Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come una medaglia d’oro può aiutare a rivitalizzare l’amore dell’Italia per il curling

“Abbiamo due periodi: prima della medaglia d’oro. Dopo la medaglia d’oro”.

Aldo Benetti, redattore sportivo di Echo del Chisoni, punta alla storica medaglia d’oro conquistata da Stefania Constantini e Amos Mussaner nelle gare di doppio misto alle Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino.

La medaglia d’oro è stata la prima italiana in questo sport e ha evidenziato la passione per il curling, che ha visto un’impennata di popolarità dai Giochi del 2006 a Torino.

La visione dell’Italia del curling è cambiata nel corso degli anni e Benetti la fa risalire al piccolo paese di Pinerolo.

Pinerolo è una sorta di capoluogo di regione all’interno di una regione che comprende anche valli e piste, come Sestriere o Torre Pellice. Vicino alla Francia, la città ha importanti scambi culturali con le comunità francesi nella storia (la famosa Maschera di Ferro di Pinerolo fu imprigionata per diversi anni), e un patrimonio culturale dovuto al suo passato. L’accogliente centro storico della città è ricco di negozi e bar. È una città culturalmente ricca con molte caratteristiche: il curling è una di queste.

Pinerolo si trova vicino a Torino (40 chilometri, o 25 miglia), ai piedi delle Alpi piemontesi. Costantino e Moussanere, medaglia d’oro, hanno dato un aspetto rinnovato al curling italiano. Tutto è cominciato per Pinerolo – per lo sport in Italia – nel 2006. Le Olimpiadi Invernali di Torino hanno cambiato tutto. I giochi hanno portato nuove strutture. Mentre alcune di queste strutture sono state abbandonate dopo i Giochi – con molte polemiche – Pinerolo crede ancora in una nuova pista di pattinaggio e nello sport del curling.

Tuttavia, anche dopo che Konstantini e Musaner hanno vinto la medaglia d’oro, lo sport è ancora una vendita difficile per i giovani atleti. Non si limitano a dire ad amici e parenti: “Giocherò a curling”. Il calcio rimane lo sport più popolare in Italia, con la crescente popolarità anche di pallavolo, basket e ciclismo. Ma a Pinerolo si crede che il curling possa continuare a crescere.

READ  Simone Biles si ritira dalla finale di ginnastica femminile con "caso medico" mentre GB strappa il bronzo

Simon Gonen, uno dei migliori calciatori italiani, rappresenta il Pinerolo in queste partite. Suo padre, Eros, è stato determinante nell’aumentare la popolarità di questo sport.

“Quello che vedete è un’eredità positiva delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006”, ha detto Eros Gonen.

Pinerolo è il più piccolo dei tre maggiori corsi di curling in Italia. La seconda grande località è Cembra (Distretto Autonomo di Trento) e la terza è Cortina d’Ampezzo (Veneto). Ci sono alcuni piccoli posti in altre città del nord Italia. Cortina, insieme a Milano, ospiterà le Olimpiadi Invernali 2026. Ma Pinerolo, la cittadina vicino a Torino, resta il centro più importante per gli allenamenti di curling. L’Italia conta 333 iscritti nelle squadre di curling, di cui 150 a Pinerolo. Eros Gonen sottolinea che lo sport è un motivo in più per essere “orgogliosi di Pinerolo”.

“In passato, le persone ridevano al curling”, ha detto Gonen.

Ma ora milioni di persone guardano le Olimpiadi solo per il curling e Pinerolo ha visto un aumento dell’attenzione dei media da quando il curling ha messo la città sulla mappa.

“Al giorno d’oggi concedo interviste solo”, ha detto Gonen, che considera la medaglia d’oro una rappresentazione del duro lavoro del suo gruppo.

“Il vero successo è in realtà creare interesse per questo sport. Le Olimpiadi di Pechino sono un modo per dire ‘noi esistiamo’”.

Allora la domanda è: perché Pinerolo? Si comincia con Jonin, che ora ha 65 anni. È un allenatore di curling ed è stato membro della Italiana Sport del Giaccio – Federazione Italiana Sport sulla Neve. È lui che ha immaginato Pinerolo come il luogo del curling. Ha corso la pista di Pinerolo e ora allena la sua squadra.

READ  Gli elettori del New Jersey accettano una domanda elettorale in tutto lo stato, rifiutano l'altra

Ma per capire come lo sport sia cresciuto in popolarità in tutta Italia, e soprattutto a Pinerolo, tutto risale alle Olimpiadi Invernali del 2006 a Torino. Per organizzare quelle Olimpiadi, il Comitato Olimpico di Torino ha dovuto partire nel 2002 collocando ogni disciplina in luoghi del territorio. Roy Sinclair, ex presidente della World Curling Federation, è stato invitato ad esplorare i siti. Fu trasferito nel palazzo Palatazzoli di Torino, ma non subì alterazioni. In quel momento Gonen si rivolse al sindaco di Pinerolo, Alberto Barbero.

Gonen sorride mentre racconta la “storia di strategia”. Il giorno successivo, Sinclair si recò di buon mattino a Pinerolo, dove trovò un’ottima colazione servita dall’istituto culinario locale nei pressi del centro sportivo. Quel giorno c’era il sole e si innamorò di Pinerolo.

“Vengo dall’atletica e ho deciso di entrare nel mondo del curling”, ha detto. “Abbiamo creato un movimento interessante a Pinerolo, al quale hanno partecipato le scuole”.

Ragazzi e ragazze del posto, in una location verde e rilassata, con un’allure da piccola città ben collegata a Torino, questi gli ingredienti della ricetta dello spiedino Pinerolese.

È riuscito. Sinclair è stato venduto.

In quattro anni Pinerolo è diventato un importante centro di formazione, superando Cortina D’Ampezzo e Cembra, con circa 2.000 studenti che partecipano ogni anno promuovendo il curling. I rulli professionisti sono anche allenatori per i giovani atleti. Così cresce lo sport.

Angela Rumi è un prodotto di questo. Il 24enne, originario di Pinerolo, fa parte della Nazionale italiana e gioca per Mole2020, la squadra di curling del Torino. È anche membro della squadra sportiva di polizia italiana Fiamme Oro. In Italia la polizia e l’esercito hanno squadre sportive che impiegano gli atleti più talentuosi. Il fatto che Fiamme Oro metta a segno i bigodini (il ramino non è l’unico) sottolinea l’aumento di questa disciplina in Italia. Ora, Romy lavora anche come commentatore televisivo per le partite di curling alle Olimpiadi

READ  I giovani italiani conquistano il Roland Garros. Non hanno idea del perché.

“Altri paesi vedevano le nostre squadre di curling come sfavorite”, ha detto.

La speranza è che la medaglia d’oro di Constantini e Mossaner porti più investimenti nel curling. Oggi, se vivi nel sud Italia e vuoi giocare a curling, dovresti andare avanti.

“Siamo un paese che lavora per stare in piedi e rispettare”, ha detto Rumi. “Ma non possiamo aumentare i nostri atleti senza un progetto”.

Le persone che amano il curling hanno bisogno di posti e Milano sta lavorando per creare più piste di curling, ovviamente per le Olimpiadi del 2026. Vicino alla città, in un villaggio chiamato Preso, l’imprenditore Mario Corfù sta costruendo un centro sportivo con tre piste di curling. Nei prossimi anni verrà realizzato un secondo centro sportivo vicino a Milano.

“Nel 2006, l’Italia aveva 800 iscritti al curling”, ha detto Gonen. “E cosa è successo dopo? C’era meno interesse e non sono stati costruiti nuovi posti”.

Ora, però, l’interesse è più forte che nel 2006, grazie alla medaglia d’oro. Inoltre, sempre più uomini d’affari stanno investendo in edifici. Il mese prossimo a Torino, due sedi cambieranno formato e ospiteranno partite di curling. Uno di questi è Palatazzoli, già utilizzato per l’hockey.

Nel 2013, il famoso attore e regista italiano, Claudio Amendola, ha diretto il film “La mossa del pinguino” – il movimento del pinguino – sulla squadra di curling. Una parte importante del film è stata girata a Pinerolo. Gonen e la sua troupe sono andati a Roma per formare gli attori. Qualche giorno fa Rai Tv ha ritrasmesso questo simpatico e adorabile film, una grande pubblicità per il curling in Italia.

Nel 2006 l’affermazione di Torino era “La passione vive qui”. Arricciare i capelli da queste parti, è ancora vero?