Settembre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come l’artista Ben Grosser taglia a misura Mark Zuckerberg | Social media

WQuando si scriverà la storia dei primi decenni di questo secolo, poche opere d’arte saranno narrate più del film di Ben Grosser Un ordine di grandezza. Nel video di 47 minuti, Grosser, artista digitale e professore di nuovi media all’Università dell’Illinois, analizza ogni caso generale. Mark Zuckerberg Ha parlato di “più” e “più grande”. Il conseguente montaggio di interviste e presentazioni è una rapida progressione della rapida crescita di Facebook dove per bocca del CEO migliaia diventano milioni e poi miliardi. È un monologo accattivante, la storia del nostro tempo.

Grocer, parlandomi da Urbana tramite Zoom la scorsa settimana, ha suggerito: “L’idea che Zuckerberg abbia sfruttato più di chiunque altro nella Silicon Valley, era la necessità di crescere il più rapidamente possibile, di avere la più grande quota di mercato. E tutto era soggetto a tale.” Il film fa parte di un doppio atto. Grosser ha anche interrotto tutti i momenti che ha trovato per Zuckerberg ogni volta che ha menzionato la diminuzione dei numeri o la riduzione delle cose. Questo film dura 30 secondi, anche se in un remake Prossima mostra alla Arebyte Gallery di Londra, ha rallentato quei secondi, quindi funziona anche per 47 minuti.

I film “A” di Zuckerberg sono presenti in una serie di progetti che hanno reso Grocer il più utile di tutti i critici dei social media. Oltre a fare satira su Zuckerberg, ha creato una serie di software che analizzano esattamente il modo in cui si sommano i numeri di Facebook. per lui Demetratore di Facebook È un’app che qualsiasi utente può utilizzare per rimuovere tutte le metriche che creano dipendenza dalla piattaforma, bloccando quegli esatti colpi di dopamina da Mi piace e amicizie. Demetratore per Instagram e Twitter hanno seguito. Dopo aver provato quest’ultimo per un po’, l’effetto è stato prima confuso e poi liberatorio. “Siamo stati condizionati a concentrarci sui numeri e usarli come proxy per quanto sia importante qualcuno o quanto bene viene ricevuto qualcosa”, dice Grosser. Senza queste metriche, suggerisce, “dovresti effettivamente leggere un post per vedere cosa ne pensi o guardare la biografia di qualcuno per vedere se vuoi seguirli”.

READ  Sette partner con BrightLine per lanciare 7Interactive
Ben Grosser
Ben Grosser: “Immagina se uno degli artisti che ho ammirato in passato si preoccupasse dei primi 10 minuti di reazione al proprio lavoro e lo usasse come guida”. Foto: per gentile concessione di Ben Grosser

Grosser, come me, è abbastanza vecchio da ricordare le connessioni prima di Internet. Negli anni ’90, era entusiasta delle possibilità di utilizzare l’intelligenza artificiale primitiva per comporre musica: si armeggiò con la creazione di suoni “diversi e strani” che non aveva mai sentito prima. Durante il suo primo boom delle dotcom, ha ricevuto alcune offerte di lavoro dalle startup della Silicon Valley, ma ha preferito la libertà dell’esperienza accademica. Ricorda di essere stato eccitato all’inizio dalle possibilità Facebook, poi Twitter, i modi in cui “fornivano un accesso interattivo senza restrizioni ad altri umani in modi che non avevi prima”. Fu solo intorno al 2010 che divenne intensamente consapevole degli effetti che la sua abitudine ai social media aveva sul suo cervello.

“La prima grande realizzazione riguardava i pericoli”, dice. “Il modo in cui i miei occhi erano costantemente attratti dal piccolo numero di avviso rosso e bianco su Facebook nei giorni in cui dovevi accedere”. Ha riconosciuto lo schema di dipendenza di questo aspetto, il processo in tre fasi attraverso il quale la facciata di Zuckerberg ruba compulsivamente la tua attenzione: primo, “Qualcuno ha interagito con me o mi ha prestato attenzione mentre ero via?” Un lampo temporaneo di eccitazione partecipativa. Quindi lo stato di picco di quel numero scompare. Poi la successiva necessità di pubblicare qualcos’altro, per ricominciare il ciclo. “Sto iniziando a pensare, ‘Qualcuno ha progettato questo piccolo circuito di feedback. Chi sono questi? Chi ne beneficia?'”, dice Grosser.

Come insegnante d’arte, era consapevole che i suoi studenti non avevano visto nulla di insolito in questo stile. Sono cresciuti con lei. Può anche vedere come il ciclo di feedback e un desiderio costante di essere d’accordo hanno plasmato la loro idea di cosa sia l’arte: “Vedono le star di YouTube e le stelle di TikTok e pensano: cosa posso fare otterrò anche la migliore metrica per il coinvolgimento sui social media. .” Questa compulsione sembrava soffocare la loro creatività prima ancora che si formasse.

Grosser pone una domanda ai suoi studenti nel primo seminario. “Chi qui ha cancellato un post sui social media entro 10 minuti dalla sua pubblicazione, perché non ha avuto la reazione metrica che sperava?” Ogni mano si alza. Poi ha detto: “Ora immagina se qualcuno degli artisti che mi è piaciuto in passato ha prestato attenzione ai primi 10 minuti di reazione al proprio lavoro e lo usa come indizio per sapere se qualcosa dovrebbe essere buttato via”. Se hai idee originali e stravaganti, suggerisce, il mondo potrebbe aver bisogno di tempo per adattarsi ad esse.

Immagine dalla galleria Software for Less.
Foto dalla galleria Software for Less. Foto: per gentile concessione di Ben Grosser

Grosser ha testato una piattaforma che potrebbe aiutare anche in questo. Minus infrange tutte le regole dei media ossessionati dal metro. Agli utenti è consentito solo un numero limitato di post: esattamente 100 in tutta l’età e non ci sono Mi piace o follower. L’unico modo per interagire con un altro adesivo è rispondere. I suoi tester sperimentali hanno segnalato alcune preoccupazioni, che assomigliano molto al tipo di ansia che gli artisti hanno sempre provato: “Sentono quasi che ci sia molto peso sul prisma”, dice. “E ‘come, ‘Sto solo andando a ottenere 100, e se facessi esplodere qualcuno in qualche merda?'” “Spera che l’idea di qualità possa competere con l’alternativa quantitativa: se smettiamo di pensare, dice, ‘siamo chiamati a credere. Twitter L’alimentazione durerà per sempre. E quindi siamo costantemente nella nostra mente in termini di come potremmo apparire su Twitter o di come sarebbe qualcosa che stiamo facendo in questo momento se ne parlassi su Twitter…”

Ha anche progetti che incasinano gli algoritmi della Silicon Valley che hanno bisogno di te per esprimere (andare a caso) o minare la sorveglianza della NSA aggiungendo spam a ogni e-mail che potrebbe far scattare campanelli d’allarme)paura della posta). È, in questo senso, un uomo che corregge il mondo guidato dai dati in cui ci troviamo ora; La sua arte ne evidenzia i limiti. “Il metodo computazionale di ricerca è necessariamente il processo di determinazione dei limiti dove potrebbero non esserci limiti”, afferma. Non c’è spiegazione migliore per questo, suggerisce, delle raccomandazioni disperate di Spotify. L’analisi dei dati ti dà le risposte che il codice può produrre, ma ignora completamente tutte le risposte che il codice non può darti. Mi potrebbero piacere i Led Zeppelin ma non le altre rock band degli anni ’70”. Lo spettacolo non sarà mai all’altezza.