Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cardinale vaticano sotto processo in uno storico caso di corruzione finanziaria

Aggiornamenti vaticani

Tra le 10 persone processate martedì in uno storico caso di corruzione in Vaticano che potrebbe definire la campagna di papa Francesco per riformare le finanze della Santa Sede, c’è un importante cardinale, gestore di fondi a Londra ed esperto di intelligence indipendente.

Il caso è incentrato sullo sfortunato investimento di milioni di sterline da parte del Vaticano in uno sviluppo immobiliare di lusso a Londra, rendendo Giovanni Angelo Piccio il primo cardinale ad affrontare un processo per reati finanziari presso il Tribunale penale vaticano.

Picchio, la cui immunità legale è stata revocata da papa Francesco come cardinale, è accusato di abuso d’ufficio e appropriazione indebita legata alla sua svista di centinaia di milioni di euro da enti di beneficenza cattolici ospitati nelle banche svizzere. Ha negato di aver commesso illeciti e ha detto di ritenere di essere vittima di un complotto.

Il processo, che dovrebbe essere rinviato dopo l’apertura estiva, segue un tentativo pluriennale di papa Francesco di dimostrare che la Santa Sede sta affrontando il crimine finanziario dopo molteplici scandali.

Sarà ascoltato in un’aula temporanea presso i Musei Vaticani perché le restrizioni relative al Covid-19 significano che l’aula del tribunale vaticano non è abbastanza grande per ospitare il gran numero di imputati, testimoni e osservatori.

Prima che il processo si aprisse, Juan Antonio Guerrero, uno dei massimi funzionari economici del Vaticano, disse che avrebbe dimostrato al mondo esterno che la Santa Sede stava prendendo misure serie contro i crimini finanziari.

READ  La storia di un giocatore italiano diventato calciatore che ha lasciato l'India per aiutare i profughi ucraini a fuggire in Polonia

“Pensare [the trial] Rappresenta una svolta che potrebbe portare a una maggiore credibilità della Santa Sede in materia economica”, ha affermato in un’intervista all’agenzia di stampa ufficiale della Santa Sede. “Il fatto che questo processo sia in corso dimostra che i controlli interni hanno funzionato: le accuse venivano dall’interno del Vaticano”.

Diversi funzionari vaticani e consulenti esterni sono stati anche accusati di reati finanziari legati alla gestione di fondi di beneficenza.

Becciu è stato una delle figure più potenti della Santa Sede fino a quando il Papa non gli ha chiesto di dimettersi l’anno scorso, privandolo del diritto di voto nelle assemblee papali e lasciandolo cardinale solo di nome.

Anche Raffaele Mención, gestore di fondi italiano con sede a Londra e fondatore del gruppo WRM, è stato accusato. È accusato di appropriazione indebita e frode, tra le altre accuse, relative a investimenti di 200 milioni di dollari in fondi di beneficenza cattolici tenuti in un fondo regolamentato dal WRM lussemburghese gestito dalla Santa Sede.

Le Società Vaticane Mincione hanno venduto una partecipazione in un edificio situato a 60 Sloane Street a Chelsea, Londra nel 2014 in un accordo supervisionato da Becciu. La Santa Sede ora sostiene che questa transazione ha sovrastimato notevolmente la proprietà a favore di Mincione, e le ha causato grandi perdite. Nega ogni illecito.

Nel 2018, diversi funzionari del Vaticano hanno assunto un altro uomo d’affari italiano con sede a Londra, Gianluigi Torzi, per acquistare l’intero edificio da Mencioni per conto del Vaticano. La Santa Sede ora sostiene che Turzi si è rifiutato di cedere la proprietà della proprietà di Londra e ha estorto più di 10 milioni di euro da alti funzionari vaticani.

READ  I politici sono alle prese con il modo migliore per andare avanti mentre lo slancio rallenta

Torzi, le cui società nell’anno precedente l’accordo del 2018 hanno prestato milioni di euro alle società di proprietà di Mincione, è stato accusato di riciclaggio di denaro, racket e altri reati. Nega ogni illecito. Sia Mincione che Torzi hanno affermato che i loro vari affari non avevano nulla a che fare con l’accordo immobiliare di Londra.

Il Vaticano ha accusato Cecilia Marugna, un’esperta di intelligence italiana indipendente, di appropriazione indebita di fondi a lei assegnati attraverso contratti di consulenza firmati da Becciu relativi a tentativi di negoziare il rilascio di suore rapite in Africa. Il Vaticano sostiene di aver usato il denaro per acquistare borse di lusso e altri abiti firmati. Nega ogni illecito.

Prima dell’incriminazione da parte del Vaticano, Mincione ha avviato una causa legale separata contro il Vaticano a Londra nel tentativo di ottenere una sentenza del tribunale secondo cui aveva agito legalmente nel suo trattamento della Santa Sede.

Minsion ha anche avviato cause per diffamazione in Inghilterra contro diversi giornali e giornalisti italiani per la loro copertura del caso del Vaticano. Questi casi, iniziati prima che Mención fosse formalmente accusata di crimini dalla Santa Sede questo mese, sono ancora in corso.