Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Blocco reale “nebbia di memoria”: esperto OST

Blocco reale "nebbia di memoria": esperto OST

Lo psicologo cognitivo afferma che i prolungati blocchi del coronavirus non limitano solo le libertà degli australiani, ma anche la loro memoria e concentrazione.

Analizzando gli studi provenienti da tutto il mondo, il professor Brett Hayes della School of Psychology dell’Università del New South Wales afferma che il “Giorno della marmotta” – sentirsi chiusi influisce sulle capacità cognitive delle persone.

La metropoli di Melbourne ha subito 112 giorni di blocco nel 2020, la Grande Sydney è stata sottoposta a ordini di soggiorno a casa dal 26 giugno di quest’anno, mentre altri stati e territori hanno dovuto imporre i propri blocchi.

Sebbene ci siano pochi o nessun dato specifico sull’esperienza del lockdown in Australia, uno studio sugli italiani che è stato chiuso per circa due mesi ha riportato un aumento delle distrazioni e dei vagabondi mentali.

Dei 4.175 partecipanti alla quarantena o all’autoisolamento, quasi un terzo ha sperimentato un certo grado di cambiamento nella propria cognizione quotidiana, inclusi problemi di memoria e difficoltà di concentrazione durante la lettura o la visione di qualcosa.

Il professor Hayes afferma che lo studio suggerisce che vivere la natura del “Giorno della marmotta” rende difficile per il cervello mettere insieme e recuperare i ricordi in seguito.

Groundhog Day si riferisce al film di Bill Murray del 1993 su un meteorologo che si reca in una città per coprire l’emergere annuale di una marmotta dalla sua tana, rimanendo intrappolato in una distorsione temporale e rivivendo la giornata più e più volte.

“Quello che sappiamo della memoria umana è che il contesto conta davvero”, ha detto.

“Forse stai lavorando a casa, chattando con un amico o guardando un film. Quando abbiamo queste esperienze, potremmo concentrarci sulla parte principale dell’esperienza, ma il nostro cervello sta effettivamente codificando molte altre cose semplicemente il modo, come dove è successo, dove, dove e quando sta accadendo”.

READ  Il rapper italiano accusa la televisione di stato di aver tentato di censurare | divertimento

Con le persone in gran parte confinate nelle loro case, dice che i giorni possono iniziare a svanire insieme, rendendo difficile separare le esperienze e portando a una “nebbia della memoria”.

Un altro studio sul blocco di due mesi della Scozia lo scorso anno ha testato la memoria, il processo decisionale e l’attenzione selettiva delle persone e ha scoperto che le loro prestazioni ne risentono.

Tuttavia, l’allentamento delle restrizioni ha portato a una maggiore mobilità e il contatto sociale ha coinciso con una migliore funzione cognitiva in una serie di test.

Il professor Hayes afferma che altri studi mostrano che le differenze nell’esercizio e nelle attività a casa sono un balsamo per la nebbia della memoria, in cui la cognizione si riprende una volta che le persone smettono di limitarle.

“Anche se non c’è stato tempo per fare ricerche sugli effetti a lungo termine degli arresti sulla memoria, le prove finora mostrano che man mano che le restrizioni vengono allentate, questi problemi cognitivi dovrebbero migliorare”, ha affermato.