Gennaio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Comprare Ronaldo è stato un grosso errore dello United

Giovedì è arrivata un’e-mail dal Manchester United Trust (MUST) nella loro casella di posta, invitando i fan a fare un sondaggio durante l’ora di crisi che sta attraversando il club. La vittoria per 4-1 sul Watford promosso dalla Premier League a Vicarage Road è stata straziante per i fan e un sondaggio MUST ha posto una domanda sul trasferimento estivo del club. Sorprendentemente, ha mancato l’arrivo di Cristiano Ronaldo, che è arrivato a spese della firma di un centrocampista difensivo.

Alla fine, è costato il lavoro a Ole Gunnar Solskjaer.

Apparentemente, Ronaldo ha già segnato 10 gol in 14 partite. Ma lo United non aveva bisogno di una macchina da gol davanti. Hanno segnato 73 gol in Premier League la scorsa stagione – cinque in più del Liverpool e 15 in più del Chelsea – in rotta verso il secondo posto. Gli aggressori stavano facendo un buon lavoro. L’arrivo di Jadon Sancho per 73 milioni di sterline in estate ha occupato la questione della destra e la ricostruzione di Solskjaer sembrava proprio come un centrocampista – qualcuno delle abilità di Declan Rice – per portarlo al livello successivo.

Entra Ronaldo, creando un dilemma tattico. Le statistiche pubblicate dall’app ufficiale dello United mostrano che in 14 partite Ronaldo ha combattuto solo una volta e ha vinto solo 26 duelli su 54. Nell’autunno della sua carriera, la stella portoghese è diventata il punto focale dello United a spese dell’alta pressione della squadra. Ha anche trasformato Mason Greenwood a destra da posizione centrale e ha mandato Sancho dalla panchina.

Senza l’alta pressione, il centrocampo mediocre dello United è diventato più vulnerabile e la difesa è caduta sotto pressione come effetto negativo. Prima di vincere la partita di Champions League al Villarreal dopo la partenza di Solskjaer, lo United ha subito 15 gol nelle ultime cinque partite.

READ  Gemme italiane mansardate presentate all'asta di Pebble Beach di Gooding

Secondo le statistiche, lo United ha subito 0,6 gol a partita su azione durante la stagione 2019-20. Nell’ultimo trimestre era di 0,7. Dopo Ronaldo è già salito a due gol a partita. Tanto quanto la mancanza di contributo difensivo di Ronaldo, è anche dovuto allo staff tecnico di Solskjaer, che non è riuscito a trovare un sistema che si adattasse al cinque volte vincitore del Pallone d’Oro.

Da questo punto di vista, sarà interessante vedere come il manager ad interim Rangnick risolverà il problema Ronaldo. Qualche anno fa, il padrino della retropressione ha descritto il giocatore come “troppo vecchio”.

Come ha detto Paul Scholes, è ironico che solo Solskjaer sia stato mantenuto, mentre tutto il suo staff tecnico è stato mantenuto nonostante fosse ugualmente complice del crollo di metà autunno dello United. Durante i suoi tre anni al club, il norvegese ha ripristinato la cultura della squadra.

Solskjaer, campione della Champions League vinta dallo United nel 1999, ma che ha rinunciato al ruolo di allenatore del Cardiff City, non aveva le linee di sangue per prendere il comando di una squadra della grandezza dello United. Ma essendo una leggenda allo United, conosceva il club dall’interno, il che lo ha aiutato. Il commento su Instagram di David Beckham dopo la partenza di Solskjaer ha catturato quest’ultimo come persona: “L’uomo più generoso nella stanza”.

Tuttavia, gestire il calcio d’élite richiede molto più di una semplice sensazione piacevole. Una volta interrotta la tattica di contropiede, Solskjaer non aveva un piano B. La sua squadra sembrava non allenata. La sua lealtà verso giocatori come Harry Maguire, Bruno Fernandes e Luke Shaw, nonostante la loro lunga serie, e il suo costante disprezzo per personaggi come Donny van de Beek e Jesse Lingard, ha portato a disagio nella squadra. Pochi minuti dopo la conferenza stampa pre-Watford di Solskjaer, Lingard ha pubblicato una sua foto con la maglia del West Ham United. Solskjaer non è riuscito a leggere la stanza.

READ  Jake Gibb, Tri Bourne Sweep Italia al primo turno di beach volley maschile a Tokyo

Tuttavia, l’ironia totale del suo licenziamento è che i giocatori, che il precedente allenatore aveva protetto nella buona e nella cattiva sorte, lo hanno gettato sotto l’autobus.

“Ci sono molti truffatori là fuori, e alla fine questi ragazzi costeranno a Ole il suo lavoro”, ha commentato Roy Keane l’anno scorso.

Avanti veloce alla partita Watford della scorsa settimana, Maguire ha ricevuto un cartellino rosso per una goffa sfida durante il possesso palla. Quando la squadra ha avuto bisogno di ispirazione dal suo capitano, si è dimostrato frustrato. Secondo i dati ufficiali del club, Maguire ha vinto solo 12 tackle su 20 in questa stagione e ha vinto 34 su 57 duelli. Questo è inappropriato per un difensore da 80 milioni di sterline che non è in isolamento. A parte David de Gea, nessuno ha mai tirato fuori il suo peso.

Maguire ha parlato della responsabilità dei giocatori dopo la partenza di Solskjaer, ma la sua obiezione è suonata vuota.

La prossima estate sarà nominata una nomina dirigenziale permanente e Mauricio Pochettino è strettamente legato a questo ruolo. Ma qualsiasi manager può avere successo, lavorando sotto questa struttura rotta?

I Glazers, proprietari assenti, hanno contato i dollari delle vendite delle maglie di Ronaldo e si sono goduti l’impennata del prezzo delle azioni del club. Da quando hanno acquisito il club nel 2005 attraverso un accordo di buyout da 550 milioni di sterline, secondo quanto riferito i Glazers hanno esaurito oltre 1 miliardo di sterline dallo United.

Il vicepresidente esecutivo del club, Ed Woodward, un ex banchiere di investimenti, sta ora supervisionando il licenziamento del suo quarto management in otto anni. L’incapacità dello United di prendersi una pausa per la nazionale due volte per nominare Antonio Conte come sostituto di Solskjaer, quando l’italiano era libero, è stata una testimonianza di come ora è gestito il club.

READ  Fitness + offre allenamenti e meditazioni con SharePlay

E la nomina di un manager temporaneo con 26 partite di Premier League ancora in gioco mostra che il club non aveva un piano di emergenza.