Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cestino flash! L’uomo reinventa la spazzatura a Kastellorizo

Sulla piccola isola greca KastellorizoC’è una casa a tre piani che assomiglia un po’ a qualsiasi altra casa che si affaccia sul pittoresco porto. La facciata neoclassica, dipinta in rosa, è tradizionale. Ma dietro c’è un’altra storia. All’interno c’è un ampio spazio con due camere da letto. Pareti, mobili, piani di tavoli, armadi – tutti realizzati con forme robuste e superfici verniciate in bianco lucido. Le capanne di stoccaggio sembrano scolpite nelle pareti come formazioni rocciose organiche. I lavabi in vetro sono incastonati in basi traballanti le cui forme evocano sculture primitive. Una scala “invisibile” si inerpica in una parete in lastre, come blocchi di cera. Cumulus è strano, confuso e bello. Ma la cosa più singolare degli interni di The Pink House, come è noto, è che sono fatti quasi interamente di spazzatura.

Il designer Savvas Laz con le sue sedie Trashformers Taverna © Agnese Bedini e Melania Dalle Grave

Nello specifico, è per lo più fatto di polistirolo di scarto, che il designer greco ha trovato per le strade di Atene Savas Laz. Laz forma i vari pezzi e li incolla insieme, quindi li lega alla fibra di vetro. Chiama questi pezzi e oggetti interni Trashformers. Loro, come la stessa The Pink House, sono più di un provocatorio progetto di design: sono un tentativo di suggerire modi completamente nuovi e sostenibili di creare e costruire quelle percezioni che sfidano le percezioni sia di ciò che è utile che di ciò che è bello. E fanno tutti parte di un più ampio progetto su tutta l’isola per rimodellare l’ambiente costruito di Kastellorizo ​​come destinazione per la cultura e l’arte che avvia conversazioni su entrambi.

Dettagli in alluminio pressofuso per maniglie delle porte di casa rosa
Dettagli in alluminio pressofuso per le maniglie delle porte The Pink House © Agnes Bedini e Melania Dalle Grave
Gli accessori per la cucina di The Pink House sono fatti di polistirolo di scarto in fibra di vetro
Gli accessori per la cucina di The Pink House sono fatti di polistirolo di scarto in fibra di vetro © Agnes Bedini e Melania Dalle Grave

La Casa Rosa (dietro, al centro) a Beira Meria sull'isola di Kastellorizo
La Casa Rosa (dietro, al centro) a Pera Meria sull’isola di Kastellorizo ​​© Agnese Bedini e Melania Dalle Grave

Questo progetto nasce da un’idea della collezionista e mecenate italiana Nicoletta Fiorucci, nota per aver piantato arte e idee contemporanee nei paesaggi di diverse isole in tutta Europa per creare un effetto provocatorio e sperimentale. Trascorre l’estate ospitando giovani artisti nell’arcipelago di Galle al largo della Costiera Amalfitana. lei ha Fondo Arte Fiorucci Ospita l’annuale Volcano Extravaganza Festival guidato da un artista a Stromboli.

Quando ha visitato per la prima volta Kastellorizo, un piccolo posto nella Grecia del Dodecaneso, più di 30 anni fa, non le ha parlato subito. Un tempo era un porto ricco e fiorente – all’inizio del XX secolo, era ancora sotto il dominio ottomano e aveva una popolazione di oltre 10.000 abitanti – la sua economia marittima è crollata quando i battelli a vapore sono diventati il ​​mezzo preferito per il trasporto marittimo. Bombardata dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale, ad un certo punto si è completamente spopolata. Quando Fiorucci è arrivato negli anni ’90, poche centinaia di persone vivevano lì da almeno sei mesi; Decine di case sono state restaurate e ristrutturate, e molti discendenti di immigrati, finiti in Australia, sono tornati a comprare seconde case.

READ  La startup italiana EGO Airways pubblica il prodotto IBS

Ma Kastellorizo ​​​​era ancora uno spettacolo ferito, pieno di rovine deserte e edifici fatiscenti. “Sulle altre isole ero felice di guardare il tramonto sul mare, ma a Kastellorizo ​​​​ho sentito quasi fin dall’inizio che aveva davvero bisogno della mia partecipazione e della mia energia”, dice Fiorucci. Più impari, più diventi prigioniero.

La stanza del soppalco ha un letto, un divano, uno specchio e una mensola nelle combinazioni di bianco, verde e rosa
Soppalco con letto, divano, specchio e mensola in una combinazione di bianco, verde e rosa © Agnese Bedini e Melania Dalle Grave
La zona bar e tutti i mobili della casa sono dipinti di bianco lucido
La zona bar e tutti i mobili della casa sono dipinti di bianco lucido © Agnese Bedini e Melania Dalle Grave
Casa a tre piani con vista sul porto di Kastellorizo
La casa su tre piani si affaccia sul porto di Castellorizo ​​© Agnese Bedini e Melania Dalle Grave

Negli anni che seguirono, acquistò molti ruderi e appezzamenti di terreno e contribuì a sostenere la ristrutturazione degli spazi pubblici e storici dell’isola. Ha allo stesso tempo raccolto intorno a sé un gruppo entusiasta, impegnato nello sviluppo culturale dell’isola. Nel 2014 ha incontrato l’architetto greco Fotini Chalfantsi, quindi ha restaurato il monastero di montagna di San Giorgio sull’isola. Chavalanzi ha trascorso anni alla ricerca di una tesi che ha esaminato tutti i restanti edifici storici a Castellorizo. Era importante avere qualcuno di cui la comunità locale si fidasse come consigliere e alleato. “Come italiano in Grecia, sono sensibile all’impatto storico dell’Italia, sia positivo che negativo, sull’isola”, afferma Fiorucci. “Non ho alcun interesse a venire qui come una sorta di potenza coloniale. Voglio aggiungere uno strato positivo”.

Si è anche fatta consigliare da Silvia Covalli, la rispettata mercante d’arte contemporanea dietro le Rodeo Galleries a Londra e al Pireo. Da Kouvali è stata presentata a Project Transformers: Fiorucci è stato attratto da una grande sedia verde di Laz durante una visita alla Ampersand Design Agency di Kouvali ad Atene.

“Ho capito subito la sua lingua”, ricorda Fiorucci. Sebbene non sapesse esattamente come fosse fatta la sedia, è stata influenzata dallo spirito dell’artista di 36 anni e dall’idea di creare qualcosa dai rifiuti di altre persone (qualcosa che Laz ha assorbito come studente di artista olandese Joep van LichotPioniere nel lavorare con il polistirolo). Fiorucci si chiedeva se poteva sviluppare qualcosa oltre i mobili. “Se Savas potesse creare una sedia, potrebbe progettare un’intera casa”.

‘Come blocchi di cera’ – scale autoportanti © Agnese Bedini e Melania Dalle Grave
Facciata della casa neoclassica rosa
Facciata neoclassica rosa della casa | © Agnes Bedini e Melania Dalle Grave

La camera da letto principale presenta sfumature di verde e rosa pallido
La camera da letto principale è caratterizzata dai toni del verde e del rosa pallido © Agnese Bedini e Melania Dalle Grave

I risultati di questo primo dialogo sono diventati Trashformers Gesamtkunstwerk Questa è la casa rosa. Acquistato nel 2016, lo spazio di 150 mq comprende una zona giorno e cucina che si estende su un terrazzo e giardino roccioso. Come tela per Trashformers di Laz, è lo spazio perfetto.

READ  La crisi energetica colpisce la ripresa globale con l'avvicinarsi dell'inverno

Sebbene quasi tutti i mobili siano stati prodotti nel laboratorio di Laz ad Atene, il designer li ha finiti tutti e li ha installati in loco nel corso di quattro mesi questa primavera e l’estate. I trashformers non sono gli unici riciclati. Le panchine dei pub rotte recuperate da Laz e altri sono state rimontate da discariche di Atene, decorate con elementi scultorei decorativi in ​​polistirolo e dipinti di bianco. Il pavimento è un mosaico di strisce bianche e nere, realizzato con una tecnica tradizionale di posa di pietre levigate, l’una fluida con l’altra (un’ancora visiva dinamica, poiché ogni mobile e ogni superficie della casa è dipinta in bianco lucido). Tutte le porte e gli elementi in legno sono recuperati o riciclati.

L’intero piano superiore è una camera da letto matrimoniale piena di luce, con un grande letto Trashformers completo di una testiera astratta al centro e diversi pezzi più piccoli: una credenza asimmetrica con una superficie a specchio verde acqua e una chaise longue simile a una chaise longue. Laz si è divertita qui, installando un’amaca davanti a una grande finestra con vista sul porto e una lampada da comodino – una miscela di fibra di vetro, polistirolo, specchi e metallo fuso – a forma di una tartaruga marina astratta (“La mia storia alle tartarughe Nuotare nel porto”).

Il cortile dispone di un'area salotto con barbecue e sedie Trashformers Taverna كراسي
Il cortile ospita un’area salotto con barbecue e sedie Trashformers Taverna © Agnes Bedini e Melania Dalle Grave.
La stanza del soppalco ha un letto, un divano, uno specchio e una mensola nelle combinazioni di bianco, verde e rosa
Soppalco con letto, divano, specchio e mensola in una combinazione di bianco, verde e rosa © Agnese Bedini e Melania Dalle Grave

Nessuno spazio, dalle camere da letto al ripostiglio, sarebbe fuori posto a bordo della Discovery One di Stanley Kubrick. 2001: Odissea nello spazioNS. Tuttavia, la varietà unica di forme asimmetriche e il fatto che Laz abbia imposto l’assenza di linee rette in casa, conferisce la sensazione di qualcosa di artigianale e umano, familiare come la colonna ionica greca al Tempio di Atena Nike sull’Acropoli.

READ  Finanzieri dell'incombente ripresa economica

Quando Fiorocchi ha fatto il giro della casa dopo che era stata completata, era felice e ispirata. “Quando cammini attraverso non pensi mai una volta: ‘Questo è costruito dalla spazzatura’. Lo spazio è sorprendente e armonioso, tanto che ti rendi conto di quanto sia efficace trasformare i rifiuti in oggetti e spazi di bellezza. Questo è il messaggio. “

Spera che il progetto finisca per diventare “un prototipo che può essere ulteriormente ampliato e ispirare un vero cambiamento”. I suoi progetti per Kastellorizo ​​riflettono questa intenzione: insieme al suo team di consulenti e collaboratori, Fiorucci invita i designer a sperimentare all’interno delle altre case che ha acquisito e ristrutturato, trasformando i materiali utilizzati e creando nuove idee per il design sostenibile. Il designer Michael Anastassiades è già al lavoro, collaborando con Studio Mumbai per reinventare il giardino di una chiesa storica. La Fondazione Stavros Niarchos sta finanziando la ristrutturazione di un centro culturale che ospita programmi educativi e culturali. Non lontano da The Pink House si trova la casa di famiglia della leggendaria artista femminista americana Linda Bingles, che la gente del posto spera di prendere parte ai progetti del centro culturale durante la residenza.

Anche Laz dice che spera di innescare il dialogo; Sia sull’isola che all’estero. Crede anche che Kastellorizo ​​​​potrebbe diventare una sorta di Hydra di prossima generazione, un’associazione alla moda di artisti ed eventi di arte contemporanea. Fiorucci aggiunge che uno guarda al passato e al futuro, trova un leggero equilibrio a terra, affascinandoci anche una casa alla volta.