Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Almeno 66 persone sono state uccise dalla distruzione di edifici e famiglie assediate

Il bilancio delle vittime delle inondazioni in Europa occidentale è salito ad almeno 67, con almeno 70 dispersi.

Il diluvio è stato causato da piogge torrenziali che hanno spazzato via case e automobili in Germania e in parte del Belgio.

In Germania almeno 45 persone sono state uccise nel Nord Reno-Westfalia e nella Renania-Palatinato.

Malu Dreyer, primo ministro dello stato della Renania-Palatinato, ha descritto la situazione come un “disastro”.

Un fiume fece esplodere le sue sponde e spazzò via le case, e la gente si rifugiò sui tetti.

Anche la provincia meridionale olandese del Limburgo ha riportato danni estesi a causa dell’aumento del livello dell’acqua.

Gli operatori della sicurezza olandesi hanno evacuato centinaia di case nella città meridionale di Roermond.

I funzionari hanno anche chiuso diverse strade, tra cui l’affollata autostrada A2, mentre sono rimaste le preoccupazioni che l’acqua delle piogge torrenziali in Germania e Belgio potrebbe aumentare il livello dei fiumi quando raggiunge i Paesi Bassi.

Il governo lussemburghese ha istituito una cellula di crisi per rispondere alle emergenze causate dalle piogge torrenziali durante la notte, poiché il primo ministro Xavier Bettel ha riferito che “molte case” erano state allagate e non erano più abitabili.

I meteorologi prevedono che la Francia sarà colpita duramente oggi.

Germania

I residenti della città tedesca di Mayan sono rimasti storditi e impotenti dopo che le peggiori inondazioni degli ultimi anni hanno inondato le loro case e inviato pioggia torrenziale nelle strade.

“Nessuno se lo aspettava: da dove viene tutta questa pioggia? È pazzesco”, ha detto la pensionata di 65 anni Annemarie Muller, guardando il suo giardino e il garage allagati dal suo balcone.

READ  I casi di coronavirus sono aumentati vertiginosamente in Nepal mentre l'infezione si diffonde dalla vicina India

“Fava un rumore così forte e, data la velocità con cui è caduto, pensavamo che avrebbe rotto la porta”, ha detto.

La cittadina si trova a 40 km a sud di Ahrweiler nella regione vulcanica dell’Eifel, la zona più colpita da forti temporali che hanno ucciso almeno 42 persone in Germania da mercoledì sera.

Il piccolo fiume Nate che attraversa la pittoresca cittadina sulle sue sponde è esploso e i residenti hanno trascorso la maggior parte del mercoledì notte svegli cercando di tenere lontane le acque.

Molti stavano pompando i loro seminterrati e controllando i danni giovedì, senza un’idea chiara di quando l’acqua si sarebbe ritirata abbastanza per iniziare a pulire.

Anche la locale caserma dei pompieri stava pompando il proprio seminterrato, con vigili del fuoco esausti seduti nelle vicinanze, mentre altri erano impegnati a ripulire gli alberi sradicati.

“Niente che possiamo fare”

Sebbene la gente del posto fosse grata di non aver subito gli stessi danni di altre aree, dove le persone sono morte e le case sono state spazzate via, erano ancora sotto shock.

“Abbiamo avuto gravi inondazioni nel 2016, ma è stato molto peggio”, ha detto Oli Walsdorf, vice capo dei vigili del fuoco del Maine.

“Eravamo preparati, abbiamo costruito le difese, ma non si può mai essere preparati al 100% per eventi come questo.

“Ci siamo seduti sul balcone e abbiamo guardato Nate straripare. Non c’era niente che potessimo fare di più”, ha detto Mueller in pensione, descrivendo come gli amici sono venuti per aiutarla a salvare gli elettrodomestici dal seminterrato di notte.

Andrea Schaer, 55 anni, che vive nelle vicinanze al secondo piano di un condominio, ha detto che i residenti del suo edificio si sono accalcati insieme fino alle 2 del mattino per “salvare” l’appartamento al piano terra.

READ  I terremoti hanno colpito lo Yunnan e la provincia del Qinghai, uccidendo almeno tre persone

“Siamo stati fortunati, la cantina era completamente piena e l’acqua è salita a quattro centimetri (1,6 pollici) dal piano terra. È successo rapidamente, nel giro di 20 minuti la cantina era completamente piena, quindi avevo un po’ paura”.

L’insegnante locale Ortrud Meyer, 36 anni, stava aspettando fuori casa sua con un elettricista dopo aver preso in prestito una pompa per purificare l’acqua dal suo seminterrato allagato.

Ha detto che i vigili del fuoco non arriveranno per diverse ore perché hanno un lavoro più urgente da sbrigare.

“Siamo consapevoli del pericolo, ma non abbiamo mai visto nulla di simile”, ha detto Meyer, che vive nel Maine da sei anni e non tiene oggetti di valore nel suo seminterrato.

“Mio suocero ha circa 80 anni, è di Mayen e dice di non averne mai avuto uno prima”

Belgio

Giovedì, le autorità della città belga di Liegi hanno esortato i residenti a evacuare i quartieri sul fiume Mosa, dove diversi giorni di piogge torrenziali hanno minacciato inondazioni storiche.

Una dichiarazione afferma che le autorità cittadine “hanno chiesto ai residenti di Liegi che hanno ancora la possibilità di evacuare di farlo”, aggiungendo che l’acqua potrebbe aumentare di altri 1,5 metri (cinque piedi) nelle prossime ore dai livelli attuali.

“Se l’evacuazione non è più possibile, consigliamo ai cittadini di salire al piano superiore e di non correre rischi”, aggiunge il comunicato.

“La situazione di crisi è eccezionale e la solidarietà deve prevalere”, hanno detto. Il fiume Mosa, o Maas in olandese, è uno dei principali corsi d’acqua dell’Europa nordoccidentale con torrenti e affluenti che scorrono dalla maggior parte del Belgio meridionale, comprese le Ardenne montuose.

READ  Un insegnante di New York City ha beccato a succhiare un capezzolo di un uomo in topless durante la lezione di Zoom

Questi fiumi, in particolare l’Ourthe e il Vesdre, hanno visto il loro flusso aumentare drammaticamente con forti piogge negli ultimi giorni.

Liegi, con una popolazione di circa 200.000 abitanti, è la quarta città più popolosa del Belgio e dista solo 40 chilometri dalla Germania, dove le inondazioni hanno ucciso almeno 42 persone.

“L’alluvione sarebbe molto pericolosa nella stessa Liegi”, ha affermato il presidente della regione vallona. Elio Di Rupo giovedì davanti al parlamento regionale.

Le città che costeggiano questi fiumi nelle regioni di Liegi e Verviers sono state inondate da mercoledì, in particolare Theo e Pepinster e la città termale di Spa.

Secondo i media belgi, almeno sei persone sono morte nel paese a causa delle inondazioni, di cui quattro nella sola regione orientale di Verviers. Potrebbe essere necessario spostare migliaia di persone.