Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Chaz Palminteri porta lo spettacolo personale “A Bronx Tale” a Pittsburgh

Chaz Palminteri porta lo spettacolo personale “A Bronx Tale” a Pittsburgh

Cos’hanno in comune un carismatico boss di una gang, un ragazzo italo-americano cresciuto in una famiglia rispettosa della legge e Bill Mazerowski? Hanno tutti recitato in “A Bronx Tale” dell’attore, scrittore, regista e produttore Chazz Palminter.

Prima che fosse un film, era un’opera teatrale personale, e il settantenne Palminteri lo porterà al Byham Theatre di Pittsburgh venerdì e sabato prossimo come parte del revival di un tour nazionale.

Qualsiasi fan di baseball di 9 anni che viveva nell’area di Pittsburgh durante l’autunno del 1960 ha senza dubbio goduto uno dei momenti più emozionanti della sua vita il 13 ottobre.

Fu allora che Bill Mazerowski toccò il suo famoso minimo nella nona partita in casa nella settima partita cruciale delle World Series per regalare ai Buccaneers una vittoria in campionato sui New York Yankees.

Ma per Palminteri, 9 anni, del Bronx, New York, dove gli Yankees giocano tutte le partite casalinghe, è stato un momento straziante. Palminteri, che a quei tempi era conosciuto come Calogero alla nascita, era un grande fan degli Yankees. I drammatici labirinti di Homer lo fecero piangere.

Mentre sedeva piangendo sui gradini dell’edificio in cui viveva la sua famiglia, il giovane Palminteri attirò l’attenzione del boss della mafia del quartiere, Sonny, in quello che si rivelò essere il loro primo incontro fatale.

“Sono rimasto scioccato da Bill Mazeroski quando l’ha raggiunto a casa sua”, ha detto Palminteri al Tribune Review durante una recente intervista con Zoom in cui indossava un cappello degli Yankees.

“Ricordo quando ero un ragazzo seduto sul podio e piangevo. E quel ragazzo saggio Sonny si è avvicinato e mi ha detto: ‘Per cosa stai piangendo ragazzo?’ E gli ho detto che Mazeroski è andato in casa e (star di Yankees) Topolino Mantle stava piangendo in panchina”, ha detto Palminteri.

READ  È morto all'età di 91 anni l'artista colombiano Fernando Botero

E Sonny mi ha detto: ‘Pensi che Mickey Mantle tenga a te? Guadagna $ 100.000 all’anno. Vai e chiedi a tuo padre se lui (Mantle) pagherà l’affitto.

Almenteri e Sonny finiranno per formare una stretta relazione, ma non prima che il ragazzo veda Sonny sparare a un uomo in un omicidio di gruppo. Quando la polizia si è presentata per interrogare Palminteri, si è rifiutato di urlare contro Sonny.

“Quello che è successo è che non ho avuto a che fare con lui. E il giorno dopo mi ha visto di nuovo seduto sul podio e mi ha guardato, ha sorriso e ha detto: ‘Lo so che lo sai lo so'”, ha detto Palminteri. “E così è iniziato, tutto”.

Sonny e il ragazzo iniziano a passare del tempo con il gangster che lo prende sotto la sua ala protettrice, dandogli consigli paterni e facendogli strani lavori per cui ha pagato in eccesso.

Il vero padre di Palminteri, un onesto e laborioso autista di autobus, non era d’accordo con l’accordo. Come tutti gli altri nel quartiere, sapeva che la fortuna di Sonny veniva dall’essere un boss della criminalità organizzata.

L’esperienza della pubertà di Palminteri, con tutta la sua tensione drammatica, è diventata la “storia del Bronx” che Palminteri scrisse nel 1988 quando era un attore in difficoltà sulla trentina.

“Ero disperato. Ho finito i soldi. Quando sono stato spinto contro il muro e ho dovuto fare qualcosa di straordinario, ho detto: ‘Questa storia è stata nella mia testa per tutto questo tempo e la scriverò come una mostra personale e racconterò la storia’”. E ha cambiato tutta la mia vita.

“A Bronx Tale” è stato un successo a Broadway e un successo ancora più grande a Las Vegas. Gli studi cinematografici rivendicavano i diritti del film; Palminteri ha offerto fino a un milione di dollari.

READ  Raccolta fondi alimentari, cene a base di vino, festival del pesce e altro ancora

Ma anche se aveva solo $ 200 in banca, ha continuato a rifiutare le offerte perché nessuno degli studi ha accettato le sue richieste di scrivere un adattamento cinematografico e interpretare la Sony.

“La gente pensava che fossi pazzo. Circa una settimana dopo aver rifiutato un milione, stavo facendo lo spettacolo, sono uscito dal palco e il regista del teatro ha detto: ‘Robert De Niro ha appena visto lo spettacolo.’ Ti sta aspettando nel tuo camerino. Sono entrato e c’era Bob De Niro seduto lì e ha detto: “Oh mio Dio, questo è stato il più grande spettacolo singolo che abbia mai visto”, ha detto Palminteri.

De Niro ha detto che vuole fare un accordo con Palminteri per i diritti di produrre “A Bronx Tale”. De Niro ha detto che avrebbe diretto il film e avrebbe interpretato il padre di Palminter. Ha accettato i termini di Palminteri e gli ha permesso di giocare con Sonny e di scrivere la sceneggiatura.

L’avventura ha dato i suoi frutti. Il film è stato presentato in anteprima nel 1993 ed è stato un enorme successo di critica e al botteghino. Ancora più importante, ha dato un enorme impulso alla carriera di attore di Palminter, consentendo anche a De Niro di affermarsi come regista.

Nel 2019, Palminteri aveva recitato e scritto un libro sul musical di Broadway “A Bronx Tale”. La produzione è stata in tournée a livello nazionale, inclusa una tappa al Benedum Center come parte della stagione PNC di Broadway al Pittsburgh Cultural Trust.

Era la prima volta che l’attore stesso scriveva un’opera da solista, una versione cinematografica e un musical di Broadway – e ha recitato in tutti loro.

READ  L'Undo's Upper Ohio Valley Italian Heritage Festival festeggia 40 anni

Ma dopo aver eseguito la versione personale di “A Bronx Tale” più di 1.000 volte sul palco, cosa ha spinto Palminteri a voler far rivivere lo stesso spettacolo che aveva iniziato 34 anni fa?

“La gente ha detto che la mostra personale è meglio del film, anche meglio del musical”, ha detto. “Devi vederlo perché io sono Kalogero. Sono il ragazzino. Quindi, quando racconto la storia e recito tutte le diciotto parti, c’è una profonda connessione emotiva che il pubblico ottiene quando la sente da me”.

Prima che l’intervista finisca, Palminteri chiede se Mazeroski abita ancora in zona. Vuole invitare Maz e un ospite a guardare lo spettacolo e incontrarlo dietro le quinte dopo lo spettacolo.

L’invito è stato passato a Mazeroski ma al momento della stesura di questo articolo non si sa se parteciperà.