Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Analisi: Il boom edilizio ‘narcotico’ in Italia colpisce un muro

  • “Superbonus” offre un sostegno del 110% alle imprese di bioedilizia
  • Incentivi colpiti da truffa e criticati da Draghi
  • Le banche hanno smesso di accettare i crediti d’imposta
  • Costruttori lasciati senza stipendio, avvertono di fallimenti, licenziamenti

ROMA (Reuters) – Incentivi innovativi per preparare la propria casa hanno rilanciato lo scorso anno il settore edile italiano, rilanciandone l’economia e ottenendo elogi internazionali. Dopo alcuni mesi, ho quasi finito con le lacrime.

Il complesso sistema di crediti d’imposta negoziabili che ha tanto gravato il settore si è bloccato mentre il governo reprime le sospette frodi, lasciando i costruttori non pagati per il lavoro svolto.

Stanno mettendo in guardia e un gruppo di lobby d’affari di decine di migliaia di fallimenti e licenziamenti che potrebbero spingere la debole economia italiana in recessione.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Anche le aziende che non vengono pagate da circa sette mesi hanno smesso di pagare fornitori e consulenti in un effetto domino che ha coinvolto migliaia di aziende e lavoratori.

“Ci stiamo dirigendo verso il disastro, non solo per il settore edile, ma per l’intera economia”, afferma Norbert Toth, la cui società di costruzioni nella città costiera centrale di Formia ha licenziato 20 dei 30 lavoratori che aveva sei mesi fa.

La crisi comincia già ad apparire nei dati ufficiali.

La produzione di costruzioni ad aprile è diminuita per la prima volta in nove mesi, la fiducia nelle costruzioni a maggio è stata la più bassa degli ultimi sei mesi e il PMI costruzioni è stato il più basso da gennaio 2021.

È anche probabile che metterà a repentaglio alcuni dei 200 miliardi di euro (210 miliardi di dollari) in fondi per il recupero della pandemia che Roma dovrebbe ricevere da Bruxelles. Uno dei termini di pagamento è che l’Italia raddoppi quasi l’efficienza energetica dei suoi edifici entro il 2025, cosa che potrebbe essere a rischio senza incentivi.

READ  Quando Covid ha colpito, la Cina era pronta a raccontare la sua versione della storia

crisi di liquidità

I tanto decantati schemi lanciati nel 2020 si sono trasformati in una storia tutta italiana di creatività, frode e burocrazia.

Toth, 39 anni, è il co-fondatore di un gruppo chiamato National Construction Class Action, in cui centinaia di piccoli costruttori come i suoi scambi hanno fatto pressioni sui politici per cercare di mantenere vivi gli incentivi.

Alcune aziende, che hanno un disperato bisogno di contanti, si offrono di vendere crediti d’imposta per decine di migliaia di euro con sconti enormi fino al 50%.

In base allo schema più generoso, noto come “superbonus”, lo stato ha pagato uno sbalorditivo 110% del costo per rendere gli edifici più efficienti dal punto di vista energetico, dall’isolamento ai pannelli solari alla sostituzione delle vecchie caldaie e agli accessori delle finestre. Leggi di più

Consentiva ai proprietari di case di detrarre il costo dei lavori di costruzione dalle loro tasse per cinque anni o di vendere il credito d’imposta sulla costruzione come forma di pagamento.

L’originator può quindi venderlo a uno sconto a un’altra società o banca, che a sua volta può venderlo a un’altra società, come qualsiasi altro strumento finanziario che fornisce liquidità al sistema.

Promuovere la crescita

Nonostante un sacco di burocrazia e frequenti modifiche alle regole, lo schema sembrava un wow.

Il settore delle costruzioni italiano, da tempo in recessione, ha contribuito per 0,9 punti alla crescita economica del 6,6% dello scorso anno.

A novembre, il Construction Sector Monitor della Commissione europea ha definito il superbonus una “misura di grande successo” e ha raccomandato di estenderlo a un gruppo più ampio di edifici.

Altri paesi europei, tra cui Germania, Spagna e Francia, hanno offerto i propri sussidi per migliorare le case verdi, sebbene nessun aiuto sia stato generoso come l’Italia.

READ  Tutti si sono divertiti molto al Festival Italiano | stile di vita

Poi la polizia fiscale ha dichiarato alla fine dello scorso anno di aver scoperto sospette frodi per un valore di oltre 2 miliardi di euro legate agli incentivi alla bioedilizia tra cui, in piccola misura, il super bonus.

Questo ha lanciato l’allarme tra i politici e il presidente del Consiglio Mario Draghi ha iniziato a criticare aspramente il provvedimento, introdotto dalla precedente amministrazione e rinnovato da Draghi.

“Non siamo d’accordo con la super ricompensa”, ha detto il mese scorso al Parlamento europeo, nell’insolito caso di un governo che critica una delle sue stesse politiche.

Non solo ha causato frodi, ha detto Draghi, ma ha anche aumentato i costi perché i clienti, che sapevano che sarebbero stati risarciti, non avevano bisogno di contrattare con i costruttori sui prezzi.

Il ministro dell’Industria, Giancarlo Giorgetti, ha affermato che “intorpidisce il settore e contribuisce all’inflazione”.

Ciò non è supportato dai dati Eurostat che mostrano che l’inflazione dei costi di costruzione in Italia nel quarto trimestre dello scorso anno era del 5,5%, ben al di sotto della media dell’eurozona dell’8,9%.

regole della tigre

In una campagna antifrode, Draghi ha posto dei limiti alla frequenza con cui le agevolazioni fiscali possono essere vendute da una banca o un’impresa all’altra, minando il meccanismo su cui si basava lo schema.

L’incertezza normativa e i commenti ostili dei ministri hanno suscitato fiducia e le maggiori banche del Paese, una dopo l’altra, hanno smesso di acquistare agevolazioni fiscali da clienti e costruttori, lasciandoli fuori dalle tasche per il lavoro svolto.

“Più di 33.000 aziende rischiano il fallimento con 150.000 posti di lavoro persi”, afferma Claudio Giuvin, responsabile dell’analisi economica della lobby italiana per le piccole imprese CNA.

READ  Ellera & The Garden at Ellera offre una doppia esperienza culinaria in un unico luogo

Un sondaggio tra i membri del gruppo questo mese ha mostrato che 60.000 aziende non avevano contanti perché non erano in grado di vendere i crediti d’imposta accettati come compenso per il lavoro.

L’agenzia di stampa cipriota stima che questi fondi congelati ammontino a oltre 5 miliardi di euro. Di conseguenza, il 50% delle aziende ritarda i pagamenti ai propri fornitori, il 30% smette di pagare le tasse e il 20% non paga i propri dipendenti, secondo il sondaggio. Quasi il 50% ha dichiarato di rischiare di chiudere la propria attività.

La trasformazione del boom dell’anno scorso in un completo tracollo dipende da ciò che verrà deciso nelle prossime settimane.

Con l’economia già stagnante, gli ansiosi partiti italiani hanno presentato al Parlamento diverse proposte con l’obiettivo di rilanciare i super premi.

Questi includono l’estensione dei tipi di attività a cui le banche possono vendere i loro crediti d’imposta per includere le piccole imprese con un fatturato superiore a 50.000 euro e consentire alle banche di utilizzare i crediti per acquistare titoli di stato. Resta da vedere se queste idee sono accettabili per Draghi.

Il proprietario dell’impresa di costruzioni Toth ha affermato che i dati del settore durante l’estate saranno “orribili” e l’unico modo per salvare lo schema è ripristinare la capacità commerciale illimitata dei crediti d’imposta, sebbene abbia riconosciuto che alcune società potrebbero essere piegate alle regole.

“Lo scorso autunno tutto stava andando bene”, ha detto. È stato interrotto in un modo così brutale.

(1 dollaro = 0,9508 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ulteriore segnalazione di Giuseppe Fonte. Montaggio di Alison Williams

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.