Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come aiutare una persona con un disturbo alimentare: 6 modi

I disturbi alimentari colpiscono almeno il 9% della popolazione mondiale, che comprende circa 30 milioni di americani. più di 10000 persone Muore ogni anno per disturbi alimentari, e solo negli Stati Uniti. L’epidemia ha portato a di più nel numero e nella gravità dei casi, secondo uno studio di gennaio pubblicato su The Lancet Psychiatry.

Le persone vicine a qualcuno con un disturbo alimentare “svolgono un ruolo enorme nel prestare semplicemente attenzione e identificare potenziali fattori o segni di rischio”, ha affermato Alvin Tran, professore associato di salute pubblica presso l’Università di New Haven nel Connecticut. Tran fa ricerche sui disturbi alimentari e sull’immagine corporea.

Una delle cose più facili che puoi fare è chiedere come aiutare, ha affermato Joanne Hendelman, direttrice clinica della National Eating Disorders Alliance. Ma prima devi imparare, ha aggiunto, perché non sapere abbastanza può essere dannoso.

Ecco cos’altro dovresti sapere sul sostegno a qualcuno con un disturbo alimentare.

1. Conosci i segni

Poiché l’intervento precoce è fondamentale, ha affermato Tran, è importante essere in grado di riconoscere i segni dei disturbi alimentari. Conoscere i fatti su peso, alimentazione ed esercizio fisico può aiutarti a pensare con qualcuno a qualsiasi mito che alimenta le sue abitudini, secondo Associazione nazionale per i disturbi alimentari.
Qui ce ne sono alcuni segni comuni Ciò che può indicare la perdita di peso, le dimensioni o la forma del corpo e il controllo del cibo stanno diventando preoccupazioni primarie, secondo NEDA:

emotivo e comportamentale

  • Considerazione eccessiva della riflessione dei difetti percepiti
  • Preoccupazione per peso, cibo, calorie, carboidrati, grammi di grassi e dieta
  • Rifiuto di mangiare determinati alimenti o intere categorie di alimenti
  • Fastidio per mangiare con gli altri
  • Rituali alimentari come mangiare un determinato alimento o gruppo alimentare, masticare eccessivamente o non lasciare che gli alimenti si tocchino
  • Saltare i pasti o mangiare piccole porzioni
  • Ritiro da amici e attività
  • forti sbalzi d’umore
READ  Il lancio dalla California inizia lunedì il conto alla rovescia per il ritiro di Atlas 5 - Spaceflight Now

fisico – fisico

  • Significativo aumento o perdita di peso
  • Reclami di problemi digestivi come crampi allo stomaco, costipazione e reflusso acido
  • Difficoltà di concentrazione
  • Vertigini, soprattutto quando ci si alza in piedi
  • svenimento
  • Sensazione di freddo spesso
  • Tagli e unghie alle nocche delle dita (da vomito intenzionale)
  • Scolorimento dei denti, carie o perdita dei denti
  • Pelle secca, capelli e unghie fragili
  • rigonfiamento sotto le orecchie
  • Capelli fini sul corpo (peluria)
  • debolezza
La National Eating Disorders Association ha menu È un segnale di avvertimento di ogni disturbo alimentare, ma sappi che i sintomi non sempre rientrano nella scatola.

2. Condividi le tue preoccupazioni

Se vuoi confrontarti con la persona amata sui segni che hai notato, provare ciò che vuoi dire può aiutarti ad alleviare parte del tuo stress, secondo il NEDA.

Fissa un appuntamento per parlare in un luogo privato. Invece di chiedere se qualcuno ha un disturbo alimentare, fare accuse o esprimere opinioni, usa affermazioni realistiche “Io” su ciò che hai osservato.

Ciò potrebbe significare dire: “Ehi, ho notato che ti stai concentrando o parli più di dieta”, ha detto Tran. oppure “Ho notato che ti senti a disagio a mangiare di fronte alle persone. Per favore, sappi che sono qui per fornire questo supporto se mai ne hai bisogno. ”

Tran e Hendelman hanno affermato che sottrarre il peso o l’aspetto di qualcuno è raramente appropriato o utile. NEDA suggerisce di non dare consigli semplicistici come “mangia e basta” o “smetti di mangiare”.

“È come andare da qualcuno che è dipendente da una sostanza o da qualcuno che fuma e dice: ‘Smettila e basta’”, ha spiegato Tran. “Non è un processo semplice e molte volte dovrai affrontare un contraccolpo quando fai commenti come quello.”

READ  Il Voyager 1 della NASA invia dati misteriosi dall'esterno del nostro sistema solare

Preparati anche a reazioni difensive ai tuoi consigli istruiti. Alcune persone potrebbero arrabbiarsi se la tua consapevolezza minaccia le loro possibilità di ottenere ciò che vogliono da un disturbo alimentare. Se ciò accade, ripeti le tue preoccupazioni, ma non forzarle: dì che sei interessato e lascia la porta aperta per la conversazione, dice Nida.

3. Incoraggiateli a chiedere aiuto

Le persone con disturbi alimentari hanno bisogno di un aiuto professionale per riprendersi. Se non hanno un medico o un terapeuta ma sono disposti a riprendersi, puoi offrirti di aiutarli a trovare un medico o partecipare a un appuntamento con loro.

Il NEDA afferma che ottenere un trattamento efficace il prima possibile aumenta notevolmente le possibilità di guarigione di una persona.

Ecco alcune risorse:

  • Associazione nazionale per i disturbi alimentari: Le persone negli Stati Uniti possono usarlo linea di assistenza nada.
  • Alleanza nazionale sui disturbi alimentari: Usa il strumento di ricerca Per centri di cura o specialisti americani.
  • mente: Questa organizzazione di salute mentale elenca fonti nel Regno Unito.
  • Speranza per i disturbi alimentari: Questa organizzazione ha informazioni su Risorse internazionali.

Non credere semplicemente che la persona amata incontrerà un professionista: assicurati che segua.

4. Ricorda loro perché vogliono riprendersi

Come Instagram ha portato agli adolescenti  problemi alimentari

Sia che la persona amata voglia viaggiare, fare amicizia, avere figli o intraprendere una carriera, potrebbe avere obiettivi che un disturbo alimentare ha frustrato.

NEDA afferma che ricordare a una persona questo futuro può aiutare a concentrarsi sul recupero a lungo termine, piuttosto che sui benefici percepiti a breve termine di un comportamento dirompente. Aiutali a riconnettersi con i loro valori e con chi vogliono essere.

5. Evita di giudicare il corpo e il cibo

Dovresti anche evitare di dire cose che potrebbero essere sexy, come commenti come “Wow, hai intenzione di prendere due torte?” o “Mi sento così grasso in questo momento”.

Umore o altro?  Come fai a sapere se tuo figlio ha un disturbo mentale

“Una persona con un disturbo alimentare è in competizione con il corpo di tutti gli altri”, ha detto Hendelman. “La voce in qualcuno che mangia un cervello disturbato è: ‘Non puoi competere con quella persona, hai un corpo più grande, sei cattivo, devi seguire la dieta di questa persona. ”

READ  Un istantaneo grande squalo bianco squarcia la costa di Cape Cod

6. Mantenere una relazione multiforme

Hendelman ha avvertito che se tutto ciò di cui parli con la persona amata è un disturbo alimentare, quella persona potrebbe allontanarti.

In generale, un disturbo alimentare è solo la punta dell’iceberg in termini di ciò che sta succedendo alla persona – alla base possono esserci problemi come depressione, ansia, traumi o insicurezza.

“Capisco che questa cara persona sta soffrendo”, ha detto Hendelman. “Il cibo e il mangiare sono il modo in cui intorpidiscono il dolore, tollerano l’ansia o svolgono la loro giornata”.

A volte solo fare attività divertenti e rilassarsi insieme può fare due cose: alleviare qualunque cosa la persona stia attraversando e dimostrare che esisti ma non la soffoca.

In generale, sostenere qualcuno con un disturbo alimentare richiede pazienza, educazione, comprensione, compassione e gentilezza. Ma sii fermo e “non aspettare che la situazione diventi così grave da mettere in pericolo la vita della tua amica”, dice Nida.