Maggio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Christine Lagarde afferma che la Banca centrale europea deve fare di più per affrontare l’inflazione “brutale”.

Christine Lagarde afferma che la Banca centrale europea deve fare di più per affrontare l’inflazione “brutale”.

Christine Lagarde ha avvertito che le pressioni sui prezzi sottostanti rimarranno “costanti nel breve termine” e ha osservato che un aumento dei tassi da parte della BCE è molto probabile perché “l’inflazione è un mostro che dobbiamo martellare sulla sua testa”.

La BCE non stava cercando di “rompere l’economia” aumentando i tassi di interesse, ha affermato Lagarde Raccontare Il quotidiano spagnolo El Curio ha fatto appello alle banche affinché ripianino il rimborso del debito per le famiglie che hanno difficoltà a far fronte a costi di prestito più elevati sui mutui a tasso variabile.

Stiamo facendo progressi, ma abbiamo ancora del lavoro da fare. . . Per ora, il capo della BCE ha affermato che l’economia è resiliente, l’occupazione è forte e la disoccupazione è ai minimi storici, esortando gli istituti di credito a guardare al “lato della reputazione” di dare grandi aumenti salariali agli amministratori delegati.

I commenti di Lagarde sono l’ultimo segnale che i funzionari della BCE sono preoccupati per l’inflazione costantemente elevata e per gli aumenti dei tassi necessari per domarla, in particolare dopo che la crescita dei prezzi core, che esclude energia e cibo, ha raggiunto un nuovo massimo storico nell’eurozona a febbraio.

L’inflazione nell’Eurozona è scesa per quattro mesi dopo aver toccato il record del 10,6% in ottobre, principalmente a causa del rallentamento dei prezzi dell’energia. Tuttavia, il tasso di inflazione generale è sceso meno del previsto all’8,5% nell’anno fino a febbraio e l’indicatore di base ha raggiunto un nuovo massimo del 5,6%.

Marco Valli, capo economista europeo presso la banca italiana UniCredit, ha affermato che i dati “hanno il potenziale per avere implicazioni per la politica della BCE perché membri influenti del Consiglio direttivo hanno esplicitamente collegato il futuro percorso dei tassi allo sviluppo dell’inflazione core”.

READ  Approvazione di imprenditori stranieri al fondo patrimoniale

Lagarde ha affermato che è “troppo presto per dichiarare vittoria” nella lotta per riportare l’inflazione all’obiettivo del 2% della Banca centrale europea, nonostante il rallentamento della crescita dei prezzi dell’energia. Prevedeva che l’inflazione core avrebbe continuato a diminuire, ma la crescita dei prezzi core sarebbe rimasta “estremamente alta” a breve termine, il che significa che la banca centrale era “molto, molto probabile” che si spingesse in avanti a un tasso ben definito di mezzo punto percentuale. Rise al suo prossimo incontro, il 16 marzo.

La Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse di 3 punti percentuali dalla scorsa estate. I mercati finanziari stanno scontando un balzo del tasso sui depositi delle banche al 4% entro la fine dell’anno, rispetto all’attuale livello del 2,5%. Ciò supererebbe il picco del 2001 del 3,75%.

Grafico a linee che mostra la Banca centrale europea che aumenta gli oneri finanziari a un ritmo senza precedenti

Vi sono preoccupazioni simili negli Stati Uniti, dove i dati sull’inflazione in aumento e un mercato del lavoro e salari forti hanno sollevato dubbi sul fatto che la Fed si impegnerà a un aumento dei tassi di un quarto di punto o tornerà a una mossa di mezzo punto nella riunione del 21-22 marzo .

Nel Regno Unito, i mercati finanziari scommettono che la Banca d’Inghilterra aumenterà ulteriormente i tassi di interesse, ma la scorsa settimana il governatore Andrew Bailey ha affermato che l’ipotesi potrebbe essere sbagliata.

Tassi di interesse più elevati hanno incrementato i profitti delle banche commerciali europee, consentendo loro di aumentare gli interessi addebitati sui prestiti più rapidamente di quanto aumentino i tassi che i risparmiatori guadagnano sui depositi.

In paesi come la Spagna che hanno un’alta percentuale di mutui a tasso variabile, si teme che le famiglie possano avere difficoltà a far fronte all’elevato costo dei prestiti.

READ  Una nave della marina italiana monitora il regolare funzionamento delle esercitazioni Eni al largo di Cipro

“Sono sicuro che molte banche sono pronte a riconsiderare i termini dei prestiti e sono pronte a dilazionare nel tempo le rate di rimborso”, ha detto Lagarde. “Non è per beneficenza”, ha aggiunto, osservando che era nell’interesse degli istituti di credito evitare un aumento dei prestiti in sofferenza.

UniCredit, la seconda banca più grande d’Italia, ha proposto di aumentare lo stipendio del suo amministratore delegato Andrea Ursell del 30% a 9,75 milioni di euro all’anno, rendendolo uno dei capi di banca europei più pagati.

“C’è chiaramente un aspetto reputazionale in questo tipo di decisioni di cui i leader delle banche devono essere consapevoli”, ha affermato Lagarde.