Maggio 22, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Con la crescita di Omicron in Europa, i marchi di prodotti italiani stanno registrando ritardi di nuovi prodotti

I marchi che realizzano i propri vestiti in Italia hanno vissuto settimane difficili. La variante Omicron ha causato gravi ritardi a molti marchi di moda che producono pelletteria e altri articoli di moda nelle rinomate fabbriche di abbigliamento italiane, a volte a causa della chiusura degli stabilimenti.

L’Italia è responsabile della produzione di moda di alta qualità, sede di oltre 14.000 produttori tessili che producono oggetti di valore. Vale 42 miliardi di dollari Ogni anno. Lo ha detto il Paese Il numero più alto di casi Govt-19 in una sola settimana Alla fine di dicembre, un put Pressione sul sistema sanitario del Paese. Al 10 gennaio, quasi 13.000 operatori sanitari erano stati colpiti. Si prevede che anche altre parti d’Europa vedranno significativi Ritardi e chiusure nel suo settore manifatturiero. Aumento dei casi di Omigron, colpo di richiamo Disponibile ora Per la popolazione locale all’inizio di dicembre, i marchi hanno iniziato a vedere una recessione nelle loro filiere italiane.

Secondo Amy Smilovic, direttore creativo di DP, la fabbrica italiana del marchio è stata chiusa per più di 10 giorni tra dicembre e gennaio.

“Siamo fortunati non solo a produrre in Italia, ma altri marchi che producono interamente in Italia potrebbero trovarsi in una situazione molto difficile”, ha detto Smilovic. DB è prodotto anche negli Stati Uniti, Brasile e Cina.

Guido Campello, amministratore delegato di Cosabella, marchio di biancheria intima principalmente made in Italy, ha affermato che i ritardi sono già significativi. Le esportazioni sono arrivate con due settimane di ritardo rispetto a quanto promesso il mese scorso a causa delle difficoltà del traffico aereo. La maggior parte delle navi mercantili dall’Italia viaggia in aereo e i voli sono ridotti o ritardati a causa di Omicron, ha affermato.

READ  2021 Mizano World Superbike, Italia - Risultati Allenamento Libero3

Tuttavia, ci sono due capovolgimenti della situazione in Italia. La prima volta. Entro la fine di dicembre, gli ordini più grandi dei marchi erano già stati effettuati e spediti. Secondo Campello, i produttori in Italia di solito fanno lunghe vacanze alla fine dell’anno.

“Dal 24 dicembre a metà gennaio, di solito non c’è molta produzione in Italia, comunque”, ha detto. “Molta produzione è stata fatta poco prima che diventasse un problema. Onestamente il tempo non avrebbe potuto essere migliore.

Ritardi e chiusure a febbraio e marzo, quando marchi come DP e Cosabella consegnano i loro ordini primaverili ed estivi, possono essere un vero problema.

Il secondo vantaggio è che i marchi ora hanno esperienza nella gestione dei picchi di Covid-19 e dei ritardi dei prodotti invernali. Campello ha detto che Cosabella ha ricevuto ordini per gennaio dello scorso anno, alla fine di marzo. Quest’anno, prima che Omicron diventasse una preoccupazione, il suo team ha previsto la possibilità di un ritardo nel passaggio al nuovo anno. Cosabella ha acquistato la maggior parte delle materie prime a novembre, prevedendo che diventino più dure o più lente a gennaio. Per far fronte a qualsiasi periodo di siccità in cui la produzione era bassa, l’azienda produceva contemporaneamente più basi e prodotti principali.

Marchi tra cui Jimmy Sue, Aquassura e Sarah Flint di fabbricazione italiana hanno aumentato i prezzi durante l’estate, con ritardi che hanno compensato i nuovi costi della catena di approvvigionamento in tempi di stagnazione. Poiché il Covid-19 e le sue varianti entrano ora nel terzo anno che colpisce le catene di approvvigionamento della moda, è chiaro che i marchi continuano a far fronte ai suoi effetti negativi e allo stesso tempo si sentono più a loro agio nel lavorare intorno ad essi.

READ  Destinazioni di vacanza nei film dall'Italia di Julia Roberts e Danny Moder - Sheknos