Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Benjamin Netanyahu affronta sfide alla leadership dopo l’uccisione di operatori umanitari

Benjamin Netanyahu affronta sfide alla leadership dopo l’uccisione di operatori umanitari

Albanese si è unito ad altri leader nel definire inaccettabile la spiegazione di Israele, e ha criticato personalmente i commenti di Netanyahu secondo cui tragedie non intenzionali “accadono in tempo di guerra”.

L'operatrice umanitaria australiana Zumi Frankcom, 43 anni, è stata uccisa in un attacco aereo israeliano nel centro di Gaza mentre aiutava a consegnare cibo. Facebook

“Una delle cose che Israele dice è che protegge la vita delle persone, persone innocenti. Ebbene, questo è in netto contrasto… [to] Albanese ha detto: “I numerosi incidenti colpiscono non solo le persone che vengono dall'estero per fornire assistenza, ma ovviamente gli stessi palestinesi, poiché abbiamo assistito a perdite di vite umane straordinarie a Gaza”.

Wong, a sua volta, ha avvertito che “a meno che Netanyahu non cambi la sua linea d’azione, Israele continuerà a perdere sostegno” a livello internazionale.

Perdita del sostegno internazionale

I leader di altri paesi che hanno perso cittadini hanno rilasciato dichiarazioni simili. Il primo ministro polacco Donald Tusk ha affermato che la risposta di Israele è stata una prova di solidarietà dopo il 7 ottobre e ha sollecitato un risarcimento per le famiglie delle vittime.

Ancor prima che gli operatori umanitari venissero uccisi, era chiaro dalla risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite della scorsa settimana che richiedeva un cessate il fuoco immediato durante il mese sacro del Ramadan che la pazienza dell’Occidente nei confronti di Netanyahu si stava esaurendo.

Gli Stati Uniti, su cui tradizionalmente si può fare affidamento per contrastare le risoluzioni anti-israeliane, hanno scelto in questo caso di non usare il veto. Persino Donald Trump – che si vanta di essere stato il presidente più filo-israeliano di sempre, compreso il riconoscimento di Gerusalemme come sua capitale – ha affermato che Israele ha subito troppe “tangenti” e ha bisogno di rimettere rapidamente in carreggiata il conflitto.

“Israele è nei guai adesso. C’è stato un attacco che non avrebbe dovuto verificarsi né dal punto di vista israeliano né da quello statunitense. “Sto solo dicendo di essere forte, di essere intelligente e di farla finita.” Israele Hayom Giornale.

“Devi porre fine alla tua guerra. Per porvi fine. Devi portarla a termine. E sono sicuro che lo farai. E dobbiamo arrivare alla pace. Questo non può andare avanti.”

Trump – che ha trattato la sua presidenza in parte come un reality show televisivo e in parte come un’opportunità di branding – ha affermato che Israele potrebbe vincere sul campo di battaglia ma perdere la guerra delle pubbliche relazioni.

READ  Israele ordina una nuova ondata di evacuazioni a Rafah poiché le scorte di cibo stanno per esaurirsi

“Ogni notte guardavo gli edifici crollare sulle persone”, ha detto Trump.

“Non hai più il sostegno di una volta. Quindici anni fa, Israele aveva la lobby più forte. Se fossi un politico, non saresti in grado di dire nulla di negativo su Israele. Sarebbe la fine della tua carriera politica.” Oggi è quasi il contrario”.

“Israele deve migliorare in termini di promozione e pubbliche relazioni perché in questo momento sono gravemente danneggiati in termini di pubbliche relazioni”.

Effetti dell'attentato al consolato iraniano a Damasco. AP

La situazione di Israele con i suoi vicini regionali rimane tesa. La normalizzazione delle relazioni con l’Arabia Saudita rimane sfuggente, con una delegazione americana che rinvia la sua visita a Riyadh questa settimana.

Anche Israele è in massima allerta in previsione di attacchi di ritorsione dopo aver lanciato lunedì un attacco aereo sul consolato iraniano a Damasco, uccidendo almeno 11 persone, tra cui un alto comandante della Guardia rivoluzionaria iraniana.

Teheran ha affermato che prendere di mira il complesso diplomatico è un fatto senza precedenti e ha ricevuto il sostegno dei suoi alleati “dell’arco della tirannia”, Cina e Russia, in una riunione a sorpresa del Consiglio di Sicurezza.

Ma i gruppi ebraici credono che porre fine prematuramente alla guerra non sia un’opzione se Hamas non viene completamente schiacciato.

“Non c'è dubbio che quanto più questa guerra si protrarrà e quanto più le atrocità del 7 ottobre si allontaneranno dalla memoria, tanto più diminuirà il sostegno agli obiettivi militari israeliani. Ma il popolo di Israele e il mondo ebraico non dimenticheranno mai quel giorno e non sappiate che questa guerra è un momento decisivo nella storia”.

Gli Stati Uniti possono abbandonare i propri obiettivi bellici in Afghanistan e Vietnam, ma Israele non ha altra scelta che vincere.

“C’è una significativa opposizione al Primo Ministro Netanyahu per le sue riforme giudiziarie, i disastrosi fallimenti del 7 ottobre e la continua crisi degli ostaggi, ma questa guerra trascende le politiche di parte e le personalità perché il suo esito definirà la sicurezza di Israele e del mondo ebraico per molti anni . Venire.

Comprendere gli alleati di Israele, compresa l'Australia, è importante, ma Israele perseguirà i suoi giusti obiettivi con o senza questa comprensione. “Gli alleati di Israele non erano lì per proteggerlo il 7 ottobre, e non sono in grado di influenzare Hamas affinché deponga le armi e rilasci i suoi ostaggi”, ha detto Rivchin.

READ  Gli Stati Uniti invitano Taiwan al vertice sulla democrazia, facendo arrabbiare la Cina mentre continua la tensione diplomatica

“Solo Israele può proteggersi dai malvagi jihadisti che si radunano ai suoi confini, e noi come società saremo al fianco del popolo di Israele e delle sue forze armate per tutto il tempo necessario”.

I manifestanti di Tel Aviv hanno appiccato il fuoco mentre partecipavano a una manifestazione che chiedeva il rilascio degli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza. GT

Gli israeliani protestano

Tuttavia, l’opposizione interna a Netanyahu comincia a muoversi. Visto questa settimana La più grande protesta di massa contro il primo ministro sempre più impopolare dal 7 ottobre.

Decine di migliaia di manifestanti si sono radunati per diversi giorni davanti alla casa di Netanyahu e al parlamento israeliano, la Knesset, alcuni montando tende per il campeggio prolungato.

Una marcia davanti alla casa di Netanyahu si è trasformata in una “rivolta”, secondo la polizia locale, quando i manifestanti hanno sfondato le barricate. Per ristabilire l'ordine sono stati sparati idranti.

La presenza di migliaia di persone nelle strade ha risvegliato i ricordi dello scorso anno, quando un ampio settore della società israeliana si è mobilitato per cercare di contrastare le riforme giudiziarie di Netanyahu volte a massimizzare il potere dei tribunali di ribaltare le decisioni del governo.

La disperazione per la sorte dei restanti 134 ostaggi israeliani continua a pesare pesantemente su Netanyahu. Hamas non rinuncia alle sue richieste e respinge la recente offerta di un cessate il fuoco in cambio del rilascio degli ostaggi.

Raz Ben-Ami, uno degli ostaggi rilasciati, ha detto al forum settimanale sugli ostaggi a Tel Aviv che Netanyahu deve raggiungere un accordo.

“Essi [the hostages] Non durerà lì, e nessuno può sopravvivere a ciò che passa lì. “Fidati di me”, ha detto. Ha aggiunto: “Signor Primo Ministro, in nome dei rapitori e in nome del popolo di Israele, dia ai negoziatori in Qatar l'ordine: non torneremo senza un accordo”.

Il direttore esecutivo di Rabbis for Human Rights, Avi Dabush, afferma che le proteste di questa settimana rappresentano un momento di svolta.

“Le manifestazioni sono diventate davvero grandi a causa della rabbia”, dice Dabush, che è in tournée in Australia sponsorizzato dal Progressive New Israel Fund.

“È la prima volta che la maggior parte delle famiglie sequestrate si unisce ai manifestanti democratici e la richiesta è di tenere le elezioni adesso o quest’anno.

READ  Tartaruga lenta ritarda cinque aerei all'aeroporto giapponese | Giappone

Benny Gantz probabilmente succederà a Benjamin Netanyahu. AP

“Dai sondaggi possiamo vedere che se le elezioni si terranno, la coalizione di Netanyahu perderà e Benny Gantz sarà il prossimo primo ministro. Non è il mio politico ideale, ma rappresenta una leadership più responsabile e realistica.

Annusando il vento, Gantz – principale rivale politico di Netanyahu e membro del suo gabinetto di guerra – ha indetto elezioni parlamentari anticipate a settembre.

“La data concordata per le elezioni ci darà il tempo di continuare gli sforzi di sicurezza e farà anche sapere ai cittadini israeliani che presto rinnoveremo la fiducia tra di noi. “Ciò eviterà una spaccatura nella nazione”, ha detto Gantz.

Mentre il centro politico e la sinistra attaccano Netanyahu, l’ala destra potrebbe non avere successo. Netanyahu ha difficoltà a gestire la sentenza di un tribunale che considera discriminatoria l’esenzione degli ebrei ultraortodossi dal servizio militare obbligatorio.

Tra i membri della coalizione di Netanyahu ci sono coloro che credono che gli ebrei ultra-ortodossi dovrebbero essere reclutati e coloro che si oppongono a ciò. I due partiti ultra-ortodossi hanno descritto la sentenza come un “bullismo contro gli studenti della Torah”.

I membri delle fazioni laiche e religiose minacciano di ritirarsi dalla coalizione se non ottengono ciò che vogliono, lasciando a Netanyahu il tempo per raggiungere un compromesso.

Dabush è nella posizione ideale per parlare degli orrori del 7 ottobre. Lui e la sua famiglia si sono chiusi nella stanza sicura della loro casa mentre i terroristi si facevano strada attraverso il kibbutz dove vivevano, a meno di due chilometri dalla città di Khan Yunis, a Gaza. I vicini sono stati uccisi o presi in ostaggio.

Ma dice che l’unità che ha unito gli israeliani in seguito all’attacco sta rapidamente svanendo.

“Dobbiamo parlare delle nostre differenze. C'è un conflitto di opinioni molto profondo nella società israeliana, ma dobbiamo trovare una buona via da seguire.

Ha aggiunto: “Chiediamo un cessate il fuoco, ma se non parliamo di guerra, avremo ancora disaccordi e una leadership che si concentra sui propri interessi, non sulla società israeliana”.

Nonostante la crescente pressione su Netanyahu, Dabush è pessimista sul fatto che il potente leader del suo paese possa cambiare.

“Non riesco a vedere Netanyahu muoversi a causa delle sue politiche e della sua profonda personalità. È qualcuno a cui non piace apportare modifiche a meno che non sia necessario.

“La guerra continua e Netanyahu ha interesse a che continui. Ci sono problemi economici. È folle lottare contro gli Stati Uniti, le Nazioni Unite e tutti gli altri [who] È il nostro nemico o antisemita. Questa non è la nostra visione per Israele. “Non possiamo sempre incolpare tutti.”