Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Billie Jean King è stata una campionessa dentro e fuori dal campo

Tutto dentro. Scritto da Billie Jean King. Knopf. 496 pagine $ 30. Pubblicato in Gran Bretagna da Viking a settembre; £ 20

unT Era Da 15 anni, Billie Jean King ha predetto il suo percorso di vita in un saggio scolastico. Un prodigio del tennis, pensava che sarebbe presto arrivata a Wimbledon, ma ha perso ai quarti di finale. Durante il viaggio a Londra, avrebbe incontrato un battito cardiaco e si sarebbe innamorata. Col tempo sarà felicemente sposata, “seduta con i miei quattro meravigliosi figli” e grata per un’istruzione e un marito, “invece di diventare una barbone del tennis”.

Ascolta questa storia

Goditi più audio e podcast iOS o Android.

Fortunatamente per i fan dell’All England Club, King ha dimostrato di essere più bravo a colpire di rovescio che a prevedere. Tra il 1961 e il 1979 ha vinto sei titoli di Wimbledon in singolare e 14 in doppio in una delle più grandi carriere sportive del XX secolo. Non ha mai avuto figli e ha sostenuto il diritto all’aborto con l’esempio della sua gravidanza interrotta. Ha sposato un uomo, ma in seguito è emersa come una figura di spicco per i diritti dei gay.

In “All In”, un’autobiografia premurosa scritta con Johnette Howard e Maryanne Vollers, la signora King nota che le sue predizioni giovanili riflettono i confini soffocanti che circondavano le ragazze americane negli anni ’50. Poche donne avevano un lavoro; Gli sport femminili professionistici esistevano a malapena. Quando ha iniziato a vincere trofei di tennis, prima vicino a casa sua in California, poi in Europa, ha riscontrato disparità salariali orribili. Con suo disgusto, per esempio, nel 1970, l’Open d’Italia offrì 3.500 dollari per il campione maschile e 600 dollari per quello femminile.

Seguirono altri insulti. I giornalisti si sono concentrati sull’aspetto dei giocatori, non sui loro risultati. King si rifiutò di scrivere e affrontò dure critiche. Rise della sua franchezza. Le stelle maschili non hanno offerto alcun supporto, ridendo all’idea che i fan venissero per le partite femminili.

Ha perseguito senza sosta la parità di retribuzione. È pragmatica, è arrivata a un incontro con noi Direttore del torneo Open nel 1972 con denaro aziendale a disposizione per colmare il divario dei premi. Ha giurato che la maggior parte delle donne importanti non avrebbe partecipato l’anno successivo se si fosse rifiutato. (Concordato). Ha organizzato la Women’s Tennis Association nel 1973 e ne è diventata la prima presidente donna. Più tardi quell’estate ha vinto Wimbledon in singolare, doppio e doppio misto. Oggi, le donne competono per lo stesso premio in denaro in tutte e quattro le competizioni del Grande Slam. Di solito un tennista è il giocatore più pagato al mondo.

La partita più famosa per King è stata “Battle of the Sexes” nel 1973. Bobby Riggs, rumoroso per le viste nascoste e l’abilità nella pubblicità, la sfidò a una fiera amichevole. Comprendendo i rischi e facendo attenzione a non sottovalutare il suo avversario, studiò il suo gioco e fece un piano per far scappare l’uomo più anziano. E l’ha acceso, sotto le luci del carnevale allo Houston Astrodome, con 30.000 persone in festa e altri 90 metri in casa. Innumerevoli fan in seguito le hanno detto cosa significasse per loro la sua vittoria, ha scritto, incluso Barack Obama, che l’ha vista provare alle Hawaii negli anni ’70.

Fedele al suo titolo, “All In” è molto semplice. Oltre alle battaglie sportive e politiche, il libro racconta il disturbo alimentare di King, gli abusi sessuali che ha subito da adolescente e il singhiozzo di essere stata smascherata come lesbica da un ex amante nel 1981. King non fa nulla a mezze misure. È stato molto meglio per i lettori, gli sport e le molte donne che ho incoraggiato e potenziato.

Questo articolo è apparso nella sezione Libri & Arte dell’edizione cartacea sotto il titolo “Punti Campionato”

READ  Sports Digest: UMass chiude St Cloud State per vincere il suo primo titolo di hockey NCAA