Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ballerino ucraino, 13 anni, sta seguendo i suoi sogni in Italia

La storia di Vasilisa, scappata dall’Ucraina con le scarpe da ballo.

Vasilisa, una ragazza ucraina di 13 anni, ha sempre sognato di diventare una ballerina.

Ha studiato in una prestigiosa accademia di danza a Kiev fino alla sua improvvisa chiusura in seguito all’invasione russa dell’Ucraina due settimane fa.

In mezzo agli orrori e alle tragedie della guerra, i sogni di Vasilisa sembravano infranti. Notizie RAI.

Successivamente, su consiglio di una ballerina giapponese, la madre di Vasilisa ha colto l’occasione per inviare un’e-mail a una rinomata scuola di danza in Spagna, nel Veneto settentrionale d’Italia.

“Mi chiamo Giulia. Mia figlia Vasilisa sta studiando nel dipartimento di musica classica presso l’Accademia di danza di Kiev a Serge Lifar” – ha scritto – “Oggi siamo costretti a lasciare la nostra Ucraina. Possiamo continuare gli studi presso la vostra accademia?”

Quando i dirigenti della scuola, i ballerini Ledicia Giuliani e suo marito Francesco Marzola, hanno letto la notizia inaspettata lunedì della scorsa settimana, hanno immediatamente risposto con un impegno.

“Abbiamo allestito una raccolta presso la nostra scuola di ballo per inviare forniture in autobus in Ucraina. Vogliamo essere d’aiuto. Vogliamo tutto l’aiuto possibile” – ha detto Marzola a RAI News – “L’e-mail è arrivata mentre stavamo riempiendo. I pacchi. “

A Kiev, l’entusiasta Vasilisa ha fatto le valigie e ha comprato a sua madre un biglietto per un duro viaggio in autobus verso l’Italia.

Tuttavia, la gioia è amara perché separa la loro famiglia: l’altra figlia di Julia è una dottoressa specializzata in oncologia pediatrica. Ora le sue capacità di lasciare i bambini in Ucraina sono molto importanti.

Anche il marito di Giulia è in Ucraina, a difendere il suo Paese con tutti gli uomini tra i 18 e i 60 anni.

READ  Vesuvio, Italia: l'immagine scioccante di "uno dei vulcani più pericolosi del pianeta"

Vasilisa e sua madre sono arrivate nel trevigiano 36 ore dopo giovedì scorso.

“Quando li ho visti scendere dall’autobus è stato fantastico” – ha raccontato alla RAI Marzola – “La bambina è scesa al piano di sotto con il cane in braccio sorridente e sua madre era esausta per la situazione”.

Quando li ha portati nella loro nuova casa, ha ricevuto una telefonata su come stava andando. “In quel momento, invece delle parole giuste per la domanda – ha detto – è emerso un grande grido di lacrime e di commozione”.

La RAI riporta che una donna del posto ha aperto le porte della sua casa di Mirano, a un chilometro dalla scuola di ballo, e tratta Vasilisa e Giulia come sue ospiti.

Una delle studentesse, una ragazza di 12 anni di origini ucraine, aiuta Vasilisa in italiano, mentre Marzola ha detto che i suoi stessi figli sono stati in grado di comunicare facilmente con lei usando Google Translate.

“Una volta a casa le ragazze parlavano di danza e discutevano del curriculum”, ha detto.

Così, una settimana dopo aver inviato a Julia un’e-mail che le ha cambiato la vita dall’Ucraina dilaniata dalla guerra, Vasilisa ha iniziato il suo primo corso di danza in Italia.

“Le donne l’hanno accolta calorosamente” – ha detto Marzola – “non hanno avuto problemi a comunicare tra loro, era molto naturale: parlavano il linguaggio universale della danza”.

Foto RAI News – Instagram Serenella Bettin