Novembre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Arrestato il presidente della commissione inaugurale Donald Trump

New York: Il presidente del comitato inaugurale 2017 dell’ex presidente Donald Trump è stato arrestato martedì (mercoledì AEST) con l’accusa di aver cospirato per influenzare le posizioni di politica estera di Trump per gli Emirati Arabi Uniti e commettere crimini “al centro della nostra democrazia”.

Tom Barrack, 74 anni, di Santa Monica, California, era tra i tre uomini accusati dalla corte federale di Brooklyn, New York, di aver cospirato per agire come agente straniero non registrato mentre cercava di influenzare la politica estera mentre Trump era in carica nel 2016 e oltre. era capo.

Tom Barrack, nella foto nel 2017. a lui attribuito:AP

Barak è stato accusato di cospirazione, ostruzione alla giustizia e dichiarazioni false multiple durante un’intervista del giugno 2019 con agenti delle forze dell’ordine federali. È stato anche incriminato per sette capi d’accusa nella corte federale di Brooklyn Matthew Grimes, 27 anni, di Aspen, in Colorado, e Rashid Sultan Rashid Al Malik Al Shehhi, 43 anni, degli Emirati Arabi Uniti.

“Gli imputati hanno ripetutamente approfittato delle amicizie di Barak e dell’accesso a un eventuale candidato presidenziale, alla campagna elettorale di alto rango, a funzionari governativi e ai media statunitensi per promuovere gli obiettivi politici di un governo straniero senza rivelare la loro vera lealtà”, ha dichiarato il procuratore generale ad interim Mark ha detto Lesco in una dichiarazione.

I pubblici ministeri hanno affermato che Barak non solo ha accettato di promuovere gli interessi di politica estera degli Emirati Arabi Uniti attraverso il suo accesso e la sua influenza unici, ma ha anche fornito ai funzionari del governo degli Emirati Arabi Uniti informazioni sensibili sugli sviluppi all’interno dell’amministrazione Trump, incluso il modo in cui gli alti funzionari statunitensi si sentono riguardo al blocco del Qatar che è stato imposto dagli Emirati Arabi Uniti e dagli Emirati Arabi Uniti. altri paesi del Medio Oriente.

READ  Aggiornamento Covid della Nuova Zelanda: i nuovi casi scendono a 28 ma "il lavoro non è finito", avverte il vice primo ministro | Nuova Zelanda

Caricamento in corso

Peggio ancora, nelle sue comunicazioni con il proprietario, hanno scritto i pubblici ministeri, l’imputato ha inquadrato i suoi sforzi per ottenere una posizione ufficiale all’interno dell’amministrazione come una posizione che gli avrebbe consentito di promuovere gli interessi degli Emirati Arabi Uniti, piuttosto che quelli degli Stati Uniti. .

Un portavoce di Barak ha detto che non è colpevole.

“Il signor Barak si è reso volontariamente a disposizione degli investigatori fin dall’inizio”, ha detto il portavoce.