Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Chiave alfa felice? Diede! Alfa Romeo Spyder classica del 1971

Share via email

Contenuto dell’articolo

A nessuno di noi piace svegliarsi da un pisolino. Nemmeno l’Alfa Romeo Spider Jr. del 1971 di Marc Faubert. Faubert dice che la prima guida di questa stagione non è mai stata così felice per la macchina, perché sputa e si anima ma “più la guido, tutti questi problemi se ne vanno”. Questa è la classica “modifica italiana”: le vecchie auto migliorano semplicemente più le guidi.

Contenuto dell’articolo

Faubert sogna da molto tempo di guidare un’Alpha. “Mi sono innamorato di Alpha durante la mia adolescenza sulla sponda sud di Montreal”, dice. Faubert dice che il sogno di possedere un’Alfa era “sempre nella mia mente”, e oggi quel sogno è molto reale. Oltre ad avere un garage che esplode con un’ascia d’epoca, Faubert è presidente della filiale di Ottawa dell’Alfa Romeo Club in Canada. “Siamo più di un semplice club sociale”, afferma, e gli eventi del club includono di tutto, dai seminari di commento tecnico alle lezioni di lavorazione della ceramica.

Faubert ha diversi profili Alfa, ma quello che stiamo classificando è la sua Alfa Romeo Spider Junior del 1971, anche nota come Duetto, a seconda dell’anno. La Spider è stata prodotta in serie dal 1966 al 1994 ed è stata aggiornata tre volte in quel periodo per un totale di quattro generazioni. Mark è la Serie 2, una copia realizzata dal 1970 al 1983.

READ  Angelika, Sony Pictures dirige "The Duke", al botteghino speciale - Scadenza

La prima generazione di Spider è probabilmente la più classica e iconica. Ha un design distintivo per la parte posteriore della coda della barca, ed era famoso nel film del 1967, la laurea . La versione Serie 2 (S2) presentava la più tradizionale coda quadrata di Kamm, sebbene la meccanica fosse rimasta sostanzialmente invariata.

Contenuto dell’articolo

La Spider era un’auto avanzata e relativamente costosa per l’epoca. Utilizzava un motore DOHC I4 interamente in alluminio e un cambio manuale a 5 velocità in un momento in cui molte auto utilizzavano trasmissioni in ghisa a 4 velocità. La brillantezza inerente al telaio e al telaio è il modo in cui la Spider è riuscita a invecchiare in modo relativamente sicuro, vendendosi per 28 anni prima di andare in pensione.

Ovviamente tutta questa alta qualità costa un premio quando è nuova, quindi solo per il mercato europeo, Alfa ha venduto una versione senza contenuti chiamata Junior per abbassare il prezzo base. Il Fobert è un modello junior, con un motore da 1.3 litri invece di un 1.6 e senza alloggiamenti dei fari aerodinamici. Cose belle come posacenere, alette parasole e poggiatesta erano opzionali.

Altro su questo argomento

Coloro che desiderano acquistare una propria piccola Alfa Spider farebbero bene a contattare la filiale locale dell’Alfa Romeo Club in Canada, dove i membri sono felici di consigliare l’acquisto e la manutenzione di una di queste auto d’epoca. Ricorda solo di guidarli abbastanza spesso da svegliarli dal letargo invernale.