Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Analisi: Per gli immigrati, la burocrazia trasforma il regime dei permessi di lavoro in Italia in un miraggio

Nel maggio 2020, l’allora ministro italiano dell’Agricoltura Teresa Bellanova ha pianto di commozione in televisione quando ha annunciato un decreto che dà a migliaia di immigrati clandestini la possibilità di lavorare legalmente nelle fattorie e come collaboratrice domestica.

Tuttavia, un anno dopo, il programma non ha fatto quasi progressi, poiché è diventato vittima della tortuosa burocrazia del paese e della sua lotta per integrare i nuovi arrivati.

Frank Agbontan, nigeriano di 30 anni, è in Italia dal 2016. Come migliaia, è arrivato su una barca traballante dalla Libia.

Dopo essere sopravvissuto per anni a lavori strani e non annunciati e spiccioli contro i marciapiedi ampi, gli è stato offerto un lavoro nell’ambito di un programma organizzativo come addetto alle pulizie domestiche a Roma.

Richiedi il Santo Graal di un permesso di lavoro a luglio. Da allora dice di non aver sentito niente.

“Ero molto ottimista… pensavo che tutto si sarebbe risolto in poche settimane o mesi”, ha detto Agbontan a Reuters. “È così frustrante, prego ogni giorno per avere notizie positive”.

È tutt’altro che solo. A Roma, entro il 15 aprile, uno degli oltre 16.000 richiedenti non aveva ricevuto il permesso di lavoro. A Milano sono pervenute solo 441 domande, su più di 26.000 domande, secondo i dati del gruppo di difesa degli immigrati Ero Straniero (ero straniero).

In Italia la raccolta è spesso effettuata da africani e indiani. L’aiuto domestico è affidato a donne dell’Est.

In entrambi i settori, l’economia sommersa e lo sfruttamento del lavoro sono all’ordine del giorno e l’ex ministro Bellanova, lei stessa ex bracciante agricola, ha descritto il progetto in TV come un modo per rendere “l’invisibile… meno nascosto”.

READ  Hidden Jewel Massi riapre a Melbourne CBD

“Queste persone otterranno un permesso di lavoro e noi le aiuteremo a ripristinare la loro identità e dignità”, ha detto.

In concomitanza con la brutale prima ondata dell’epidemia di coronavirus in Italia, lo schema era anche assolutamente necessario per garantire che i raccolti venissero raccolti e gli anziani ricevessero assistenza nelle loro case.

Documenti e tasse

Al 15 aprile, delle 220.000 persone a livello nazionale che hanno chiesto un permesso al ministero dell’Interno, solo 11.000, ovvero il 5%, l’hanno ottenuto, secondo Eero Stranero.

Un portavoce del ministero dell’Interno ha detto a Reuters che i dati aggiornati al 31 maggio mostrano che il ministero ha approvato il 14% delle domande che consentono alla polizia di concedere permessi di lavoro. Non è stato in grado di determinare il numero di permessi rilasciati.

Solo l’1,5% delle domande è stato respinto dal ministero. L’ottantaquattro percento non è stato elaborato.

Il triste progresso è emblematico di un problema italiano cronico: una legislazione che i politici proclamano con orgoglio ma mal attuata o addirittura non attuata affatto.

È un ostacolo di cui il primo ministro Mario Draghi è ben consapevole mentre tenta di snellire la burocrazia statale per consentire all’Italia di spendere più di 200 miliardi di euro (245 miliardi di dollari) in denaro dell’UE in progetti infrastrutturali.

La richiesta del permesso di lavoro richiede la presentazione di diversi documenti online da parte dell’immigrato e potenziale datore di lavoro, che deve anche pagare una tassa non rimborsabile di 500 euro.

Dopo che le domande iniziali sono state filtrate, il lavoratore e il datore di lavoro sono chiamati per un colloquio. Se tutto è in ordine, al lavoratore viene consegnato un modulo compilato che deve inviare alla polizia per ottenere il permesso.

READ  L'Italia ripristina le autostrade dopo che gli investitori di Atlantia hanno accettato di vendere

Quando è stato chiesto di spiegare al Parlamento perché sono state evase poche domande, il governo ad aprile ha fatto riferimento alla “complessità dei requisiti procedurali”, con “più fasi intermedie”.

Questi includono le sedi locali del Ministero dell’Interno conosciute come le prefetture, la polizia, gli ispettori del lavoro locali e l’Agenzia statale di sicurezza sociale.

Il decreto maggio 2020 prevedeva l’assunzione di 800 lavoratori interinali per agevolare l’istruttoria delle domande. Le prime misure non sono state prese fino a marzo di quest’anno. Il portavoce del ministero dell’Interno ha affermato che tutti gli 800 lavoratori sono stati assunti e sono state dispiegate 721 persone.

Il governo ha affermato che anche il distanziamento sociale causato dal coronavirus ha rallentato i progressi, riducendo i numeri che possono essere chiamati per un colloquio.

“Ti fa impazzire”

Il sito web del ministero dell’Interno mostra che la domanda di Agbontan è in attesa di approvazione da parte dell’ispettorato del lavoro locale, che Reuters ha cercato per diversi giorni di contattare per avere informazioni. Nessuno ha preso il telefono.

A differenza delle ex potenze coloniali Gran Bretagna o Francia, gli immigrati erano scarsi in Italia fino alla metà degli anni ’80, quando iniziarono ad arrivare in numero crescente dall’Africa e dall’Europa orientale.

E dopo più di tre decenni, sono stati fatti pochi progressi nell’integrarli nella comunità più ampia.

È molto raro in Italia vedere un medico, un avvocato, un insegnante, o anche un autista di autobus o taxi nero o asiatico. Un’ampia percentuale è disoccupata o lavora nell’economia sommersa. Sono presi di mira dalla Lega di destra, il partito più popolare d’Italia, e il suo stretto alleato, Fratelli d’Italia.

READ  La Scuola Italiana a Expo 2020 Dubai. La Campania è tra gli eroi del sistema Paese

Agbontaen, che ha lavorato come piastrellista in Nigeria, vede nel permesso di lavoro la chiave per ottenere un lavoro stabile in una costruzione o in una fabbrica. Poi spera che sua moglie e sua figlia di 10 anni, che stanno nel loro paese d’origine, si uniscano a lui.

“Tutti questi anni in lotta per qualcosa che non puoi raggiungere, ti fa impazzire, non è una buona situazione”, ha detto. “Ma non mi arrenderò mai”.

(1 dollaro = 0,8169 euro)

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.