Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Camera Della Moda aggiorna le linee guida sull’uso dei prodotti chimici nella moda – WWD

Milano – Camera Della Moda alza l’asticella della sostenibilità ampliando la propria roadmap per definire i migliori standard e le pratiche ritenute essenziali per sostenere la filiera della moda italiana.

Mercoledì, il presidente della Fashion Authority Carlo Capasa si è unito a un gran numero di rappresentanti dell’associazione per svelare l’ultimo documento della fotocamera, chiamato Best Manufacturing Practices – Guidance on the Use of Chemicals in the Fashion Supply Chain, che incorpora precedenti manuali sui prodotti chimici pubblicati nel 2016 e 2018 , rispettivamente.

“Dobbiamo sfruttare la tecnologia disponibile e spargere la voce su ciò che possiamo fare oggi. Questo è un documento di implementazione ed educativo che stabilisce un obiettivo ambizioso per aiutare le aziende a ridurre e avviare il loro impatto ambientale”, ha spiegato Kapasa.

Il documento valuta le migliori pratiche nelle diverse fasi della catena di approvvigionamento nella produzione di tessuti, articoli in pelle e accessori, con circa 350 “sostanze chimiche problematiche” generalmente incluse.

Spinte dalla convinzione che l’industria della moda debba condividere un vocabolario comune, le linee guida si presentano sotto forma di un glossario che riunisce tutte le sostanze chimiche conosciute e le fasi di produzione, fornendo alle aziende 130 best practice e quasi 500 azioni che devono cercare di implementare per ridurli. E compensare il loro impatto ambientale.

Il documento è stato redatto dal Comitato Chimico CNMI, guidato da dirigenti della sostenibilità di importanti marchi italiani come Giorgio Armani, Gucci, Prada, Valentino e Versace, tra gli altri, con il supporto di Tessile e Salute o Sistema Moda Italia o SMI, Federchimica, Unique E Quantiz Italia.

Secondo Marco Pio, coordinatore scientifico e normativo di Tessile e Salute, l’associazione di tossicologia ambientale che valuta la sicurezza e la sostenibilità dei prodotti chimici utilizzati nell’industria tessile e della moda, le linee guida “rappresentano una risorsa per brand e produttori. Questi ultimi possono estrarre informazioni utili per identificare le fonti delle sostanze chimiche. Usano e monitorano l’importanza e i rischi di conseguenza, mentre i marchi devono fare affidamento su questi principi per analizzare la loro catena di approvvigionamento e promuovere il livello sostenibile dei prodotti che vendono. “

READ  Il messaggio: il crollo dei colloqui svizzeri rivela l'inflessibilità della leadership dell'UE

Pio ha aggiunto che il documento stabilisce anche obiettivi specifici per la catena di fornitura della moda che sono in parte legati agli obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 che consentono al settore della moda italiano, che rappresenta il 41% della produzione di moda europea, di stabilire le proprie regole basate sulla scienza.

Il consenso generale è che l’approccio scientifico e basato sulla valutazione stia guadagnando terreno tra i protagonisti della moda italiana. Simon Pedrazzini, direttore di Quantis Italia, osserva che strumenti come la valutazione del ciclo di vita sono sempre più fondamentali per abbinare esigenze sostenibili e aziendali, poiché le aziende di moda cercano una guida nelle loro scelte quotidiane.

“Se ti manca una spina dorsale scientifica, il rischio di lavare il verde – anche se non intenzionale – è molto alto”, ha detto.

Andrea Crespi, amministratore delegato di Textile Industry Eurojersey e presidente del Comitato per la sostenibilità di SMI, ha osservato che per evitare questo rischio è essenziale fissare obiettivi misurabili. A suo avviso, consente anche alle aziende di conoscere le risorse finanziarie e umane necessarie per trasformarsi.

La filiera della moda è riuscita a mantenere la sua posizione e guadagnare quote di mercato negli ultimi dieci anni, in parte grazie alla sua capacità di reinventare e promuovere la sostenibilità. Cabasa, che negli ultimi anni ha guidato il crescente impegno della camera della moda per la sostenibilità, osserva che il prossimo progetto è l’economia circolare.

“La sostenibilità non è qualcosa che puoi affrontare da solo, è uno sforzo di squadra”, ha detto. “Stiamo cominciando a capire che, allo stesso modo, l’economia circolare non è correlata a un singolo settore, ma deve essere affrontata congiuntamente da industrie diverse. Dobbiamo iniziare a pensare ai rifiuti come a una risorsa di valore”.

READ  Yellen fa pressioni sul G20 per aumentare l'aliquota dell'imposta sulle società più bassa | Notizie di economia e commercio

Un esempio è fornito dall’industria conciaria, che esporta sottoprodotti nel settore alimentare per convertire la pelle altrimenti destinata alla discarica in pelletteria, accessori e prodotti di design. Come riportato, lo scorso anno il governo italiano ha approvato una legge che regola l’uso del termine pelle, che non può essere utilizzato per descrivere materiali non animali, compresa la pelle vegetale.

“La pelle ecologica era inappropriata e fuorviante perché spesso si riferiva a materie plastiche e alternative derivate dal petrolio”, ha affermato Alessandro Elibrandi, Vicepresidente di Unic. “Esorto le generazioni odierne e future a capire che l’unica pelle ecologica disponibile è la pelle naturale”.

Le istruzioni saranno pubblicate e rese pubblicamente disponibili sui siti web di Camera della Moda e di altre società interessate.

Guarda anche:

Camera Della Moda afferma che l’industria della moda italiana ha bisogno di 3 miliardi di euro

La sostenibilità è la via d’uscita dall’epidemia per il settore tessile italiano

Le aziende tessili italiane collaborano per far fronte alle ripercussioni del COVID-19