Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Bottega Veneta ha svelato la prima collezione del nuovo Direttore Creativo Matteo Blasi

Bottega Veneta ha svelato la prima collezione del nuovo Direttore Creativo Matteo Blasi

Mariana Serini, CNN

La “nuova” visione di Bottega Veneta è iniziata con una canotta bianca e jeans, il primo look per aprire la collezione autunno inverno 2022 della griffe italiana in una delle sfilate più attese della Milano Fashion Week.

L’outfit era ingannevolmente semplice, ma uno sguardo più attento ha rivelato che i pantaloni erano in realtà realizzati in pelle, in particolare un nabuk elastico stampato che era stato progettato per assomigliare al denim. Trasudava maestria, premura e l’elemento sorpresa. Per Matthew Blasey, un preambolo si addiceva al suo debutto come nuovo direttore creativo di Bottega.

Le aspettative erano alte. Lo scorso novembre, la notizia che Danielle Lee – la stilista britannica che è alla guida di Heritage House dal 2018 – avrebbe lasciato il marchio è stata uno shock per il settore, vista la sua carriera di grande successo. Lee è accreditato di aver “reinventato” Bottega Veneta, trasformandola da un’etichetta tranquilla in uno dei nomi più riconoscibili della moda, che si tratti delle sue borse, dei suoi stivali o dell’ormai famoso Bottega Green, la tonalità distintiva che ha introdotto nelle sue collezioni.

Quando Blasey, che era il secondo in comando e collaboratore di lunga data di Lee, è stato nominato suo sostituto, molti si sono chiesti se sarebbe stato in grado di mantenere lo slancio e come avrebbe affrontato un’equazione già di successo. Il designer parigino ha mantenuto un profilo relativamente basso fino ad allora, sebbene abbia lavorato anche per Raf Simons, Maison Margiela Artesanal, Céline e Calvin Klein.

Dall’evento di sabato, sembra che il marchio del lusso sia ancora in buone mani.

READ  L'autista dell'autobus che ha confessato di aver rubato il capolavoro di Goya

Tenuto in un vecchio teatro dell’800 (a breve la nuova sede della Bottega Veneta), lo spettacolo è sembrato un affare intimo e sobrio rispetto ad altri spettacoli della scorsa settimana. Tra gli ospiti c’erano meno influencer dei social media e più celebrità, da Julianne Moore e Tracy Ellis Ross a Jacob Elordy di “Euphoria” e Maïwenn Le Besco. In prima fila anche Anna Wintour ed Edward Enninful, non lontano da François-Henri Pinault, amministratore delegato di Kering (il gruppo del lusso proprietario di Bottega Veneta).

Sebbene non si discostasse troppo dall’estetica collaudata di Lee, la linea Blazy si è rivelata un’ampia gamma di collezioni eleganti e raffinate che evocavano alcune delle silhouette più classiche dagli archivi della casa di moda.

“Ero pronto”, ha detto Blasey alla CNN Style dopo lo spettacolo, riferendosi al suo passaggio da designer a direttore creativo. “Ovviamente è stato molto impegnativo, ma questa volta mi sono sentito davvero pronto ad assumere una posizione così importante”, ha detto. “Mi sono fatto tagliare i denti in molti lavori e ho avuto la fortuna di avere il pieno supporto di Kering e Bottega Veneta. Ho colto l’essenza del marchio proprio nel mio approccio al design”.

Insieme al look “denim”, c’erano camicie da fidanzato oversize, cappotti cromati, abiti a girocollo con frange e gonne a ruota di metà secolo, oltre a un abito a righe per uomini e donne. Molti sono realizzati in pelle, in chiaro omaggio all’essenza stessa di Bottega Veneta, nata come azienda di pelletteria.

La lavorazione della pelle ha brillato anche negli accessori. L’iconica texture in pelle Bottega, la texture in pelle che è diventata uno stile distintivo in casa, è stata vista su stivali alti fino alla coscia, cinture e una varietà di borse, tra cui un nuovo modello, il Calimero, indossato a tracolla (un potenziale nuovo successo commerciale per l’etichetta).

READ  Semolina, un negozio di pasta biologica, aprirà a Bay View in autunno

Per Blazy, la reputazione di artigianato dell’etichetta è ciò che risuona di più con lui sul set. Ha detto: “È qualcosa creato dagli umani ma è senza tempo”. “Un tipo universale di tecnologia.”

Le maglie non abbinate sotto forma di maglioni patchwork, flanelle di pile e un tessuto a scacchi a spina di pesce hanno aggiunto ulteriore morbidezza e un ulteriore strato di vestibilità all’insieme, mentre le delicate sottovesti in pizzo da sera con paillettes e tulle, che hanno completato lo spettacolo, gli hanno conferito un’atmosfera amichevole tocco di glamour — forse attraente per gli acquirenti di Jill Young.

L’allontanamento più evidente dal passato delle stagioni di Bottega è stato, senza dubbio, l’allontanamento dal green. Il colore non era del tutto assente – appariva su un paio di scarpe e un vestito – ma era notevolmente ridotto. Al suo posto c’erano blu navy, marrone e rosso, ma anche una tavolozza di colori più tenue di giallo, bianco e lavanda. È stata una mossa intelligente da parte di Blazy – e forse il modo più semplice per iniziare a ritagliarsi la propria strada nel marchio, senza rompere così radicalmente dal recente passato.

“Mi sento liberato, ma sono ancora sotto pressione”, ha detto Blasey. “Questo è stato il risultato di una lunga ricerca, che è quello che dovrebbe essere lo spettacolo.”

Filo della CNN
™ & © 2022 Cable News Network, Inc. , una società WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.