Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Candidati che potrebbero essere il prossimo Primo Ministro del Regno Unito

Come ha spazzato crisi dopo crisi Boris Johnson Negli ultimi mesi, alcuni concorrenti Gran Bretagna Il premier assediato stava progettando a porte chiuse di sostituirlo.

Sulla scia del cosiddetto scandalo del partito sulle manifestazioni illegali tenutesi a Downing Street a dispetto del blocco del coronavirus, diversi membri di alto livello del governo di Johnson hanno iniziato a prepararsi in silenzio per un futuro concorso di leadership, corteggiando membri di spicco del Parlamento e cenando con donatori che può finanziare. le loro campagne.

Johnson è sopravvissuto a un voto di fiducia il 6 giugno, ma oltre il 40% dei legislatori conservatori ha dichiarato di aver perso la fiducia nella sua capacità di governare.

Boris Johnson ha annunciato che si sarebbe dimesso dalla prima posizione. (GT)

E il mese successivo, coloro che volevano vedere la sua caduta si contendevano il suo lavoro.

Martedì, due eminenti legislatori che da tempo si aspettavano di gettare il cappello sul ring, il ministro della Salute Sajid Javid e il segretario al Tesoro Rishi Sunak, si sono dimessi per la gestione fallita delle dimissioni dell’ex vicepresidente di Johnson in uno scandalo di cattiva condotta sessuale.

Ora, con il governo in declino, i bookmaker e gran parte della Gran Bretagna stanno speculando sul suo possibile successore.

Qualsiasi candidato in corsa per la leadership sarà soggetto a turni di votazione da parte dei legislatori conservatori fino a quando non ne saranno rimasti solo due, a quel punto i membri del Partito conservatore voteranno a livello nazionale.

Il vincitore sarà il nuovo leader del partito e primo ministro.

Ecco uno sguardo ai potenziali contendenti

L’ex cancelliere ha annunciato formalmente che succederà a Johnson venerdì in un affascinante video della campagna, iniziato con la storia dei suoi genitori indiani, immigrati nel Regno Unito dall’Africa orientale.

“È stata la Gran Bretagna, il nostro paese, a dare a loro e a milioni di persone come loro la possibilità di un futuro migliore”, ha detto.

“Voglio guidare questo Paese nella giusta direzione”.

Sunak è stato il presunto successore di Johnson per diversi mesi dopo aver ottenuto elogi per aver supervisionato la risposta finanziaria iniziale della Gran Bretagna alla pandemia di COVID-19.

Ma ha sofferto di molti scandali mentre era al governo.

Le sue azioni sono affondate all’inizio di quest’anno dopo che è stato rivelato che aveva violato le normative Covid per partecipare alla festa di compleanno del Primo Ministro il 19 giugno 2020, per la quale in seguito si è scusato “senza riserve”.

Le crisi hanno scosso il governo di Boris Johnson

I suoi affari finanziari e legali sono stati esaminati questa primavera dopo la notizia che sua moglie non aveva una casa nel Regno Unito, il che significa che non era responsabile del pagamento delle tasse sul reddito all’estero e che aveva una carta verde statunitense mentre prestava servizio come ministro.

Anche la sua popolarità ha subito un duro colpo nelle ultime settimane mentre la Gran Bretagna soffre la peggiore crisi del costo della vita degli ultimi decenni.

Sunak ha lottato per mantenere i tassi di inflazione in aumento ed è stato criticato dai partiti di opposizione per quella che descrivono come una serie di misure fiscali lente e inadeguate.

Tra i problemi economici che i britannici devono affrontare dopo che Sunak ha assunto la carica di primo ministro finanziario del Regno Unito: i salari reali sono scesi al livello più basso da oltre 21 anni e l’inflazione ha raggiunto il massimo da 40 anni del 9,1% a maggio.

Ma è ancora tra i preferiti dai bookmaker per il lavoro di Johnson.

L’ex cancelliere britannico Rishi Sunak. (AFP)

“Ancora questa settimana, abbiamo motivo di mettere in dubbio la verità e l’imparzialità di ciò che ci è stato detto”, ha detto mercoledì l’ex segretario alla Salute alla Camera dei Comuni, riferendosi alla nomina di Pincher e alle accuse ad essa collegate.

“Ad un certo punto, dobbiamo concludere che questo è sufficiente”.

Ha aggiunto che c’è stato un “errore fondamentale” nel governo e “il problema parte dall’alto”.

Sebbene la lettera di dimissioni di Javid suonasse molto come una lettera al primo ministro, che delineava come rimodellare il partito per le generazioni future, non è ancora chiaro se si candiderà.

Ma coloro che sostengono la candidatura di Javid sperano che alla fine gli verrà attribuito il merito di aver estromesso Johnson, poiché è stato il primo ministro di gabinetto a dimettersi, anche se Sunak lo ha seguito pochi minuti dopo.

Il parlamentare si è candidato due volte per guidare il partito in passato, nel 2016, dopo il referendum sulla Brexit, e nel 2019, quando Johnson è stato finalmente eletto.

L’ex ministro della Salute Sajid Javid. (AFP)

Il Segretario di Stato, che negli ultimi anni ha espresso ambizioni di leadership, può ora essere al centro della scena.

Liz Truss ha votato per rimanere nel 2016, ma da allora è diventata una delle voci euroscettico più rumorose al governo, che molti attribuiscono al suo desiderio di un posto di primo piano.

Ha un team formidabile e devoto intorno a lei, alcuni dei quali hanno lavorato in precedenza al n. 10, che hanno prodotto fantastici video e foto di lei che sembra uno statista.

Sembra che abbia cercato di inviare un messaggio all’ex primo ministro Margaret Thatcher, indossando un velo mentre guidava un carro armato, e il suo ruolo di fronte alla risposta all’invasione russa dell’Ucraina ha accresciuto la sua immagine pubblica.

Truss è popolare tra i membri conservatori, che scelgono l’eventuale vincitore della competizione.

Ma la caduta di Johnson potrebbe contemporaneamente sfigurare chiunque nel suo governo, il che significa che gli elettori conservatori possono rivolgersi ai parlamentari per prendere in mano la situazione.

Lo ha detto il mese scorso una fonte che lavora per il ministero degli Esteri CNN Che Truss abbia avuto “incontri infiniti con i deputati” e che “è stato insinuato che vedesse qual è la sua base di appoggio, se sarà il momento”.

L’ufficio di Truss ha negato che qualsiasi offerta di leadership segreta fosse imminente.

Liz Truss. (GT)

Il Segretario al Commercio è uno dei preferiti dai bookmaker per sostituire Johnson. Un sondaggio tra i membri del partito pubblicato il 4 luglio sul sito web Conservative Home lo ha indicato come il secondo favorito, dopo l’attuale segretario alla Difesa Ben Wallace.

Mordaunt è entrato per la prima volta in Parlamento nel 2010 e successivamente è entrato a far parte del gabinetto sotto Theresa May, servendo come ministro per lo sviluppo internazionale e la difesa.

Dopo il voto di fiducia del mese scorso, Mordaunt ha rifiutato di commentare se ha sostenuto Johnson, con stupore degli osservatori di Westminster quando ha detto: “Non ho scelto questo primo ministro”.

Il segretario al commercio britannico Penny Mordaunt. (AFP)

Tom Tugendhat, un ex ufficiale dell’esercito britannico che presiede la commissione per gli affari esteri, è stato uno dei più accaniti critici di Johnson e ha invitato il Partito conservatore ad abbandonare la sua attenzione sulla “politica divisiva”.

Ha lanciato la sua campagna di leadership giovedì a telegrafo “Prima ho prestato servizio nell’esercito, ora in Parlamento”, ha scritto il quotidiano Tugendhat.

“Ora spero di rispondere di nuovo alla chiamata come primo ministro. È tempo di un inizio pulito. Tempo di rinnovamento”.

Ha delineato la sua visione per affrontare la crisi del costo della vita, tagliare le tasse e investire in aree trascurate del Regno Unito.

Pur non avendo esperienza di gabinetto o gabinetto ombra, Tugendhat ha impressionato i suoi colleghi con le sue capacità oratorie e serietà, in particolare quando ha parlato della caduta dell’Afghanistan. È entrato in parlamento nel 2015 dopo aver prestato servizio nelle guerre in Iraq e Afghanistan.

Alcuni dei maggiori conservatori centristi stavano già dando il loro sostegno dietro la relativa tessera di indennità, ma alcuni temevano che la sua esperienza si concentrasse troppo sugli affari esteri.

Il presidente del comitato Tom Tugendhat. (AFP)

Meno di due giorni dopo essere stato nominato cancelliere, in sostituzione di Sunak, Nadim Zahawi ha pubblicamente chiesto a Johnson di dimettersi.

“Fai la cosa giusta e vai subito”, ha detto in una dichiarazione su Twitter allegata a una lettera al primo ministro.

Fino alla sua promozione, Zahawi, entrato a far parte del governo meno di un anno fa, era considerata una scelta improbabile come prossimo primo ministro.

Ma la sua ascesa sotto Johnson è stata rapida, poiché ha lasciato il segno con successo iniziale come ministro dei vaccini in mezzo alla pandemia di coronavirus e poi ministro dell’istruzione.

Nonostante abbia votato per lasciare l’Unione Europea nel 2016, Zahawi è ampiamente ammirato tra i partiti moderati.

Fondamentalmente, nelle parole di una fonte del partito conservatore, “non è stato al governo abbastanza a lungo da soffrire di difetti evidenti, e mentre sostiene Boris anche dopo un voto di fiducia, non è contaminato dal fidanzamento”.

Al-Zahawi è nato in Iraq da genitori curdi ed è arrivato nel Regno Unito all’età di nove anni, quando la sua famiglia è fuggita dal regime di Saddam Hussein.

Si ritiene che sia uno dei politici più ricchi della Camera dei Comuni e abbia contribuito a fondare la società elettorale YouGov.

Il nuovo Cancelliere dello Scacchiere britannico Nazim Al-Zahawi. (GT)

L’ex ministro della Salute e degli Esteri Jeremy Hunt ha perso il voto della leadership del 2019 a favore di Johnson.

Da allora, si è posizionato come antidoto a Johnson ed è senza dubbio il contendente più noto della parte moderata ed estroversa per rimanere nel partito.

In una dichiarazione su Twitter prima del voto di fiducia di giugno, Hunt ha dichiarato: “Chiunque creda che il nostro Paese sia più forte, più equo e più prospero quando è guidato dai conservatori dovrebbe riflettere sul fatto che il risultato di nessun cambiamento sarà quello di consegnare il paese ad altri che non condividono quei valori.

“La decisione di oggi è cambiare o perdere. Voterò per il cambiamento”.

In particolare, la dichiarazione di Hunt si è concentrata principalmente sulle possibilità di successo elettorale dei conservatori sotto Johnson, piuttosto che sulle sue politiche o sullo scandalo del partito, una decisione che potrebbe essere letta come una presentazione per i parlamentari conservatori e i membri che avrebbero deciso le elezioni della leadership.

Tuttavia, viene fornito con un bagaglio, hanno affermato fonti del partito laburista di opposizione CNN Stanno già scrivendo battute offensive.

“Non può essere Jeremy”, ha detto alla CNN una fonte importante dei Tory.

“I lavoratori potrebbero dire che ha gestito l’assistenza sanitaria per sei anni e non è riuscito a prepararsi per una pandemia. Potrebbero dire che quando era ministro della cultura, ha avuto a che fare con la famiglia Murdoch durante lo scandalo dell’hacking telefonico.

Il rappresentante conservatore Jeremy Hunt. (AFP)

Altri potenziali contendenti

Saffron Walden, parlamentare ed ex ministro per l’uguaglianza, ha lanciato la sua campagna di leadership in un pezzo di opinione che ha pubblicato Tempi di Londra quotidiano, affermando di volere “un governo forte ma limitato incentrato sull’essenziale”.

Si è dimessa dal governo mercoledì, citando “problemi” che “sono venuti alla luce” e il modo in cui sono stati gestiti.

“Mi metto in queste elezioni per la leadership perché voglio dire la verità. È la verità che ci renderà liberi”, ha scritto sabato. La Badenoch, che ha votato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea nel 2016, ha aggiunto che avrebbe condotto una “visione intelligente e agile del centrodestra”.

Il deputato conservatore Kimi Badenouche. (Facebook)

Da quando è stato nominato ministro della Difesa nel 2019, Ben Wallace ha ricevuto elogi per la sua gestione dell’invasione russa dell’Ucraina.

Wallace, un ex capitano dell’esercito, è riuscito a evitare lo scandalo e ha superato l’ultimo sondaggio della principale organizzazione conservatrice dei possibili successori di Johnson.

Ma lo stesso sabato è stato escluso dalla gara.

“Dopo un’attenta considerazione e discussione con i miei colleghi e la mia famiglia, ho preso la decisione di non partecipare al concorso per la leadership dei Tory”, ha detto su Twitter.

“Non è stata una scelta facile, ma il mio obiettivo è il mio attuale lavoro e il mantenimento della sicurezza di questo grande Paese”.

Il segretario alla Difesa Ben Wallace. (fornito)

Il ministro responsabile dell’innovativo programma “Leveling Up” di Johnson, che mira a cambiare le comunità dimenticate del Regno Unito, Michael Gove è stato licenziato dal governo dopo aver esortato Johnson a dimettersi.

Gove ha lavorato a stretto contatto con Johnson sulla campagna per il voto per il congedo nel 2016 prima di far deragliare la sua candidatura candidandosi contro di lui come leader del partito, una mossa che ha definito un “errore” il mese scorso.

Ha detto che non correrà mai più, ma se il passato lo indica potrebbe cambiare idea.

L’ex ministro Michael Gove. (AFP)

Il parlamentare anti-verde, che dirige il gruppo di ricerca europeo accreditato di aver inaugurato una dura Brexit, ha confermato che sta valutando una candidatura per il primo ministro.

ha detto Steve Baker custode Che se vince, annullerà le politiche ambientali e aumenterà l’uso e la produzione nazionale di gas da parte del Paese.

Il rappresentante conservatore Steve Baker. (AFP)

Il pubblico ministero ha indicato la sua intenzione di partecipare a un concorso futuro.

Il procuratore generale Suila Braverman. (GT)

In un’intervista a ITVSuella Braverman ha chiamato Johnson a dimettersi e ha detto che si sarebbe unita alla corsa alla leadership per sostituirlo, dicendo che “sarebbe un grande onore”.

READ  Twitter chiude gli account cercando di eludere il divieto di Trump