Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Australian Fashion Council lancia il marchio di moda australiano – WWD

Sidney — L’Australian Fashion Council ha presentato Australian Fashion, una campagna di certificazione del marchio e del settore progettata per aumentare la domanda di marchi australiani a livello nazionale e internazionale.

Finanziata dal governo federale australiano e presentata lunedì mattina presso la sede di Carriageworks a Sydney, ora locale, il primo giorno della sfilata delle collezioni Resort 2023 della Afterpay Australian Fashion Week, la campagna multicanale e il sito Web verranno lanciati ai consumatori in Australia ad agosto e poi a Regno Unito a settembre. L’ultimo lancio è progettato per allinearsi all’attuazione del nuovo accordo di libero scambio tra Australia e Regno Unito, che rappresenta l’accordo più liberale che l’Australia ha firmato con un importante partner commerciale, al di fuori dell’accordo di lunga data con la Nuova Zelanda.

I marchi possono richiedere l’utilizzo dell’Australian Fashion Certificate tramite il sito web Australianfashion.org e devono essere in grado di soddisfare almeno due dei seguenti criteri: prova del contributo al lavoro e all’economia locale; Ha la maggioranza dei dipendenti australiani ed essendo di fabbricazione australiana, di proprietà australiana o sede di tasse australiane.

I marchi certificati devono anche impegnarsi a sostenere standard di integrità creativa e originalità, nonché standard di responsabilità sociale e ambientale.

“È più di un semplice marchio, è un’opportunità per mostrare i migliori talenti della moda australiana”, ha affermato Laila Naga Habri, amministratore delegato dell’Australian Fashion Council. Quando si parla di moda italiana, immaginiamo subito un’identità di marca distintiva di qualità e stile. Allo stesso modo, abbiamo ora identificato quattro pilastri chiave che caratterizzano la genetica della moda australiana: stile semplice, natura cruda, ottimismo sconfinato e innovazione audace. Questo, insieme al marchio, ci aiuterà a esprimere chiaramente la creatività unica e i valori sociali e ambientali progressivi della moda australiana sulla scena della moda globale. Il marchio di moda australiano sarà una forza trainante nella costruzione della traiettoria di crescita del settore per significativi guadagni economici, sociali e ambientali nei prossimi 10 anni”.

READ  Botter SpA amplia la distribuzione di Brilla! Prosecco DOC nei nuovi grandi stati

Il nuovo marchio Australian Fashion™

Insieme al marchio e alla campagna, l’AFC ha presentato un nuovo rapporto sponsorizzato da Ernst & Young intitolato “The Evolution of Fashion: From Farm to Industry”, progettato sulla base di quattro richieste politiche chiave del futuro governo australiano, secondo i risultati delle imminenti elezioni federali del 21 maggio, la Confederazione asiatica di calcio chiede al governo di aumentare la domanda interna e globale di “Compra Australia” attraverso il suo nuovo programma e campagna di branding. Costruire la futura capacità di produzione; Per migliorare la sicurezza del lavoro delle donne e costruire un’economia circolare praticabile e sostenibile attraverso la filiera dell’abbigliamento, delle uniformi e dei tessuti in Australia.

Secondo il rapporto, l’attuazione di tutte le raccomandazioni politiche genererebbe ulteriori 10,8 miliardi di dollari australiani, o 7,8 miliardi di dollari in cambio attuale, in guadagni economici nei prossimi 10 anni, per creare 38 miliardi di dollari australiani, o 27 miliardi di dollari, attraverso l’industria. 2032, con ulteriori 86.000 posti di lavoro creati. Inoltre, il contributo del settore al PIL passerà dall’1,5% nel 2021 al 2,12% entro il 2032, con un aumento del 41% nel decennio.

A breve termine, il settore tessile e della moda australiano ha il potenziale per generare ulteriori 1,3 miliardi di dollari australiani, o 932,7 milioni di dollari, in benefici economici. Ciò include 700 milioni di dollari australiani o 502 milioni di dollari di investimenti aggiuntivi; 500 milioni di dollari australiani o 359 milioni di dollari in esportazioni e 100 milioni di dollari australiani o 72 milioni di dollari in consumi privati ​​e spesa pubblica.

Il primo rapporto AFC di Ernst & Young, From High Fashion to High Fashion, pubblicato nel maggio 2021, ha rivelato che il settore della moda e del tessile australiano contribuisce all’economia australiana con 27,2 miliardi di dollari australiani, o 21 miliardi di dollari alla borsa di maggio 2021, pari a 1,5 per cento del PIL, ha generato 7,2 miliardi di dollari australiani, o 6 miliardi di dollari, di entrate da esportazione negli ultimi 12 mesi, più del doppio del valore delle esportazioni australiane di vino e birra. Il rapporto ha anche identificato che questo settore dà lavoro a 489.000 australiani (315.000 a tempo pieno), che è rispettivamente più dell’industria mineraria, dei servizi pubblici o dell’arte e dell’intrattenimento ed è equivalente al 3,8% del mercato del lavoro australiano. Il 77% della forza lavoro del settore è composto da donne, quasi il doppio della percentuale media di donne impiegate in altri settori in Australia.