Aprile 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come porre fine a una fuga precipitosa alla fine del supporto utilizzando la gestione del ciclo di vita

Come porre fine a una fuga precipitosa alla fine del supporto utilizzando la gestione del ciclo di vita

Da quando Microsoft ha annunciato che presto terminerà il supporto per Office 2013, alcuni amministratori IT si stanno affannando per eseguire l’aggiornamento. altri no. Gli amministratori IT che praticano la gestione del ciclo di vita del software hanno già identificato,
Aggiornamenti necessari pianificati e implementati.

Mentre alcuni amministratori stanno perdendo il sonno per l’imminente perdita di accesso al supporto tecnico, agli aggiornamenti, alle correzioni di bug e alle patch di sicurezza, coloro che praticano la gestione del ciclo di vita sono passati a concentrarsi su altre funzioni aziendali vitali.

In poche parole, la gestione del ciclo di vita del software riduce al minimo le sorprese configurando l’ambiente IT e seguendo un piano per valutazioni e aggiornamenti continui.

Il concetto è semplice, ma non è sempre facile da implementare. Man mano che gli ambienti IT diventano più complessi e geograficamente dispersi, un intero team può essere consumato cercando di tenere il passo. Ogni nuova aggiunta di hardware o software che richiede conoscenze specialistiche può comportare incarichi aggiuntivi e lunghe curve di apprendimento.

Fai funzionare la gestione del ciclo di vita

La gestione del ciclo di vita del software dovrebbe iniziare con uno sguardo completo alla configurazione dell’ambiente IT. Una valutazione chiara può rivelare problemi che devono essere affrontati prima che questa strategia possa essere efficace. Problemi come espansione incontrollata, sistemi legacy ingombranti e requisiti per le funzioni aziendali critiche.

Naturalmente, è anche importante comprendere le capacità e la disponibilità del personale che sarà in grado di monitorare l’ambiente gestendo il cambiamento e l’innovazione.

La gestione del ciclo di vita inizia con un’attenta configurazione, quindi include un’analisi continua delle deviazioni per determinare quali sistemi devono essere aggiornati, riconfigurati o patch. I sistemi IT richiedono un’attenzione costante per evitare perdite di prestazioni, non conformità e vulnerabilità della sicurezza. Ma questo è sempre più impossibile man mano che i sistemi diventano più grandi e complessi.

READ  Chronic Shedder rimandato indietro nella quarantena dell'hotel

Fortunatamente, l’automazione è in fase di sviluppo per semplificare le attività di identificazione, debug e aggiornamento dei sistemi. L’implementazione dell’automazione non solo offre al tuo team tempo prezioso per svolgere le attività più importanti, ma aiuta anche a mitigare la possibilità di errore umano.

C’è un altro strumento che può essere trascurato durante l’implementazione di un piano di gestione del ciclo di vita. Questo strumento è MigrationWiz della mia azienda.

Cosa c’entra l’immigrazione?

Gli amministratori IT spesso pensano alle migrazioni come risultato di una fusione o acquisizione, non necessariamente come uno strumento di gestione. Ma la migrazione può essere il punto di partenza per configurare un ambiente in modo che l’IT possa implementare una gestione efficace del ciclo di vita.

Il passaggio al cloud o il consolidamento dei tenant è una strategia in crescita per alleggerire il carico del lavoro amministrativo quotidiano dal tuo team, consentendo loro di concentrarsi su un lavoro più incisivo.

I fornitori di servizi cloud certificati come Microsoft Azure si occupano della manutenzione, degli aggiornamenti, delle patch e della sicurezza, quindi non devi farlo tu. La flessibilità dell’ambiente cloud garantisce inoltre una maggiore capacità di ottimizzare la configurazione del sistema e implementare nuove applicazioni più rapidamente.

Senza uno strumento di migrazione automatizzato come MigrationWiz, alcuni amministratori IT erano riluttanti ad accettare quello che consideravano un altro grande progetto.

Ora, le migrazioni eseguite in modo strategico stanno diventando un componente della gestione semplificata del ciclo di vita perché un ambiente cloud unificato può portare a costi operativi e di supporto inferiori, risparmi di tempo significativi, maggiore produttività e la fine di tempi di inattività costosi e imbarazzanti.

READ  Il supporto nativo di GeForce Now arriva sui Mac M1

migrazione per meno

Le organizzazioni potrebbero sentire la pressione di eseguire la migrazione prima della fine del supporto per Office 2013. Oppure potrebbero pianificare una migrazione come parte dei loro piani di gestione del ciclo di vita. Qualunque sia il motivo, ora è il momento di ottenere le licenze delle app di migrazione poiché sono disponibili offerte preziose.

Esempi di BitTitan includono:

  • Licenza per documenti condivisi da 50 GB Esegui la migrazione di file, cartelle, autorizzazioni, versioni e metadati a soli $ 19 per licenza.
  • Licenza per documenti condivisi da 100 GB: migra carichi di lavoro di documenti più grandi a soli $ 29 e risparmia $ 19 per licenza.
  • Licenza di collaborazione Teams: trasferisci team e componenti Microsoft, inclusi canali, cronologia chat e conversazioni, a soli $ 34 per licenza.
  • Tenant Migration Package (TMB): ogni licenza BitTitan include una licenza Single User Migration Package e una licenza Flex Collaboration in modo che le organizzazioni possano migrare caselle di posta, documenti e archivi personali senza un limite di dati. Sono solo $ 39 per pacchetto per un periodo di tempo limitato.