Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come la nuova “legge capitale” della Meloni potrebbe ritorcersi contro le imprese italiane

Come la nuova “legge capitale” della Meloni potrebbe ritorcersi contro le imprese italiane

Apri Editor's Digest gratuitamente

Dimentichiamo l'S&P 500 e l'eccitazione frenetica delle ultime settimane, mentre l'indice statunitense si avvicina a livelli record. L'indice FTSE MIB dei 40 maggiori titoli italiani è dove si trova la vera storia del boom. Negli ultimi tre anni l’indice italiano ha superato l’indice S&P 500 in termini di valore in valuta locale. Anche se l'S&P non ha mai raggiunto un nuovo massimo ed è sceso nuovamente a gennaio, il mercato italiano ha continuato il suo slancio al rialzo.

Anche la prosperità è probabilmente più sana. Mentre i titoli tecnologici delle Big Seven hanno rappresentato la maggior parte dei guadagni statunitensi, il rialzo in Italia è stato guidato da una più ampia diffusione di società – tra cui l’appaltatore della difesa Leonardo, che ha visto le sue azioni raddoppiare nell’ultimo anno; la casa automobilistica Ferrari (+50%); e le banche, guidate da UniCredit (+77%).

E ora il governo della Georgia Meloni promette di andare oltre per facilitare l’accesso al mercato azionario e premiare gli azionisti che investono a lungo termine: i cosiddetti DDL Capitale – ovvero il disegno di legge capitale – dovrebbe passare in Parlamento nelle prossime settimane. Queste misure dovrebbero rafforzare l’economia italiana e fermare la fuga delle aziende locali verso località concorrenti nell’Unione Europea. Soprattutto i Paesi Bassi. Dovrebbe anche beneficiare direttamente del programma di privatizzazione del governo, che dovrebbe raccogliere 20 miliardi di euro nei prossimi tre anni.

Ma tra alcune società e azionisti si è diffuso l’allarme che la legislazione, invece di liberalizzare e incentivare gli investimenti nelle imprese italiane, potrebbe fare il contrario. Gli ultimi emendamenti gli hanno conferito una vena protezionistica, che serve gli interessi degli alleati della Meloni e può scoraggiare gli investimenti internazionali.

READ  Mercati preoccupati per la crescita economica italiana: il Fisco della BCE

Tra le modifiche più sorprendenti c’è una regola che darebbe un forte incentivo a detenere azioni per dieci anni o più, dando a questi investitori 10 volte più diritti di voto rispetto agli azionisti a breve termine. Sebbene questa clausola si applichi teoricamente a qualsiasi investitore, in pratica favorisce alcuni tipi di azionisti italiani – tipicamente entità a conduzione familiare che cercano di mantenere il controllo delle società, così come tipi di società locali. com.fondazione che erano azionisti a lungo termine, anche se spesso politicizzati, delle banche italiane.

Si prevede che il beneficio derivante dal potere di voto aggiuntivo sarà esercitato in gran parte attraverso una delle disposizioni chiave della nuova legge, che dà agli azionisti una maggiore voce in capitolo nella nomina dei membri del consiglio di amministrazione della società. Questo può sembrare positivo. Tuttavia, neutralizzerebbe gli attivisti degli hedge fund. Secondo gli esperti, i nuovi e complessi meccanismi per la nomina degli amministratori renderebbero impraticabile un sistema di governance aziendale già bizzarro, in cui i consigli di amministrazione di grandi società e azionisti più espliciti spesso presentano liste concorrenti di amministratori proposti. Rapporto da L'Autorità di regolamentazione dei valori mobiliari Consob Ha detto che le riforme potrebbero “rappresentare un’esperienza unica”. [set-up] A livello internazionale, che mina gli obiettivi di semplificazione, stabilizzazione e comprensione delle normative di settore”.

Il beneficiario più evidente del disegno di legge modificato è il miliardario Francesco Gaetano Caltagirone, l'ottuagenario magnate dell'edilizia e dei media, uno dei principali azionisti di due dei più potenti gruppi di servizi finanziari italiani, Generali e Mediobanca. I tentativi suoi e dei suoi alleati di imporre nuovi consigli di amministrazione alle due società sono stati vanificati. Caltagirone è anche un alleato chiave del governo Meloni: possiede giornali influenti nelle zone in cui il suo sostegno è forte.

Francesco Gaetano Caltagirone
Il beneficiario più ovvio del disegno di legge modificato è Francesco Gaetano Caltagirone, un alleato chiave del governo Meloni. ©EPA-EFE

Se la legge venisse approvata come proposto, rappresenterebbe una seconda mossa al ribasso per i mercati italiani entro pochi mesi. Lo scorso agosto, i titoli bancari sono crollati dopo il caotico annuncio di una tassa sulle banche. Dopo il dibattito all'interno della coalizione di governo Meloni, l'aliquota fiscale è stata ridotta e poi è stata introdotta un'alternativa, secondo la quale la banca avrebbe potuto aumentare le proprie riserve invece di pagare un'imposta.

Il risultato, che non ha visto alcun aumento delle entrate fiscali, è stato salutato dal Ministero del Tesoro italiano come una spinta alla solidità patrimoniale delle banche in un momento in cui l’aumento dei tassi di interesse minaccia di innescare un picco dei prestiti in sofferenza. Anche se ciò fosse vero, qualsiasi beneficio indotto sarebbe stato minato dal danno alla reputazione causato da questo incidente. Le tasse doganali e le fluttuazioni politiche hanno portato molti gestori patrimoniali statunitensi a diffidare di mercati come Italia, Spagna e Regno Unito.

Finora il mercato azionario italiano ha registrato un boom nonostante tutto ciò – ma il governo Meloni non può permettersi di essere ottimista: il rapporto prezzo/utili dell’S&P 500 è circa 25 volte; Il FTSE MIB è ancora a una cifra.

patrick.jenkins@ft.com