Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cercando di risolvere l’enigma del Covid: i bassi tassi di mortalità dell’Africa

Sebbene la sorveglianza sanitaria sia scarsa, ha ammesso, i cittadini della Sierra Leone hanno recentemente avuto una terribile esperienza di Ebola, che ha ucciso 4.000 persone qui nel 2014 e nel 2016. Da allora, ha detto, i cittadini sono stati in allerta per un agente infettivo che potrebbe uccidere persone in le loro comunità. Ha detto che non avrebbero continuato a impacchettare eventi se fosse stato così.

Il dottor Salem Abdelkarim, che fa parte della task force Covid dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie e che faceva parte del team di ricerca che monitorava le morti in eccesso in Sud Africa, ritiene che il bilancio delle vittime in tutto il continente sia probabilmente coerente con il bilancio delle vittime nel suo paese . Ha detto che semplicemente non c’è motivo per cui i gambiani o gli etiopi dovrebbero essere meno suscettibili al COVID-19 rispetto ai sudafricani.

Ma ha anche detto che era chiaro che un gran numero di persone non è venuto in ospedale a causa della mancanza di respiro. Ha detto che è chiaro che i giovani sono un fattore importante, mentre alcuni degli anziani che muoiono per ictus e altre cause causate dal Covid non sono identificati come morti per coronavirus. Molti non raggiungono affatto l’ospedale e le loro morti non vengono registrate. Ma altri non si ammalano ai tassi visti altrove, e questo è un mistero che deve essere risolto.

“È molto rilevante per cose fondamentali come lo sviluppo e il trattamento del vaccino”, ha affermato il dottor Prabhat Jha, che dirige il Center for Global Health Research di Toronto e sta conducendo il lavoro per analizzare le cause di morte in Sierra Leone.

READ  Uno studio britannico rileva che i rischi di ricovero per Covid-19 raddoppiano con delta

I ricercatori che lavorano con il dottor Jha stanno usando nuovi metodi – come cercare un aumento delle entrate dei necrologi nelle stazioni radio nelle township della Sierra Leone negli ultimi due anni – per cercare di vedere se i decessi potrebbero passare inosservati, ma ha detto che erano . . Chiaramente non c’era marea di malati gravi.

Alcune organizzazioni che lavorano sugli sforzi di vaccinazione contro il COVID affermano che i bassi tassi di malattia e morte dovrebbero indurre a un ripensamento della politica. Vaccinare il 70% degli africani aveva senso un anno fa, quando sembrava che i vaccini potessero fornire un’immunità di lunga durata e consentire di porre fine alla trasmissione del Covid-19, ha affermato John Johnson, consulente per la vaccinazione di Medici senza frontiere. Ma ora che è chiaro che le protezioni stanno calando, l’immunità collettiva non sembra più realizzabile. Pertanto, si può sostenere che una strategia di immunizzazione che si concentri sulla protezione dei più vulnerabili sia un migliore utilizzo delle risorse in un luogo come la Sierra Leone.