Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Con la Russia sull’orlo della guerra con l’Ucraina, cosa vuole Vladimir Putin?

Con le tensioni tra Ucraina e Russia sull’orlo del collasso, tutti gli occhi sono puntati sull’uomo al centro della crisi.

Il presidente russo Vladimir Putin non mostra alcun segno di far tornare l’Europa dall’orlo del baratro, nonostante le condanne e le sanzioni internazionali.

Quindi cosa vuole veramente da questa situazione?

Mentre Putin ha parlato a lungo della sua convinzione che l’Ucraina si trovi sull’antico territorio russo, la guerra totale rimane una proposta rischiosa.

I sondaggi d’opinione indicano che c’è poca voglia di invadere l’Ucraina tra il popolo russo.

La stragrande maggioranza dei russi sostiene ancora il Cremlino e incolpa l’Occidente per l’attuale crisi, secondo Lavada, l’unica agenzia elettorale indipendente.

Ma un sondaggio condotto lo scorso anno ha rilevato che solo il 43% degli intervistati ritiene che la Russia dovrebbe intervenire nel conflitto nell’Ucraina orientale.

Immagine sgranata di un carro armato che corre per strada di notte.
I carri armati sono stati visti a Donetsk dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato il dispiegamento di “peacekeepers” russi.(Reuters: Aleksandr Ermoshenko)

in confronto, Circa l’86% degli intervistati ha sostenuto Vladimir Putin quando ha annesso la Crimea – Un’altra regione ucraina – 2014.

“Non si tratta della Russia. Si tratta di Putin… e di questa piccola cerchia di persone intorno a lui che controlla questo Paese”, Mark Galeotti, un esperto di questioni di sicurezza russe, ha detto a Vox.

“Questo è il punto di vista di un gruppo di anziani che non riesce a superare il fatto che non hanno più un grande potere”.

Il signor Putin sembra essere guidato da tre fattori principali: una convinzione emotiva nella supremazia russa, la paura di una crescente influenza occidentale alle sue porte e l’incapacità di resistere a una scommessa ad alto rischio contro probabilità apparentemente impossibili.

Combatti la fine di un impero

Putin è sempre stato schietto riguardo ai suoi sentimenti per il crollo dell’impero sovietico.

“La fine dell’Unione Sovietica è stata la più grande catastrofe geopolitica del secolo”, Ha detto nel 2005.

La disgregazione dell’ex potente URSS in 15 paesi indipendenti lasciò l’ex agente del KGB personalmente indigente.

l’anno scorso, Ha rivelato di essere stato costretto a guidare un taxi per sbarcare il lunario negli anni ’90 Anche la Russia ha lottato economicamente.

Ora come leader della nazione, Putin sembra determinato a ripristinare la posizione della Russia sulla scena mondiale come grande potenza.

Vladimir Putin tiene un discorso alla Cattedrale di San Basilio a Mosca
Il leader russo ha descritto la caduta dell’Unione Sovietica come “la più grande catastrofe geopolitica del secolo”.(AFP: Michael Metzl)

“Nessuno dovrebbe dubitare che Putin cerchi di far rivivere ciò che percepisce come la gloria – e la portata geografica – dell’Unione Sovietica”, ha detto. Olga Lautmann è analista presso il Center for European Policy Analysis.

L’Ucraina è stata a lungo la chiave del sogno di Putin di creare una moderna superpotenza russa.

L’Ucraina, con una popolazione di oltre 40 milioni di abitanti, ospita la più grande popolazione russa al mondo al di fuori della Russia stessa. Taras Cousio della Henry Jackson Society ha detto al Consiglio Atlantico.

Si può anche dire che è l’ex repubblica sovietica più vicina alla Russia in termini di etnia, cultura, storia e religione.

l’anno scorso, Putin ha scritto un articolo di 7.000 parole affermando che l’Ucraina era “un prodotto dell’intera era sovietica”. E che russi e ucraini sono “un popolo”.

Quando l’Unione Sovietica è crollata, secondo Putin, la Russia era “già rubata”.

Geopolitica fredda – La promessa di “non un pollice si avvicinerà”

Una delle principali lamentele che sembrano guidare le decisioni di Putin oggi risale alla fine dell’era sovietica.

Dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, ci furono una serie di negoziati tra l’Unione Sovietica e i leader occidentali su come porre fine alla Guerra Fredda.

Il leader russo afferma che, nell’ambito di un accordo per consentire alla Germania di riunirsi, l’Occidente ha promesso che la NATO non si sarebbe estesa nemmeno “di un centimetro” a est verso Mosca.

Da allora, l’alleanza si è allargata cinque volte, includendo Polonia, Estonia, Lettonia, Lituania – che condividono i confini terrestri con la Russia – e le vicine Romania, Ungheria e Slovacchia.

La stessa Ucraina è un partner della NATO dal 1992 e al vertice del 2008 è stata promessa l’adesione.

Ma il Cremlino non vuole che il suo vicino più prossimo diventi un membro a pieno titolo dell’alleanza.

READ  Il problema fatale della Disney con l'alligatore nella sua proprietà in Florida