 54 anni, era più di un semplice posto di quartiere. Durante la nostra conversazione a colazione (caffè e croissant al Gold Coast, non lontano dagli scavi di Hancock), mi rendo conto che questa primavera sono passati 30 anni dal suo debutto professionale. Da allora, Mazzola ha organizzato importanti appuntamenti all’Orchestre National d’Île de France, alla Deutsche Oper Berlin, al Festival di Bregenz e, naturalmente, al Lyric, guidando le canzoni di questa stagione “Ernani”, “Don Carlos”, “Le Comte Ory” e il party drama Il musical del 2019 per Kevin Puts “The Brightness of Light”, basato sulle lettere tra gli artisti Georgia O’Keeffe e Alfred Stieglitz.

Ecco quella conversazione, estratta e modificata di seguito:

Mio padre era allenatore alla Scala e mia madre era una ballerina. Potresti dire: “Beh, certo che saresti diventato un musicista”. Ma avevo anche un fratello e una sorella che studiavano musica come me, e non erano musicisti. Quindi, io sono l’unico in famiglia.

READ  Recensione del film 'Luca': Sunny Summer Movie della Pixar

Ho iniziato a suonare il piano e il violino, ma All’inizio ero un po’ pigro. A 14 anni ho iniziato a studiare composizione musicale (al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano). Imparare le ragioni per cui un compositore scrive in un certo stile è stato molto interessante per me. Era come se fossi un esploratore marino, ho lasciato la costa e ho disegnato una nuova mappa.

L’altra cosa è che mi sono unito al coro di voci bianche della Scala e ho cantato molti titoli con (Claudio) Abaddo, Carlos Kleber, George Preter, Seiji Ozawa… Stavo guardando Abaddo negli schermi del backstage – erano in bianco e nero al momento – è come una piccola anatra. Ricordo letteralmente il momento in cui ho pensato, “Farò quello che fa questo ragazzo.” Forse solo da quando sono arrivato a Chicago mi sono reso conto che la mia passione per l’opera viene da quel periodo, quando avevo forse otto, nove, dieci anni. Ancora adesso, conduco le prove con alcuni dei più grandi musicisti del mondo, quando salgo sul palco per dare una nota a un cantante, Sento odore di polvere da teatro – sudore e vecchie mode – e penso: “Okay, è a questo che appartengo”.

Cerco di essere molto moderno nell’uso dei social media e nel vivere la mia vita, ma in realtà, Ho avuto quella che chiamo una carriera vecchio stile. Oggi, a proprio rischio e pericolo, i giovani direttori d’orchestra e di grandi teatri d’opera vengono talvolta presentati un anno dopo. Se tutto va bene, abbiamo una nuova stella. Ma se le cose vanno male, le bruciamo. Sono scettico su questo nuovo modello. La condotta è un lavoro sociale. Un leader è un maestro di cooperazione, empatia e psicologia di gruppo. Hai bisogno di tempo per imparare queste cose.

READ  Ho sposato Manjakek venendo a Salt

ero eccezionale Quando ho iniziato a fare. Pensavo fossimo ancora ai tempi di Karajan, così ho iniziato a diventare un piccolo dittatore. Poi, quando il mio capo mi ha detto che ero troppo duro, sono diventato l’opposto: ho rinunciato a tutto. Ad esempio, se il tono dei fiati non era buono, non mi fermavo (prova). Poi il mio direttore ha detto: “Va bene, ma l’orchestra ora si lamenta del fatto che non partecipi abbastanza”.

Per trovare il giusto equilibrio, Ho imparato che devo essere me stesso. Perché come persona, sono sempre stato così: solare e amichevole. Tuttavia, ho avuto bisogno di cinque anni di editing per farlo sulla piattaforma e imparare a condividere potere e responsabilità. In “Ernani”, il cantante condivide il ritmo insieme.

Non avremmo potuto immaginare uno staff migliore. Tutti erano completamente preparati. Ciò che li rende attori unici è che comprendono appieno cosa significa essere una voce verdiana. Abbiamo quattro principi fondamentali di Verdi (il tenore Russell Thomas, il soprano Tamara Wilson, il baritono Quinn Kelsey e il baritono Christian Van Horn) con perfetta pronuncia italiana e conoscenza dello sviluppo della frase verdiana, accento verdiano, forza e peso verdiani… Avevo un bel po’ di cose da aggiungere alle prove.

In effetti, le prove sono andate molto velocemente, perché l’opera lui è Veloce – non in (velocità), ma in temperatura. Penso che “Ernani” sia una delle opere più veloci di Verdi. La partitura contiene anche alcuni “velocissimos” – una parola tecnica che normalmente diresti per un’auto, non per cadenza! La Ferrari lo è Veloce; F1 è Velocismo.

Diverse persone mi hanno chiesto dell’azione di Verdi “Don Carlos” per la prima volta nell’originale francese (che sono cinque opere lunghe e raramente organizzate rispetto alle recensioni successive, tradotte in italiano). Ma non ho nessun grosso problema con questo. Alla Deutsche Oper di Berlino, dove sono il direttore ospite principale, ho eseguito un ciclo della Grand Opera Meyerbeer In francese, (così come) “Les vêpres siciliennes”, la prima grande opera francese di Verdi. Pertanto, mi sento molto a mio agio con il vecchio stile della grande opera: trame epiche e storiche, enormi scene corali, la lotta tra religiosi e laici … In effetti, Sono così vicino alla tradizione della grande opera che non potrei immaginare di iniziare con la versione italiana di “Carlos”!

Mi occupo di programmazione alla Lyric da quando sono stato nominato Direttore Musicale, Prima del COVID, quindi ho accettato di fare “Don Carlos” e ho lavorato molto in questa stagione con il (direttore generale Anthony) Freud. Mi piace molto che la programmazione qui sia collettiva: facciamo brainstorming insieme. Ma ogni titolo dipende da diversi fattori: quanti anni sono passati dall’ultima opera? Quanti biglietti ci si aspetta per vendere l’opera? Come sarà il marketing? In realtà è un processo molto complesso di costruzione di una stagione, ed è il risultato di un enorme lavoro di squadra.

READ  Visto: Danbury Italia 2022

Ora, dopo molti anni di esplorazione della prima storia d’amore italiana, Mi piacerebbe iniziare a esplorare il primo romance tedesco. A dicembre eseguirò (Robert Schumann) “Rhenish” con la Detroit Symphony, e poi nel 2024 eseguirò il primo “Freischütz” (di Carl Maria von Weber) al Festival di Bregenz. Vedremo cosa accadrà in Lyric, ma posso dire che Freischütz non sarà solo.

Mazzola “Ernani” durerà fino al 1 ottobre, biglietti $ 40- $ 330, seguito da “The Brightness of Light” l’8 ottobre alle 19:30 biglietti $ 35-180, alla Lyric Opera di Chicago, 20 N. Upper Wacker Drive; www.lyricopera.org

Hannah Edgar è una scrittrice freelance.

Il Rubin Institute of Music Criticism aiuta a finanziare la nostra copertura di musica classica. Il Chicago Tribune mantiene il controllo editoriale su incarichi e contenuti.