Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Almeno 76 persone sono morte dopo che una nave di migranti è affondata al largo delle coste siriane dal Libano

Il ministro dei trasporti libanese ha affermato che almeno 76 persone sono morte dopo che la nave dei migranti su cui si trovavano è affondata al largo della costa siriana dopo essere salpata dal Libano questa settimana.

Il viaggio è il più mortale del suo genere finora dal Libano, dove la crescente disperazione economica ha portato molti a salire a bordo di barche traballanti e sovraffollate sperando di raggiungere l’Europa.

Le autorità siriane hanno iniziato a trovare i corpi al largo delle coste di Tartus giovedì pomeriggio.

Il ministero dei Trasporti siriano ha citato i sopravvissuti che hanno affermato che la barca è partita martedì dall’area di Miniyeh nel nord del Libano, con a bordo tra i 120 e i 150 passeggeri, diretta in Europa.

Il ministro dei Trasporti libanese, Ali Hamiyah, ha affermato che è stato riferito che sulla barca c’erano circa 45 bambini e nessuno di loro è sopravvissuto, ma non ha potuto confermare il numero.

Il signor Hamiya ha detto che 20 sopravvissuti stanno ricevendo cure negli ospedali siriani, la maggior parte dei quali siriani.

La barca era “molto piccola” e fatta di legno, secondo il signor Hamieh.

Ha descritto questa navigazione come un evento quasi quotidiano organizzato da persone che non si preoccupano della sicurezza.

La famiglia di Mustafa Misto, un libanese che era in barca con la moglie e tre figli piccoli, ha accolto le condoglianze nel loro appartamento nel quartiere povero di Bab El Raml, nella città settentrionale di Tripoli.

“Non abbiamo nessuno tranne Dio”, ha gridato un parente anziano mentre le persone in lutto hanno reso omaggio.

Tra i morti che si sono radunati al valico di frontiera con la Siria c’erano persone che temevano i parenti, in attesa dei corpi.

Mahmoud Abu Haidar, un residente del campo, ha detto che decine di persone sulla barca provenivano dal campo profughi palestinese di Nahr al-Bared vicino a Tripoli.

Un residente del campo ha affermato che le già difficili condizioni di vita per i palestinesi sono peggiorate durante la crisi economica che ha sconvolto il Libano negli ultimi tre anni.

I tassi di povertà sono saliti alle stelle tra la popolazione di 6,5 milioni.

Cipro si è affrettata a cercare e salvare le squadre lunedì e martedì, quando, nel giro di poche ore, due navi che trasportavano migranti dal Libano hanno inviato segnali di soccorso; Ce n’erano 300 su una nave e 177 sull’altra.

Il Joint Rescue Coordination Center dell’isola ha affermato che in quei casi tutte le persone a bordo sono state soccorse.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha dichiarato a Reuters all’inizio di questo mese che il numero di persone che hanno lasciato il Libano o hanno tentato di partire via mare è quasi raddoppiato nel 2021 rispetto al 2020.

È aumentato di nuovo di oltre il 70% nel 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Ad aprile, una nave di migranti, partita da Tripoli, è affondata mentre intercettava la marina libanese al largo della costa.

A bordo della nave c’erano circa 80 immigrati libanesi, siriani e palestinesi, 40 dei quali sono stati salvati, sette morti sono state confermate e circa 30 sono ancora ufficialmente dispersi.

Reuters

READ  Joe Biden riceve il vaccino di richiamo COVID-19 tra le critiche sull'equità del vaccino