Giugno 16, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Art Stealing from the Inside con Willem Dafoe non è un capolavoro

Art Stealing from the Inside con Willem Dafoe non è un capolavoro

il film dentrouscito nelle sale americane il mese scorso, è un thriller d’essai, una storia basata su un crimine che va storto.

Qui, l’attore americano Willem Dafoe interpreta un ladro d’arte su commissione in un film che è più una premessa che una storia. È il punto di partenza per un’esibizione solista di Dafoe, il cui personaggio, un ladro di nome Nemo, viene lasciato in elicottero in un attico di New York pieno di opere d’arte. Si dice che il proprietario dell’appartamento sia in Kazakistan; Il suo posto è pieno di oggetti costosi e generici come l’arte sui muri: pensa compendio architettonico. La missione di Nemo è rubare il lavoro dell’artista contemporaneo Egon Schiele.

Dimentica il vecchio tropo dell’artista affamato: ora abbiamo il ladro d’arte affamato

Fin dall’inizio, riteniamo che questo furto sia un crimine senza vittime; Che una persona che possiede un appartamento di questo lusso possa sostituire qualsiasi cosa gli sia stata rubata. Nemo è bloccato lì quando scatta un allarme e chiude a chiave porte e finestre. In quel momento il criminale intrappolato si è trasformato in una vittima. Dimentica il vecchio tropo dell’artista affamato: ora abbiamo il ladro d’arte affamato.

Disperato, Nemo cerca una soluzione a questo dilemma smarrito, danneggiando o riutilizzando l’arte mentre lotta per una via d’uscita, imitando (o facendo rivivere?) Ai Weiwei con una torre di mobili per hackerare il lucernario. La sopravvivenza ha la precedenza su tutto il resto. Non puoi mangiare Schiele, o no? Che ne dici di pesci tropicali in un elegante acquario? La follia distruttiva di Nemo è il foraggio perfetto per un pubblico mainstream che potrebbe essere scettico su ciò che costituisce l’arte contemporanea di questi tempi.

READ  Land of 'Let Us In' alla Samuel Goldwyn Films (esclusiva)

Un racconto di sopravvivenza in uno spazio chiuso si svolge come un teatro. In quelle che possono sembrare lunghe improvvisazioni con lunghi primi piani, Nemo affronta la sua solitudine, fame, sete, temperature estreme e freddo estremo quando i controlli della temperatura falliscono (per quanto riguarda l’arte). Perdendo la testa, Nemo inizia a dipingere sui muri, sollevando l’ovvia questione se l’arte sia l’ultima forma di follia. La situazione tormentata di Nemo è ambigua: l’arte è il tesoro stravagante che attrae il ladro (e attira noi, il pubblico, come malversatori), ma è inutile poiché Nemo affronta la morte da solo.

dentro È il primo film di Vasilis Katsoupis, che dirige spot televisivi in ​​Grecia. La sceneggiatura è di Katsopis e del regista britannico Ben Hopkins, con i disegni del film (opere reali di Francesco Clemente, Adrian Bassi, Maurizio Cattelan e altri) scelti dal curatore italiano Leonardo Bigazzi.

Dafoe, che ha interpretato Gesù nell’epopea del 1988 L’ultima tentazione di CristoPiù che la figura di Giovanni Battista qui, è abbandonata in un imponente deserto di lusso. Ma Dafoe non è niente se non adattabile: nei suoi primi anni ’60, ha interpretato il 37enne Vincent van Gogh in Alla porta dell’eternità (2018), diretto da Julian Schnabel. È stato uno dei suoi ruoli migliori Progetto Florida (2017) nei panni del gestore di un hotel pieno di famiglie indigenti intrappolate nella pista dell’aeroporto che serve Disney World.

Buchi di trama inspiegabili

La fotocamera di Katsoupis cattura un’imponente concessione ghiacciata, con bordi duri di ardesia, acciaio e hardware raro. Mentre Dafoe gratta via quella patina, tutto ciò che Katsoupis deve fare è lasciare la telecamera accesa. Una semplice sceneggiatura potrebbe avere più buchi inspiegabili dei mobili fatti a pezzi da Nemo, ma questo è un film per attori, con Dafoe che gironzola nei panni di un uomo che non ha mai incontrato una smorfia che non gli è mai piaciuta. Anche per lui, è ancora difficile mantenere un pubblico interessato, rinchiuso in un piccolo spazio senza nessuno tranne te con cui parlare per 105 minuti.

READ  Il musicista giapponese Ryuichi Sakamoto è morto all'età di 71 anni

dentro È un esercizio – alla fine sconcertante – che diventa languido – di un artista che gioca il gioco della sfida. Dafoe passerà al prossimo personaggio tormentato, mentre rimaniamo a chiederci come nessuno nell’edificio abbia sentito il rumore assordante di un elicottero che si librava sopra di noi quando Nemo è arrivato per la prima volta.