Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Centinaia di migliaia di persone in marcia al palazzo presidenziale per protestare contro il golpe militare

Centinaia di migliaia di manifestanti hanno marciato domenica verso il palazzo presidenziale nella capitale sudanese, Khartoum, per protestare contro il colpo di stato militare avvenuto il 25 ottobre, che ha portato a una raffica di gas lacrimogeni e bombe sonore da parte delle forze di sicurezza.

Lo scoppio delle proteste ha coinciso con il terzo anniversario delle manifestazioni che hanno scatenato una rivolta popolare che ha portato al rovesciamento dell’ex presidente Omar al-Bashir.

Le proteste contro il golpe sono continuate anche dopo il ritorno del primo ministro il mese scorso, con i manifestanti che hanno chiesto di non avere più alcun coinvolgimento militare nel governo nella transizione verso libere elezioni.

I manifestanti si sono radunati a meno di un chilometro dal palazzo, cantando “La gente è più forte, la ritirata è impossibile”, mentre alcuni si sono precipitati nelle strade laterali per evitare una raffica di gas lacrimogeni.

Le persone scendono in strada portando bandiere mentre camminano.
Alcuni portavano bandiere sudanesi e immagini di manifestanti uccisi nelle manifestazioni degli ultimi mesi.(Afp: Marwan Ali)

Testimoni hanno detto che poi si sono recati al palazzo presidenziale e hanno incontrato esplosioni di gas lacrimogeni e granate assordanti.

Sono riusciti a raggiungere i cancelli del palazzo, a differenza delle precedenti manifestazioni recenti, ma in seguito si sono trovati di fronte a una nuova ondata di gas lacrimogeni.

Non ci sono state notizie immediate di feriti o arresti.

Testimoni hanno affermato che i manifestanti sono riusciti ad attraversare un ponte che collega la città di Omdurman e il centro di Khartoum, nonostante le forze di sicurezza abbiano chiuso i ponti sul fiume Nilo che conduce alla capitale, ma sono stati accolti da forti lacrimogeni.

Testimoni oculari hanno anche visto manifestanti attraversare un ponte da Bahri, a nord di Khartoum, alla capitale.

Sono state pianificate manifestazioni anche in altre città del paese e le immagini circolate sui social media mostrano proteste iniziate in città tra cui Mina Waldin, Madani e Kassala.

Il primo ministro sudanese Abdullah Hamdok
Hamdok, che era agli arresti domiciliari, è stato restituito dai militari il 21 novembre e rilasciato insieme ad altri importanti detenuti politici.(AP: File)

Sabato sera, il primo ministro Abdullah Hamdok ha avvertito in una dichiarazione che la rivoluzione sudanese sta affrontando una grave battuta d’arresto e che l’intransigenza politica da tutte le parti minaccia l’unità e la stabilità del paese.

Le forze di sicurezza hanno chiuso le strade principali che portano all’aeroporto e al quartier generale dell’esercito e si sono ampiamente dispiegate con l’esercito congiunto e le forze paramilitari di supporto rapido intorno al palazzo presidenziale.

I manifestanti hanno bloccato le strade intorno all’area dove si stava svolgendo il primo raduno.

Alcuni portavano bandiere sudanesi e immagini di manifestanti uccisi nelle manifestazioni degli ultimi mesi.

Altri distribuivano maschere COVID-19 e trasportavano barelle in previsione di infettare i feriti.

Questa è stata la nona di una serie di manifestazioni contro il golpe del 25 ottobre che è continuata anche dopo che i militari hanno riportato indietro il signor Hamdok, che era agli arresti domiciliari, il 21 novembre, e lo hanno rilasciato insieme ad altri importanti detenuti politici.

Il Comitato centrale dei medici sudanesi afferma che dal colpo di stato 45 persone sono state uccise nella repressione dei manifestanti.

La nona manifestazione contro il golpe

I partiti politici militari e civili hanno condiviso il potere dal rovesciamento di al-Bashir.

Ma l’accordo per ripristinare il signor Hamdok alla sua posizione ha fatto arrabbiare i manifestanti, che in precedenza lo avevano visto come un simbolo di resistenza al governo militare e hanno denunciato il suo accordo con i militari come un tradimento.

I partiti civili e i comitati di resistenza di quartiere che hanno organizzato diverse proteste di massa chiedono il pieno governo civile con lo slogan “nessun negoziato, nessun partenariato, nessuna legittimità”.

Testimoni hanno affermato che le persone sono arrivate sabato notte e all’alba di domenica in convogli di autobus provenienti da altri stati, inclusi gli stati del Nord Kordofan e Gezira, per unirsi alle proteste a Khartoum.

Reuters

READ  Aggiornamenti in tempo reale della guerra Ucraina-Russia: Volodymyr Zelensky afferma che "l'intero progetto europeo" è a rischio mentre le forze russe rinnovano l'offensiva nell'Ucraina orientale