Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Centri commerciali italiani aperti nei fine settimana, cene al coperto e palestre di follow-up – WWD

Milano – L’Italia è sulla buona strada per revocare la maggior parte delle misure imposte negli ultimi mesi per frenare la diffusione della pandemia COVID-19 e si prevede che le vendite al dettaglio ne trarranno vantaggio.

I centri commerciali sono stati finalmente autorizzati a rimanere aperti lo scorso fine settimana dopo quasi 160 giorni di chiusura forzata nel fine settimana che hanno gravemente colpito il settore, generando un fatturato annuo di 140 miliardi di euro.

L’associazione di settore Federdistribuzione ha stimato che i fine settimana rappresentano tra il 45 e il 60 per cento delle entrate settimanali di ogni centro commerciale e che gli operatori italiani hanno perso 42 miliardi di vendite negli ultimi mesi.

“La riapertura dei centri commerciali nel fine settimana è una boccata d’aria fresca per i distributori italiani”, ha affermato il presidente dell’Associazione Alberto Fraussen. “Il primo fine settimana di attività è stato un trampolino di lancio: i clienti sono tornati in modo ordinato e controllato, nel pieno rispetto delle misure di sicurezza, permettendoci di vivere un’esperienza” quasi naturale “. C’è ancora molta strada da fare, ma questo è stato un primo passo importante per avviare una ripresa economica per il Paese, possibile solo attraverso la promozione dei consumi “.

Il settore comprende circa 1.300 centri commerciali, 272 dei quali situati nella regione Lombardia, non solo la regione più colpita dall’epidemia ma anche la regione che rappresenta il 20 per cento del fatturato del settore.

Qui gli operatori del centro commerciale hanno particolarmente approfittato della riapertura con affluenza nel weekend nel quartiere dello shopping milanese CityLife ea Scalo Milano, alle porte della città, registrando una crescita a doppia cifra rispetto allo stesso weekend del 2019.

Coin Excelsior nel quartiere dello shopping Citylife di Milano.
Cortesia dell’immagine.

Roberto Zoya, presidente dell’Associazione di categoria Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali, o Commissione Nazionale per i Centri Commerciali, ha detto di aver visto segnali incoraggianti in tutto il Paese, “la prova della sensazione di sicurezza e comfort che le persone provano quando fanno acquisti nei centri commerciali”.

READ  L'ex primo ministro italiano Berlusconi è stato portato in ospedale - una fonte

“I consumatori erano più rilassati rispetto allo scorso anno quando abbiamo riaperto [after the first wave of the pandemic], Ho notato molta meno esitazione “, ha spiegato Zoya, spiegando che l’affluenza è stata” molto migliore rispetto al 2020 nonostante un calo del 10-15 percento rispetto allo stesso fine settimana del 2019 “.

Ha osservato che il numero di restrizioni che rimangono in vigore – ridotta capacità del centro commerciale, meno eventi e attività di marketing e il divieto di mangiare al coperto – continuano a influenzare il traffico del negozio. Attende un ritorno ai livelli pre-pandemici nel quarto trimestre, quando prevede che la ripresa dell’educazione personale e la riduzione del lavoro a distanza avranno un impatto positivo.

Secondo uno studio della società di consulenza Ernst & Young per Confimprese – Associazione Nazionale Rivenditori – ad aprile, quando erano ancora in vigore le chiusure del fine settimana, le vendite dei centri commerciali sono diminuite del 69,2 per cento rispetto allo stesso mese del 2019, mentre a Periodo di aprile. I ricavi del periodo sono diminuiti del 63,7% rispetto agli stessi mesi del 2019.

“La performance negativa di aprile è stata contrassegnata dalla chiusura di 1.300 centri commerciali nel fine settimana nell’arco di sei mesi”, ha commentato Mario Mayucci, amministratore delegato di Confimprese. I centri commerciali hanno già perso circa 56 miliardi di euro di fatturato, ovvero il 63% delle vendite annuali. Cerchiamo di vedere se la riapertura del 22 maggio avrà un impatto positivo che si potrà vedere nei prossimi mesi.

Secondo Zoia, nei mesi estivi, i centri commerciali più vicini ai resort e alle destinazioni di vacanza trarranno vantaggio dalla loro posizione a scapito dei centri commerciali cittadini mentre le persone cercano una fuga estiva lontano dalla città, una tendenza che era in parte evidente alla fine dello scorso settimana, ha detto.

READ  L'italiano Draghi vede una spinta economica del 3,6% dai fondi di ripresa dell'UE

Mentre la strategia del governo italiano guidato dal premier Mario Draghi ha evitato negli ultimi mesi rigidi blocchi, scegliendo invece di distinguere regioni o regioni per colore dal giallo al rosso a seconda della diffusione del Coronavirus e implementando i blocchi di conseguenza, ha portato Ciò non si è tradotto in un grande sollievo per il settore della vendita al dettaglio del paese, che è ancora interessato dalle misure stop-and-go.

L’11 maggio, gli operatori dei centri commerciali si sono uniti in una protesta che ha visto simbolicamente chiudere i negozi al dettaglio per esortare il governo a revocare il mandato di chiusura durante il fine settimana, temendo che qualsiasi ulteriore ritardo in questa decisione avrebbe influenzato drasticamente il settore e messo in pericolo 780.000 posti di lavoro. .

Con l’Italia ora completamente nella fase gialla a basso rischio, dove i tassi giornalieri di infezione da COVID-19 stanno diminuendo drasticamente e la campagna di vaccinazione si sta diffondendo a un ritmo rapido, c’è spazio per ulteriori miglioramenti.

Da lunedì è stata consentita anche la riapertura di palestre e centri sportivi, nonostante il rispetto di severe misure sanitarie che hanno impedito ad alcuni operatori di riprendere immediatamente le proprie attività. Il tanto atteso coprifuoco che è stato posticipato la scorsa settimana di un’ora fino alle 23:00 a partire dal 21 giugno, è giusto in tempo per la stagione estiva in quanto il Paese spera di poter contare su flussi turistici nazionali e internazionali.

Il nuovo scenario dovrebbe spingere la vendita al dettaglio fuori dalla palude che l’ha inghiottita negli ultimi mesi.

Secondo lo studio Ernst & Young, i consumi interni nei settori della moda, dell’abbigliamento, degli alimenti e delle bevande e dei non alimentari, compresi i cosmetici e i mobili, sono diminuiti del 62,8% ad aprile, rispetto allo stesso mese del 2019.

READ  Il premier italiano spera che la carta verde consentirà la ripresa delle attività economiche e sociali il prossimo mese - MercoPress

Il settore della moda e dell’abbigliamento è stato il settore più colpito, con vendite in calo del 63,3% ad aprile rispetto allo stesso mese del 2019.

Il lavoro di Ernst & Young ha spiegato: “Stiamo assistendo a una ripresa dei consumi più lenta del previsto, poiché aprile si è rivelato molto più debole rispetto al 2019 con vendite inferiori a un terzo, simile a quanto accaduto già da gennaio a marzo”. Consulente leader Paulo Lopeti Budoni.

Ristoranti e bar, altro importante settore del Paese, possono riaprire all’aperto solo dal 26 aprile, ma secondo il decreto del 18 maggio potranno riprendere le loro attività indoor a partire dal 1 ° giugno. Il settore delle bevande ha perso il 74,4% delle vendite rispetto ai livelli pre-epidemici ed è diminuito del 67,8% nei quattro mesi terminati il ​​30 aprile rispetto allo stesso periodo del 2019.