Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

BD Barcelona inaugura una nuova era per l’azienda

BD Barcelona inaugura una nuova era per l’azienda

La storia della fondazione di BD Barcelona è leggendaria: un gruppo di architetti, una notte del 1972 nel famoso club Boccaccio di Barcellona, ​​decisero di avviare un marchio di design coinvolgendo i loro amici artisti e designer. Boccaccio Design (in seguito ribattezzato BD Barcelona) divenne una sensazione creativa producendo opere di artisti del calibro di Ettore Sottsass e Vittorio Gregotti (allora relativamente nuovi arrivati), oltre a ristampare opere di artisti surrealisti Antoni Gaudí e Salvador Dalí. Il suo vasto catalogo ha visto alcuni dei creatori più famosi del mondo presenti nelle sue pagine, da grandi affermati come Álvaro Siza Vieira e Alessandro Mendini a designer più contemporanei come Konstantin Grecic, Duchy Levian e Jaime Hayon.

BD Barcelona: I nostri inizi sono umili ma esaltanti

sedia “Jamaica”, di Pepe Curtis; Scrivania “Table B”, di Konstantin Grycic; sedia “Gaulinetta”, di Oscar Tusquets; il divano “Dalilips”, di Salvador Dalì e Oscar Tusquets; la sedia “Binaria” di Jordi Badia e Otto Canalda; la sedia “Varius” di Oscar Tusquets; vaso “Shiva” di Ettore Sottsas; Sedia “B”, di Konstantin Grcic, tutti di BD Barcelona

(Credito immagine: BD Barcellona)

Il marchio è stato originariamente fondato dai membri dello studio di architettura Studio Per: Pep Bonet, Cristian Cirici, Lluís Clotet e Oscar Tusquets (con Mireia Riera che si è unita allo studio come interior designer). “Siamo stati influenzati dagli architetti milanesi”, spiega Tusquets, che ha trascorso del tempo a Milano come parte del suo lavoro con gli architetti Federico Correa e Alfonso Milla, visitando la Triennale nel tempo libero con Gregotti e il filosofo Umberto Eco. Abbiamo notato che gli architetti milanesi progettavano anche oggetti e mobili, quindi ci siamo ispirati a creare tavoli e sedie, ma poi nessuno in Spagna era interessato a produrre il nostro lavoro. Così, quando abbiamo completato i nostri studi di architettura negli anni ’60, abbiamo deciso di farlo noi stessi, producendo i nostri progetti. Taskits dice che i loro inizi furono “umili ma appariscenti: i nostri progetti erano pazzi!”

READ  Il sentiment nell’economia italiana è molto più positivo

Trovano ispirazione nel design italiano non solo come entità creativa ma anche come modello di business, ammirando la “tradizione italiana di questo meraviglioso dialogo tra designer e produttore, un rapporto basato sul rispetto e sull’entusiasmo”.

Icone BD Barcellona

i tavolini “Explora”, di Jaime Hayon; Poltrona “Odyssey”, di Eugeni Quitllet; La lampada “Bracelli”, di Salvador Dalì, tutta per BD Barcelona

(Credito immagine: BD Barcellona)

Nel corso degli anni, i membri del team fondatore non hanno lasciato nulla di intentato nel design: dalle riedizioni del lavoro di Charles Rennie Mackintosh ai sedili in alluminio estruso in stile aeroporto, hanno realizzato un catalogo che unisce con passione funzionalità ed espressione artistica.