Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Boris Johnson ha chiesto di dimettersi dal deputato conservatore David Davis durante le domande del PM

Johnson ha affermato di non conoscere le origini della citazione.

“Non so di cosa stia parlando”, ha detto Johnson.

Boris Johnson parla durante le Domande del Primo Ministro.credito:AP

Davis è stato segretario di gabinetto sulla Brexit nel governo di Theresa May. Le sue dimissioni per l’accordo offerto con l’Unione europea sono state un catalizzatore della sua caduta.

Le sue parole di mercoledì sono state altrettanto inquietanti per Johnson, che non è riuscito a calmare l’atmosfera di ribellione nel suo partito per quelle che dicono essere le sue risposte insostenibili ai rapporti multipartitici tenuti a Downing Street mentre il paese era in blocco per rallentare la diffusione del COVID -19.

Johnson inizialmente affermò che non c’erano feste e, dopo che sono emerse prove che lui e sua moglie Carrie avevano partecipato, ha detto che pensava che fosse un’occasione di lavoro.

Il suo ex consigliere, Dominic Cummings, ha detto che il primo ministro era stato avvertito personalmente che l’evento era di parte e contro le regole.

Ma Johnson ha negato questo martedì, spingendo Davis a chiamare mercoledì.

Johnson ha detto alla Gran Bretagna: “Nessuno me l’ha detto, nessuno ha detto che fosse contro le regole”. Notizie del cielo.

Svantaggi del partito conservatore

Non si credeva che la divisione di Wakeford facesse parte del complotto per estromettere Johnson dal 10° posto.

Indossando una maschera da Union Jack, si è seduto direttamente davanti alla telecamera, dietro il leader dell’opposizione Keir Starmer che ha dato il via alla sessione di domande taglienti dando a Wakeford un “caldo benvenuto” ai ranghi laburisti.

READ  I sopravvissuti dell'Ucraina parlano del loro tempo sottoterra e della loro eventuale fuga dalla crocifissione a Mariupol Azovstal

“Il partito laburista è cambiato, così come il partito conservatore”, ha detto Starmer ai parlamentari.

Wakeford è il quartier generale di Bury South nel nord dell’Inghilterra. Bury South è stata controllata dal Partito conservatore fino alla schiacciante vittoria di Tony Blair nel 1997 e da allora è stata occupata dai laburisti, rendendolo uno dei cosiddetti seggi del muro rosso caduti in mano ai conservatori nelle elezioni schiaccianti di Johnson nel 2019.

È il decimo seggio più marginale della Gran Bretagna e il Labour dovrà vincere di nuovo se vuole porre fine a più di un decennio di governo Tory.

Ma Johnson si è scrollato di dosso la defezione, dicendo a casa: “Vinceremo di nuovo a Bury South”.

Le maschere sono spente

Uno dei motivi per cui molti parlamentari si sono rivolti contro Johnson è la sua fretta di reimpostare le restrizioni COVID, compresi i passaporti per i vaccini limitati.

In una dichiarazione dopo le domande del primo ministro, Johnson ha affermato che avrebbe eliminato tutte le restrizioni in Inghilterra, incluso l’obbligo legale di indossare una maschera.

Ha detto che i lavoratori potrebbero tornare in ufficio immediatamente e revocare l’ordine di lavoro da casa.