Giugno 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Australia e Filippine discutono di pattugliamenti congiunti nel Mar Cinese Meridionale

Australia e Filippine discutono di pattugliamenti congiunti nel Mar Cinese Meridionale
  • I leader della difesa pianificano incontri annuali
  • Le Filippine chiedono alla presunta milizia cinese di andarsene
  • Stati Uniti e Filippine discutono di “sviluppi inquietanti”

MANILA (Reuters) – Filippine e Australia hanno discusso mercoledì di perseguire pattugliamenti congiunti nel Mar Cinese Meridionale, giorni dopo che il paese del sud-est asiatico ha tenuto colloqui simili con gli Stati Uniti sulla necessità di contrastare l’assertività della Cina nella via d’acqua strategica.

Il ministro della Difesa australiano Richard Marless ha incontrato il suo omologo filippino, Carlito Galvez, a Manila, qualcosa che hanno detto di voler fare ogni anno per approfondire i legami di sicurezza.

“Abbiamo parlato oggi della possibilità di esplorare pattugliamenti congiunti, e continueremo questo lavoro, e speriamo che dia presto i suoi frutti”, ha detto Marlis in una conferenza stampa congiunta.

“In quanto paesi impegnati nell’ordine globale basato su regole, è naturale che pensiamo a come possiamo cooperare in questo senso”.

Con alcune rivendicazioni marittime sovrapposte, le Filippine stanno intensificando i suoi tentativi di contrastare quelle che descrive come “attività aggressive” della Cina nel Mar Cinese Meridionale, che è diventato anche un punto critico per le tensioni cinesi e statunitensi sulle operazioni navali.

Ultimi aggiornamenti

Visualizza altre 2 storie

Martedì, un aereo della Guardia Costiera filippina (PCG) ha sorvolato il Mar Cinese Meridionale, come parte degli sforzi per rafforzare la sua presenza nelle acque contese e proteggere quello che dice essere il suo territorio marittimo.

In una dichiarazione, il PCG ha affermato di aver avvistato una nave della guardia costiera cinese e dozzine di quelle che sospetta siano imbarcazioni gestite dalla milizia cinese intorno a Second Thomas e Sabina Shoals, entrambe situate all’interno della zona economica esclusiva di 200 miglia delle Filippine.

READ  Il comportamento "brutale" del padre milionario durante il volo con moglie e figli suscita accesi dibattiti

Il PCG ha ordinato alla presunta milizia di andarsene, dicendo loro che “non erano autorizzati a bighellonare o radunare questi banchi”.

L’ambasciata cinese a Manila non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La possibilità di pattugliamenti congiunti da parte delle Filippine e dell’Australia fa seguito a discussioni simili tra Manila e Washington sui pattugliamenti congiunti della guardia costiera, anche nel Mar Cinese Meridionale.

Le relazioni militari tra l’Australia e le Filippine risalgono al 1922 e i due paesi hanno un accordo sulle forze in visita che fornisce un quadro legale e pratico per le attività di difesa.

Martedì, Galvez ha tenuto una telefonata con il Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin mentre discutevano della ripresa delle attività marittime congiunte nel Mar Cinese Meridionale, secondo una dichiarazione del Pentagono.

Hanno parlato di “sviluppi allarmanti”, compreso l’incidente del 6 febbraio in cui la guardia costiera cinese ha puntato un laser di livello militare contro l’equipaggio di una nave della guardia costiera filippina attorno al Secondo Thomas Shoal.

La Cina ha affermato che il racconto delle Filippine non riflette la verità e che le sue azioni sono lecite.

(Segnalazione su Karen Lima; Montaggio di Ed Davies, Kanupriya Kapoor, Martin Beatty

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.