Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Boeing approfondisce la sonda Starliner della NASA, portando a ulteriori ritardi

La seconda possibilità di Boeing di testare nuovamente il lancio della vacillante capsula dell’astronauta verso la Stazione Spaziale Internazionale è stata ritardata, forse fino alla metà del 2022, poiché la NASA e il gigante spaziale fanno di tutto per indagare sui problemi con le valvole del carburante della navicella.

Il ritardo si aggiunge ai problemi del veicolo spaziale Starliner di Boeing, in netto contrasto con SpaceX, la compagnia privata fondata da Elon Musk. Il suo veicolo passeggeri, Crew Dragon, ha portato i suoi equipaggi in orbita quattro volte negli ultimi due anni e sarà il quinto ad Halloween.

Il La capsula Starliner è arrivata a poche ore dal rilascio alla stazione spaziale a bordo di un razzo Atlas 5 ad agosto, come parte di una missione di prova di 10 giorni senza esseri umani a bordo. L’obiettivo era dimostrare che la navicella spaziale era abbastanza sicura da trasportare gli astronauti della NASA. Ma alcune valvole del carburante Starliner, fornite da Aerojet Rocketdyne, il produttore del motore a razzo, non si sono aperte come previsto durante i preparativi del lancio dell’ultimo minuto, spingendo gli ingegneri a rimettere il razzo nella sua torretta e, infine, a rimettere a posto la capsula. fabbrica.

“Non abbiamo alcuna indicazione che ci saranno problemi con queste valvole”, ha detto ai giornalisti martedì John Vollmer, direttore delle operazioni dell’equipaggio commerciale della Boeing. Le valvole fanno parte di una griglia decorativa di tubature in una scatola staccabile chiamata “unità di servizio” che ospita l’attrezzatura di propulsione Starliner. Vollmer ha aggiunto che i componenti hanno funzionato durante i test precedenti, inclusa la prova del sistema di interruzione di emergenza della navicella nel 2019.

READ  Scienziati: i dinosauri con le gambe agitavano la coda per correre i dinosauri più veloci

Boeing non ha ancora determinato la causa dell’arresto del fusibile. Gli ingegneri stavano valutando se introdurre un’unità di servizio completamente nuova, ma Boeing ha recentemente deciso di mantenere quella esistente, ha affermato Vollmer.

Le attuali congetture sulla causa del problema della valvola includono l’umidità che si è accumulata vicino ad alcune delle guarnizioni in teflon della valvola. Ma senza alcun colpevole apparente, la società ora prevede di spedire due delle valvole al Centro della NASA a Huntsville, Ala., per una scansione TC forense, utilizzando macchine simili a quelle utilizzate sugli esseri umani per rilevare le malattie.

Boeing ha costruito lo Starliner con un contratto NASA da 4,5 miliardi di dollari. Faceva parte del programma NASA Commercial Crew, progettato per catalizzare lo sviluppo privato di due capsule spaziali concorrenti in grado di trasportare astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. SpaceX ha ricevuto il proprio contratto del valore di quasi 3 miliardi di dollari e la capsula Crew Dragon ha effettuato il primo volo senza equipaggio verso la stazione spaziale nel 2019.

Il primo tentativo di Boeing di lanciare uno Starliner senza equipaggio nel dicembre 2019 Impossibile raggiungere la stazione spaziale a causa di dozzine di problemi software, alcuni dei quali dovevano essere riparati mentre la navicella era in orbita. Starliner avrebbe subito quello che i funzionari hanno descritto come un fallimento catastrofico Un gruppo di esperti di sicurezza del volo della NASA ha affermato all’epoca che gli ingegneri non erano in grado di correggere rapidamente alcuni problemi software.

L’azienda ha impiegato 18 mesi per apportare quasi 80 correzioni sia al veicolo spaziale che a La cultura della sicurezza interna di Starliner, come commissionato dalla NASA, Boeing sta raccogliendo $ 410 milioni nel 2020 per lanciare nuovamente lo Starliner per un altro test senza equipaggio.

READ  La NASA riassegna due astronauti Boeing Starliner a SpaceX Crew Dragon

Vollmer ha affermato che Boeing sta anche sostenendo il costo dei recenti ritardi di Starliner, senza dire esattamente quanto costerebbero tali ritardi. “Non mi aspetto alcuna accusa dal governo da questa parte”, ha detto.

Il comitato per la sicurezza della NASA ha suggerito a settembre che l’agenzia e Boeing riorganizzassero come verificare la prontezza del veicolo spaziale per i voli futuri. “Ci siamo avvicinati molto al lancio senza identificare il problema della valvola”, ha affermato George Nield, membro del comitato ed ex capo dell’Ufficio del trasporto spaziale commerciale della FAA. Ha aggiunto che c’erano “differenze abbastanza significative” nel modo in cui le due entità hanno esaminato i problemi prima del lancio.

Il signor Vollmer ha detto che la sua squadra sta adottando la proposta del comitato. “Faremo qualcosa di diverso? È esattamente quello che stiamo cercando”, ha detto, aggiungendo che gli ingegneri potrebbero decidere di caricare il carburante Starliner vicino al lancio o trovare nuovi modi per diluire l’umidità.