Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ciclismo – CINQUE per guardare le Olimpiadi di Tokyo

Xviii Giochi Panamericani Lima 2019 BMX Bike Finale Donne – Costa Verde Beach Circuit, Lima, Perù – 9 agosto 2019. Medaglia d’oro colombiana Mariana Pagon si erge sul podio con la sua medaglia. Fotografia: Pilar Olivares/Reuters

23 giugno (Reuters) – Cinque ciclisti da tenere d’occhio alle Olimpiadi di Tokyo:

Laura Kenny (Gran Bretagna)

Metà della coppia d’oro del ciclismo britannico, Kenny e suo marito Jason, mirano ad aggiungere serbatoi a coppa rialzata sulle tavole della pista Iso.

La specialista dell’endurance Kenny ha vinto l’oro nell’inseguimento a squadre e l’omnium mentre la Gran Bretagna ha dominato Londra 2012 e si è ripetuta a Rio quattro anni dopo diventando l’olimpionica più decorata del suo paese, anche se è due volte dietro a Jason Six.

La 29enne vanta un motore enorme per guidare l’inseguimento della squadra e una mente tattica intelligente negli eventi di massa Omnium e il ritardo di un anno aiuterà la giovane madre a tornare alla sua massima forma fisica dopo aver subito alcuni gravi incidenti.

Mariana Pagon (Colombia)

La regina delle corse BMX, Pagon è l’olimpionica femminile di maggior successo in Colombia dopo aver vinto l’oro a Londra e Rio.

Sta solo 5 piedi e 2 pollici, ma lo attacco su una bici BMX e si trasforma in un razzo tascabile sui salti.

Un nome enorme in Colombia, il Pajon sarebbe difficile da hackerare per chiunque cerchi di cavalcare con il suo titolo.

“Quando indosso l’elmo”, ha detto, “è come se stessi andando in battaglia, sono una guerriera”. “Non mi fermerò nemmeno se fa male.”

Chloe Dygert (USA)

Il veloce pilota americano è già campione del mondo su pista e su strada e avrà ambizioni di medaglia d’oro in entrambe a Tokyo. La nativa dell’Indiana, nota per i suoi calzini e ruote rosa, era in una classe a parte ai Campionati del mondo di pista del 2020, poco prima che colpisse la pandemia di COVID-19.

READ  Simona Halep segue Serena Williams, Rafael Nadal e Dominic Thiem nel ritiro dalle Olimpiadi di Tokyo

Ha condotto il trio americano a una vittoria schiacciante sulla Gran Bretagna nella ricerca a squadre a Berlino e ha battuto due volte il record mondiale in rotta verso l’oro nel TT individuale.

Un anno prima, la strada d’oro del TT ai Campionati del Mondo nello Yorkshire ha preso fuoco, lasciandosi alle spalle la formidabile flotta olandese.

Un terribile incidente l’anno scorso sul TT World Route di Imola dove ha subito una profonda lacerazione alla gamba, che ha richiesto un intervento chirurgico, l’ha bloccata sul colpo, ma se si riprenderà completamente, potrà illuminare le Olimpiadi.

Harry Lafrisen (Paesi Bassi)

Nel mondo degli sprint maschili, l’Olandese volante ha fissato lo standard negli ultimi anni e sarebbe il favorito per porre fine al dominio degli sprint di Jason Kenny.

Il 24enne ha vinto lo sprint, lo sprint a squadre e l’oro Keren ai campionati del mondo di Berlino nel 2020 e una ripetizione non sarebbe stata una sorpresa a Tokyo, anche se il collega olandese Jeffrey Hoagland sarà un serio contendente nel singolo.

“Penso che se tutto andasse nel libro dei modelli, sarebbe una grande sorpresa se né Harry Lafraisen né Jeffrey Hoagland vincessero la gara maschile”, ha detto a Reuters il sei volte campione olimpico britannico Chris Hoy. “Sono sempre stati una spanna sopra il resto del mondo negli ultimi quattro anni”.

Filippo Gana (Italia)

“La Bestia”, conosciuta come la macchina volante italiana dai suoi compagni di squadra, era così avanti rispetto ai suoi rivali nel 2020 TT World Road a Imola che sarebbe stato alla Ferrari.

Mentre il Tokyo TT è un po’ più lungo e presenta una salita impegnativa, lo specialista dello sprint Ganna sarà fiducioso di diventare il settimo campione maschile italiano della disciplina.

READ  Un club italiano ha rifiutato l'offerta dell'Arsenal di acquistare l'attaccante argentino

Sul tabellone, sarà una parte essenziale della squadra di inseguimento della squadra italiana e un contendente per l’oro in Omnium.

(Segnalazione di Martin Hermann Montaggio di Christian Radnedge)

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.