Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Bandiere del festival italiano rimosse dai pali dell’elettricità di Southington secondo una nuova legge

Southington – Le bandiere italiane non saranno appese ai lampioni durante il Festival Italo-Americano di quest’anno, ma saranno invece esposte dai proprietari in Center Street.

Non è più consentito l’uso delle bandiere sui terreni di proprietà del comune e dei pali dell’illuminazione dopo l’emanazione di un decreto che limita le bandiere sui terreni pubblici ai soli rappresentanti delle istituzioni governative.

I membri del Comitato Festival Italo-Americani, che rappresenta tre club italiani della città, questo mese hanno issato bandiere sui lampioni lungo Center Street. L’esistenza della bandiera è stata presa in considerazione dal procuratore della città Alex Ricciardone che ha affermato di essere soggetta alla legge approvata ad aprile. Sono stati rimossi questa settimana, secondo David Zuni, un rappresentante di Yoneco nel comitato del festival.

“Era una tradizione sventolare quelle bandiere. Sfortunatamente quest’anno ci siamo imbattuti nel problema delle ordinanze”, ha detto Zuni. “Ad alcuni imprenditori è stato chiesto se potevamo mettere bandiere sui loro edifici. Stanno collaborando, non l’abbiamo ancora fatto”.

Negli anni precedenti, le bandiere americane e italiane erano state alzate da lampioni e pali alternati lungo Center Street. Il festival è finanziato da Unico, Sons of Italy e Sorelle d’Italia, tre organizzazioni locali italo-americane. L’appuntamento è dal 29 luglio al 31 luglio.

Vota sulla linea del partito

Repubblicani e Democratici si sono scontrati sul decreto. I repubblicani, che hanno proposto la legge, hanno affermato che era necessario evitare dibattiti lunghi e frammentati sull’adeguatezza delle bandiere. I repubblicani hanno anche citato una causa di successo contro Boston da parte di un gruppo che voleva che la bandiera fosse alzata ed è stata respinta.

READ  Olimpiadi di Tokyo: il presidente del Comitato Olimpico Italiano si oppone a Novak Djokovic che gioca a Roma

Il decreto è passato alla Camera con sei voti a favore dei repubblicani e tre voti democratici all’opposizione.

I democratici hanno affermato di volere un processo per selezionare le bandiere appropriate da sventolare sulle proprietà della città.

Victoria Triano, presidente del consiglio comunale e del repubblicano, ha detto che è stato un vero peccato che le bandiere stessero abbassando, ma ha detto che la legge dovrebbe essere applicata allo stesso modo.

“Ciò che è giusto per uno è giusto per tutti”, ha detto. “Questo non è uno schiaffo contro la mia eredità italiana o chiunque altro”.

L’ordinanza è stata modificata il mese scorso per consentire l’apposizione di cartelli a sostegno delle squadre sportive cittadine e in occasione di eventi cittadini come Apple Harvest. Come evento speciale, il Festival Italo-Americano non è incluso.

Bandiere speciali per il festival

Triano ha detto che nulla impedisce agli imprenditori e agli italiani, che hanno un edificio in Center Street, di mettere le proprie bandiere sulla proprietà privata.

“Quando diventa retorica del governo, dobbiamo stare molto attenti”, ha detto delle bandiere pubbliche.

Zuni ha detto che gli sarebbe piaciuto vedere un’eccezione per le bandiere nazionali dato il numero di etnie rappresentate a Southington.

“Se ci pensano un po’ di più, potrebbero essere in grado di trovare una soluzione in termini di bandiere nazionali”, ha detto. Abbiamo gruppi etnici in questa città con origini nazionali. Penso che avresti potuto tracciare una linea di demarcazione tra una bandiera di origine nazionale e un’altra bandiera di un gruppo di interesse speciale”.

Processo vs Ban

Tony D’Angelo, un membro del comitato legale che si è opposto alle restrizioni della bandiera, ha affermato di volere un processo per valutare quali bandiere potrebbero essere sventolate. Ha descritto il decreto come “non gradito”.

READ  'Molto deluso': Matteo Berrettini si ritira dalle Olimpiadi di Tokyo, notizie sportive

“Volevamo consentire le bandiere, ma volevamo un processo”, ha detto D’Angelo. Bandiere come la bandiera confederata non verranno sventolate poiché ogni ordine verrà controllato.

“Questi sono gruppi di odio”, ha detto.

Triano ha detto che i Democratici non hanno avanzato proposte specifiche sul processo che vogliono. Il rinvio di una decisione al City Manager Mark Ciotta o ad altri non eliminerà necessariamente la responsabilità del City.

“Non ha mai specificato quale fosse quel processo”, ha detto Triano.

jbuchanan@record-journal.com203-317-2230 Twitter: @JBuchananRJ