Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cinque spunti di discussione dal Gran Premio d’Italia

Cinque spunti di discussione dal Gran Premio d'Italia

Avrebbe dovuto esserci una bandiera rossa?

La principale controversia che circonda la gara è stata circondata da una decisione discutibile da parte dei funzionari, non per la prima volta. Ciò ha lasciato il Tifosi fischiato poiché la gara si è conclusa completamente sotto la safety car. La McLaren guidata da Daniel Ricciardo ha innescato lo scenario quando Ben Lesmos si è fermato dopo che il suo motore Mercedes ha perso la sua vettura a sei giri dalla fine. Ha parcheggiato l’auto vicino a un varco nella recinzione, ma le guardie da sole non sono state in grado di spostare l’auto. Poi, una volta presa la decisione di chiamare la safety car, ha scelto il terzo classificato George Russell invece di Verstappen e ci è voluto molto tempo per risolvere la richiesta. Le avvolgenti vetture infatti sono rimaste tra il vincitore e il secondo classificato Charles Leclerc mentre la leggenda del motociclismo Giacomo Agostini ha sventolato la bandiera di piazza.

Oltre a questo pasticcio, è stata posta la domanda: perché il direttore di gara non ha lanciato bandiera rossa per assicurarsi che il Gran Premio d’Italia si concludesse in condizioni di gara? Secondo il messaggio, Ricciardo non si è rotto e non c’erano danni al dissuasore da riparare, ma in un’era in cui la F1 è chiaramente orientata all’intrattenimento e si assicura che lo spettacolo venga prima possibile, sembrava un obiettivo ovvio rubare Tifosi e il pubblico televisivo globale in un round o due. Una chiamata del genere sarebbe stata dura per Red Bull e Verstappen, che entrambi hanno preso perfettamente quella vittoria e non meritavano una lotta in ritardo per tenerla. Ma non è che non fossero sul lato positivo di ricevere tale fortuna altrove, vero? Non possiamo mai dimenticare Abu Dhabi 2021.

READ  Stagione 2 di "The White Lotus": F. Murray Abraham parla delle gioie di interpretare un nonno inappropriato