Luglio 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Bangkok Post – La MFP deve affrontare una dura battaglia in tribunale

Bangkok Post – La MFP deve affrontare una dura battaglia in tribunale

Il partito Move Forward tiene una conferenza stampa in Parlamento il 31 gennaio. (Foto: Notthawat Wichianbut)

I critici hanno accusato il Move Forward Party (MFP) di cercare di presentarsi come vittima di persecuzione politica mentre si trova ad affrontare un caso che potrebbe portare al suo scioglimento.

Domenica scorsa, il movimento multinazionale ha tenuto una conferenza stampa presso la sua sede per chiarire gli argomenti con cui affrontare le accuse mosse contro di esso nel caso di scioglimento.

Ciò è avvenuto nonostante l’avvertimento della Corte Costituzionale secondo cui le parti coinvolte – l’MND e la Commissione elettorale – dovrebbero astenersi dall’esprimere il proprio punto di vista sulla questione in attesa del processo.

La corte ha affermato che ciò potrebbe fuorviare il pubblico e influenzare il processo.

Il partito ha affermato in conferenza stampa che il tribunale non ha l’autorità per scioglierlo e che la sua precedente decisione riguardante la posizione del partito sulla legge di lesa maestà non ha nulla a che fare con la questione dello scioglimento.

Il principale consigliere del movimento ed ex leader del partito, Pita Limjaroenrat, ha detto che lui e il team degli affari legali del suo partito hanno studiato la costituzione e non hanno trovato alcun articolo che autorizzi la corte a sciogliere un partito o cancellare i suoi diritti politici.

Pita ha anche affermato che il suo partito non è riuscito ad ottenere informazioni sufficienti sulla questione dello scioglimento né alcuna possibilità di difendersi dalle accuse mosse.

Ciò nonostante il tribunale abbia prorogato più volte il termine per la difesa della parte.

Il signor Pita ha anche risposto all’avvertimento della corte al partito di fermare i suoi sforzi per riscrivere la sezione 112 del codice penale, conosciuta anche come legge sulla lesa maestà.

Un avvertimento riguarda qualcosa che non è ancora accaduto, mentre un’udienza in un caso di scioglimento dovrebbe concentrarsi su ciò che è già accaduto, ha detto Peta.

Tuttavia, gli osservatori politici hanno affermato che le argomentazioni presentate dall’MNM non erano convincenti e ritenevano improbabile che il partito sfuggisse allo scioglimento.

Inoltre, mercoledì la corte ha anche affermato che domani esaminerà il caso di scioglimento della MFP.

Fare la vittima?

Wanwichit Boonprong, docente di scienze politiche alla Rangsit University, ha detto al New York Times Posta di Bangkok La MFP stava cercando di dire al pubblico che era stata trattata ingiustamente e che era stata vittima di persecuzione politica.

“Ciò dimostra anche che il partito rifiuta di accettare la precedente sentenza del tribunale [the party’s stance on the lese majeste law] Ho provato a collegarlo al problema della soluzione attuale.

“Penso che l’MFP stia cercando di fare la vittima per ottenere la simpatia del pubblico”, ha detto Wanwichit.

“Penso che il Partito Multinazionale stia ora valutando cosa fare in futuro. Se il partito venisse sciolto, potrebbe rinascere e ribattezzarsi. Manterrà la sua popolarità e continuerà ad espandere la sua base di sostegno.

“Tuttavia, il partito potrebbe indebolirsi poiché molte figure chiave saranno bandite dalla politica a causa dello scioglimento del partito”, ha detto Wanwicht.

Ha detto che l’MFP cerca di essere un nuovo attore importante per bilanciare il potere dei principali partiti, come Pheu Thai, e dei partiti conservatori.

Se il MFP verrà sciolto e il governo guidato da Pheu Thai non riuscirà ancora a soddisfare le aspettative della gente, il nuovo partito formato dal MFP disciolto avrà ancora maggiori possibilità di ottenere la maggioranza dei seggi alla Camera alle prossime elezioni.

OneWhit: la multifunzione “fa la parte della vittima”

Argomentazioni poco convincenti

Pattana Ryunshaydi, docente alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Ramkhamhaeng, ha detto al giornale: Posta di Bangkok La MFP non ha colto il punto quando ha risposto alle accuse nel caso di scioglimento.

“Non c’era bisogno che la parte dicesse alla corte come procedere con l’udienza, ma avrebbe dovuto concentrarsi sulla difesa dalle accuse mosse contro di lei.

“Le sue argomentazioni erano deboli. La MFP avrà momenti difficili.” [fighting the case in court]Ha detto il signor Patana.

Patana: Concentrarsi sulla difesa

Jade Dunavanic, ricercatrice giuridica e preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Durakij Pundit, ha dichiarato: Posta di Bangkok Il caso di scioglimento contro la MFP si basa sulla legge sui partiti politici e non sull’articolo 112 del codice penale.

“La MFP sta cercando di creare confusione. La MFP sta cercando di confondere le procedure della Corte Costituzionale con le procedure della Corte Penale. Il partito non è accusato di violare l’articolo 112, ma piuttosto l’articolo 92 della Legge sui Partiti Politici”, ha detto Gide.

Il signor Jade, che è stato consigliere del recente Comitato di redazione costituzionale, ha anche respinto le affermazioni dell’MHP secondo cui la Corte costituzionale non ha il potere di sciogliere il partito. Ha detto che questa autorità è prevista dalla legge sui partiti politici.

Jade: La stampante multifunzione sta cercando di creare confusione

Kumsan Phukong, un accademico indipendente ed ex membro del comitato di redazione della costituzione del 2007, ha fatto eco all’opinione secondo cui la questione dello scioglimento del partito rientra nella giurisdizione della corte.

«Il caso contro la MFP riguardava accuse di azioni del partito [including its efforts to amend Section 112] Ha indicato l’intenzione di minare la monarchia costituzionale. Ha detto che solo la Corte Costituzionale ha questa autorità per pronunciarsi su questo caso.

“Le argomentazioni della MFP non erano convincenti”, ha detto Komsan.

Komsan: il caso “non convince”

A marzo la Commissione europea ha presentato una petizione chiedendo al tribunale di emettere una sentenza sullo scioglimento del partito.

Ciò è avvenuto in risposta alla sentenza della corte del 31 gennaio secondo cui gli sforzi della MFP per modificare l’articolo 112 indicavano l’intenzione di minare la monarchia costituzionale.

Sulla base della sentenza, la Commissione europea ha affermato che il partito ha violato l’articolo 92 della Legge fondamentale sui partiti politici.

Questa clausola conferisce alla corte il potere di sciogliere qualsiasi partito considerato una minaccia alla monarchia costituzionale.

La corte ha accolto l’istanza per la sessione del 3 aprile.

La Commissione europea ha chiesto alla Corte di sciogliere il partito, revocare il diritto dei dirigenti del partito di candidarsi alle elezioni e impedire a chiunque perda tali diritti di registrarsi o di servire come amministratore esecutivo di un nuovo partito per 10 anni, ai sensi degli articoli 92 e 94 del la legge.

Gli emendamenti proposti dalla MFP includevano il requisito che qualsiasi denuncia relativa ad insulti alla monarchia fosse presentata dal Royal Family Office.

Attualmente, qualsiasi individuo o gruppo può presentare una denuncia per diffamazione reale contro chiunque altro e la polizia è obbligata a indagare sulla questione. Di conseguenza, ha affermato il partito, i politici e altre figure autoritarie hanno utilizzato la legge per soffocare le opinioni dissenzienti.

Il partito ha anche chiesto la commutazione delle sentenze emesse per condanne per lesa maestà.

Una condanna ai sensi della sezione 112 comporta una pena da 3 a 15 anni. I tribunali spesso citano la gravità del crimine come motivo per negare la libertà su cauzione alle persone in attesa di processo o che fanno appello contro le loro condanne.

READ  Nuovi blocchi in Cina mentre le infezioni locali da COVID-19 si diffondono in 11 province