Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Clearview AI multata in Italia, inizia la scansione dei soldati russi uccisi in Ucraina

Da quando la società di riconoscimento facciale Clearview AI è emersa dal nulla due anni fa, è stata all’avanguardia nel suo campo, non in termini di etica. Secondo un recente post sul blog di PIA, la società afferma di creare un database che contiene 100 miliardi di immagini di volti in modo che “tutti nel mondo possano essere identificati”. Il post ha anche rilevato che Clearview AI deve affrontare azioni legali da parte dei governi, in particolare dell’Unione Europea. Lo ha annunciato la Commissione italiana per la protezione dei dati Penalità e Divieto:

I risultati mostrano che i dati personali detenuti dalla società, comprese le informazioni biometriche e di geolocalizzazione, potrebbero essere stati trattati illegalmente senza un’adeguata base giuridica, perché l’interesse legittimo della società con sede negli Stati Uniti non è ammissibile. Inoltre, la società ha violato alcuni principi base del GDPR, tra cui la trasparenza – mancata adeguata informativa agli utenti – l’ambito di applicazione – che ha trattato i dati dell’utente per le finalità per le quali sono disponibili online – e l’ambito della conservazione. – Non imposta alcun periodo di conservazione dei dati. Pertanto, Clearview AI viola le libertà degli interessati, inclusa la privacy e la protezione non discriminatoria.

Le autorità italiane hanno inflitto a Clearview AI una sanzione di 20 milioni di euro e ordinato alla società di cancellare tutti i dati relativi alle persone fisiche in Italia. E la raccolta e il trattamento di tali dati è vietata. Non è chiaro il motivo per cui Clearview AI afferma di non avere una sede commerciale in Italia (o UE) e nessun cliente in Italia. L’azienda rispetta Con l’ultimo ordine.

READ  Il COVID-19 aggrava il calo delle nascite in Italia - EURACTIV.com

Sulla base della sentenza, è improbabile che la società italiana di protezione dei dati approvi l’uso della tecnologia Clearview AI in Italia. Può seguire l’esempio della Svezia, e Penalità per qualsiasi azienda o organizzazione Che ha cercato di risolverlo. E più in generale, con il dominio italiano Precedente dal regolatore della privacy francese, è improbabile che Clearview AI abbia molto successo vendendo il suo prodotto nell’UE, dove impone regole rigorose su come i dati personali come le immagini dei volti del GDPR possono essere raccolti e utilizzati. Non essere scoraggiato, Clearview AI mira ad aggiungere altre 18 persone al suo personale esistente 50, secondo Reuters. Spera di vincere alcuni importanti accordi governativi negli Stati Uniti: le agenzie federali utilizzano già il sistema Clearview AI su base di prova.

L’azienda vuole anche mantenere i contatti con i governi esterni. Come azione di sciopero, Clearview AI sta facendo i suoi servizi Disponibile gratuitamente presso il Ministero della Difesa ucraino. Esistono vari modi in cui i funzionari in Ucraina possono utilizzare il database dell’azienda. Il fondatore e CEO dell’azienda, Hon Dunn-That, afferma che dei 10 miliardi di volti attualmente nel database Clearview AI, due miliardi vengono prelevati dal servizio di social media. VKontakteIl russo è l’equivalente di Facebook, con oltre mezzo miliardo di utenti.

Molti di questi utenti saranno in Russia, probabilmente giovani, il che significa che una buona parte dei soldati inviati dalla Russia a combattere in Ucraina utilizzerà VKontakte e sarà nel database di Clearview AI. Quando le persone oltrepassano i posti di blocco, le autorità ucraine consentiranno l’utilizzo del servizio di riconoscimento facciale. Ma ce n’è un altro, Più drammaticoUtilizzare per creare Ucraina Clearview AI:

Il vice primo ministro ucraino Mikhail Fedorov, che dirige anche il ministero della Trasformazione digitale, ha raccontato a Reuters i resoconti sui social media dei soldati russi morti utilizzando il software ucraino Clearview AI.

Da lì, le autorità stanno inviando messaggi ai parenti per organizzare il prelievo del corpo, ha affermato.

“Per rendere omaggio alle madri di quei soldati, stiamo almeno diffondendo queste informazioni sui social media per far sapere alle famiglie che hanno perso i loro figli e poi venire a ritirare i loro corpi”.

Secondo Reuters, Hon Dunn-Thatt afferma che la sua organizzazione può facilmente identificare i morti piuttosto che cercare di abbinare le impronte digitali. La ricerca nell’area dell’utilizzo del riconoscimento facciale per identificare i morti è stata limitata e ha riportato un successo misto degli esperimenti. Rapporto 2019 per il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti L’identificazione dei volti nelle “fasi successive del decadimento” è risultata essere una “sfida significativa”, ma l’uso di reti neurali profonde si rivela promettente. Lavoro più recente L’utilizzo di tecniche di apprendimento approfondite per identificare i cadaveri produce risultati che i ricercatori chiamano “soddisfacenti”.

READ  La Guardia di Finanza italiana sequestra mega imbarcazione dell'oligarchia russa

Oltre alle questioni tecniche, ci sono importanti preoccupazioni etiche nell’uso delle tecnologie di riconoscimento facciale per i morti. Chiaramente, l’interessato non poteva acconsentire. Dovrebbe anche essere considerato l’impatto sulla loro famiglia. Come menzionato nell’articolo di Reuters sopra citato, le autorità ucraine utilizzano il sistema Clearview AI per “diffondere” informazioni mirate sui social media. Forniscono il modulo online I parenti russi possono rivendicare il diritto di ritirare la salma.

Ricevere queste informazioni attraverso i social media può essere frustrante per le relazioni, poiché la Russia sembra fornire pochissime informazioni sulle sue vittime, anche alle famiglie delle vittime. C’è anche un ovvio rischio di essere erroneamente identificato, il che significa che le persone potrebbero essere male informate che la loro relazione è morta mentre sono in vita. Per le autorità ucraine, questo non è un errore e può anche essere visto come una caratteristica, perché aiuta a diffondere preoccupazione tra la gente comune russa. Per questi e altri motivi, l’uso delle tecnologie di riconoscimento facciale sul campo di battaglia può essere molto comune.

Immagine in primo piano di Mvs.gov.ua.

Servizio VPN