Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Analisi – ‘Momento magico’ per i titoli italiani al rimbalzo degli interessi esteri

Analisi – ‘Momento magico’ per i titoli italiani al rimbalzo degli interessi esteri

Scritto da Sarah Rossi e Gavin Jones

MILANO (Reuters) – Gli investitori internazionali stanno cercando di annullare un decennio di disinvestimento in titoli di stato italiani, dicono gli ultimi dati e gli analisti, poiché gli alti rendimenti e i rapporti economici incoraggianti hanno stimolato la domanda di debito.

Un voto di fiducia in quello che è stato visto per anni come uno dei mercati obbligazionari più rischiosi della zona euro aumenterebbe gli sforzi di Roma per gestire la seconda più grande pila di debiti del blocco, mentre la Banca centrale europea riduce i suoi acquisti di obbligazioni.

Le disponibilità estere di titoli di Stato italiani sono aumentate a febbraio dopo 10 diminuzioni mensili consecutive, secondo i dati della Banca d’Italia.

Inoltre, ad aprile, il valore delle banconote italiane prese in prestito dagli investitori che scommettevano sul loro calo di prezzo è sceso di quasi il 40% a 27 miliardi di dollari dal picco di metà novembre di 46 miliardi di dollari, secondo i dati di S&P Global Market Intelligence.

Secondo gli analisti, una crescita economica più stabile del previsto, il debito pubblico in calo e le prospettive di stabilità politica sotto il governo di Georgia Meloni stanno iniziando a richiamare gli investitori stranieri verso le obbligazioni italiane, la cui domanda si è dimostrata resiliente nonostante le recenti turbolenze bancarie . . mercati globali turbolenti.

L’Italia non è più oggetto di speculazioni, ha affermato Domenico Siniscalco, vicepresidente di Morgan Stanley ed ex ministro dell’Economia italiano, e che gli investitori internazionali ora guardano al Paese con “completa calma e fiducia”.

“Questo è un momento magico per le obbligazioni italiane”, ha detto a Reuters.

READ  Il Food Truck Festival torna nel Somerset questo mese

C’è molto terreno perduto da recuperare.

I dati della Banca d’Italia hanno mostrato che la quota del debito pubblico italiano detenuta da investitori esteri è scesa a meno del 20% alla fine del 2022 da circa il 50% prima della crisi finanziaria del 2008. La crisi del debito della zona euro del 2012 e la pandemia di COVID-19 hanno causato un forte svendita.

Il livello di rendimenti che i titoli italiani stanno ora offrendo rende difficile per le banche e i fondi esteri ignorarli, ha affermato Luca Casolani, responsabile della ricerca strategica di UniCredit.

“Mantenere una posizione debole in Italia rischierebbe di danneggiare la performance (degli investitori)”, ha affermato.

Il rendimento del BTP decennale italiano è salito dal minimo storico intorno allo 0,4% di febbraio 2021 a circa il 4,2%, dopo il massiccio ciclo di rialzi dei tassi della Banca Centrale Europea iniziato lo scorso luglio.

I rendimenti a 10 anni sono quasi il doppio di quelli delle società tedesche con il punteggio più alto e circa 70 punti base superiori ai rendimenti statunitensi di riferimento.

La crescita positiva sorprende

La crescita economica in Italia, tradizionalmente la zona euro, ha costantemente superato le aspettative dalla fine della pandemia di COVID, con un prodotto interno lordo in espansione del 3,7% lo scorso anno dopo il 7,0% nel 2021.

Questo tipo di crescita rappresenta una ripresa post-pandemica che secondo gli analisti è insostenibile, ma le sorprese positive sono continuate nel primo trimestre, quando il PIL è salito dello 0,5% rispetto ai tre mesi precedenti.

Ad aprile, il Tesoro ha alzato le previsioni per l’intero anno all’1,0% dallo 0,6%.

READ  Gli ex chef di Coco hanno offerto 18 acri di ospitalità per una cena privata

“Stiamo già assistendo a un atteggiamento più positivo nei confronti dell’Italia da parte degli investitori stranieri”, ha affermato Filippo Mormando, analista del reddito fisso presso la banca spagnola BBVA, riferendosi all’acquisto dell’ultima operazione obbligazionaria sindacata a Roma e agli afflussi finanziari in quello più recente. Dati della bilancia dei pagamenti.

La nuova tendenza è iniziata ad aprile, ha affermato Mormando, grazie alla percezione degli investitori che le banche centrali globali avrebbero aumentato i tassi di interesse in modo meno marcato dopo le turbolenze bancarie statunitensi e ai progressi compiuti dall’Italia nel coprire le proprie esigenze di finanziamento.

L’Italia ha già soddisfatto il fabbisogno netto di raccolta di quest’anno, molto prima di Germania, Francia e Spagna.

Sul fronte politico, la Meloni, insediatasi a ottobre, ha ampiamente evitato il confronto con l’Ue e si è impegnata a mantenere il deficit di bilancio e il debito pubblico su una traiettoria discendente.

“Gli hedge fund che lo scorso anno molto probabilmente hanno speculato contro l’Italia dopo le elezioni hanno chiuso le loro posizioni. Ora aspettiamo che tornino gli investitori in denaro reale”, ha dichiarato Luca Mizumo, responsabile dell’analisi macro di Intesa Sanpaolo.

una mano d’aiuto

Anche il calo del rapporto debito/PIL dell’Italia al 144,6% lo scorso anno, in calo di cinque punti percentuali rispetto all’anno precedente e di 10 punti rispetto al 2020, ha contribuito a rafforzare il sentiment. Meloni punta a un calo al 141,4% quest’anno.

La tendenza al ribasso è stata aiutata dall’aumento dell’inflazione, che ha aumentato le entrate e il PIL nominale, abbassando così relativamente il rapporto debito/PIL.

Il quadro non è tutto roseo. I tassi più elevati della Banca centrale europea stanno aumentando i costi di indebitamento per le imprese e lo Stato, e Roma sta lottando per rispettare gli impegni politici alla Commissione europea per circa 200 miliardi di euro ($ 220,16 miliardi) in denaro per la ripresa dalla pandemia fino al 2026.

READ  Il Columbus Italian Festival torna con un sacco di cibo e intrattenimento

Il Paese ha anche ritardato la spesa dei trasferimenti che ha già ricevuto dall’Unione Europea.

Tuttavia, Siniscalco di Morgan Stanley ha affermato che queste difficoltà non sono sufficienti a minare una direzione promettente per le finanze pubbliche oa minare la fiducia degli investitori.

Venerdì, Fitch Ratings, che ha declassato la Francia il mese scorso, ha confermato l’Italia a BBB con outlook stabile, aumentando al contempo le sue previsioni per la crescita del PIL italiano quest’anno all’1,2% dallo 0,5%, superiore alla stima del governo stesso.

Il Tesoro italiano ha già adottato misure per sostenere la domanda dei suoi titoli mentre la Banca centrale europea fa marcia indietro, aumentando gli acquisti tra famiglie e imprese nazionali.

Casolani di UniCredit ha affermato che le famiglie e le aziende italiane ora possiedono circa 215 miliardi di euro, ovvero il 9%, del debito di Roma, il livello più alto dalla metà del 2015.

($ 1 = 0,9084 euro)

(Montaggio di Emilia Sithole Matares)