Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come si sente l’industria dei videogiochi riguardo ai licenziamenti da Big Tech

Tagli di posti di lavoro nel settore tecnologico Ha fatto molti titoli tristi ultimamente. È una tendenza settore dei videogiochi Difficilmente immune.

Infatti, a un certo punto c’era un sito web chiamato videogamelayoffs.com che aveva un contatore secondo per secondo dei “giorni dall’ultimo licenziamento di massa”.

La storia è andata: i dirigenti stanno stimolando eccessivamente Prima che venga rilasciato un grande giocoLavorano fino in fondo, e una volta che i frutti del loro lavoro si allineano alle pareti di GameStop, Vigili del fuoco collettivi.

Questo sito di acconciature per videogiochi non è stato aggiornato dal 2021, ma di seguito è riportato un conteggio approssimativo di alcuni recenti lapsus rosa.

Questa settimana, Microsoft ha annunciato il taglio di 10.000 posti di lavorocompresi alcuni presso 343 Industries, la società dietro il 2021 aura infinita e Bethesda Game Studios, creatore del futuro campo stellare.

League of Legends Lo sviluppatore Riot Games, di proprietà della cinese Tencent Holdings, ha tagliato i punteggi nei suoi dipartimenti di pubblicazione, personale ed eSport.

Riot ha detto che prevede di assumere 150 posti di lavoro e che i ruoli tagliati “non hanno più senso per noi”.

La società di motori di gioco Unity Software ha dichiarato di aver licenziato 284 dipendenti nel suo secondo round di ridimensionamento in meno di un anno, tagliando la sua divisione sportiva e di intrattenimento dal vivo.

E a dicembre, la società di giochi israeliana Playtika Holding ha licenziato più di 600 dipendenti.

Con questi tipi di numeri, non c’è da meravigliarsi che l’anno scorso abbia visto anche la più grande spinta al sindacato dell’industria del gioco, poiché i lavoratori cercano di isolarsi dai cambiamenti economici e assicurarsi salari migliori.

READ  Sennheiser lancia Momentum Tws 3 con Anc. Verifica prezzo e caratteristiche

Sembra approssimativo, ma i fattori alla base di queste decisioni sono diversi rispetto a dieci anni fa.

Certamente, i dipendenti, in particolare i lavoratori delle unità, hanno ancora lottato con l’insicurezza del lavoro dopo l’uscita del gioco.

Ma il lancio di un gioco non è più il fattore più importante per la sicurezza del lavoro dei dipendenti.

Integrazione più profonda del settore con Big Tech – vedi l’acquisizione in attesa di Activision Blizzard da parte di Microsoft – Una maggiore dipendenza dalla pubblicità, così come nuovi modelli per lo sviluppo del gioco, significa che la narrativa della funzione del gioco si fonde con la più ampia storia tecnologica di “bloat contrasta con la stagnazione”,

L’industria tecnologica ha annunciato l’intenzione di eliminare più di 100.000 posti di lavoro negli ultimi mesi, poiché le aziende ammettono di essersi riprese durante i periodi di pandemia e ora si trovano ad affrontare una nuova realtà economica.

I dirigenti di Amazon, Microsoft e la società madre di Google, Alphabet, hanno inviato e-mail di conferma ai dipendenti.

“Non penso che questa sia una cosa di gioco. Penso che sia una cosa tecnica”, afferma Michael Pachter, analista di Wedbush Securities che segue l’industria del gioco.

C’è stato un tempo in cui l’industria del gioco era considerata immune alla recessione.

Il gioco non è un’industria a prova di recessione. I giochi interagiscono davvero con i mercati

Lynn Noney, assistente professore di industrie dei media, New York University

Un tasso di disoccupazione più elevato sembra essere correlato a più persone che hanno le mani libere per tenere in mano un controller. Le tendenze recenti hanno fatto esplodere questa idea.

READ  I dischi Boox sono un'opzione benvenuta nella nicchia in continua crescita degli e-reader - TechCrunch

“I giochi non sono un’industria a prova di recessione”, afferma Lynn Noni, assistente professore di industrie dei media alla New York University.

“I giochi interagiscono davvero con i mercati”.

Nonostante le recenti cattive notizie, quest’anno le cose potrebbero andare meglio.

Dopo aver trascorso gran parte dell’anno scorso in un funk post-Covid, con giochi ritardati e una spesa stimata al 4,3%, alcuni analisti contano sul 2023 per il rimbalzo.

Dopotutto, ha la più grande formazione di giochi in pila degli ultimi anni.

Aggiornato: 22 gennaio 2023, 4:00