Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Almeno 52 operai sono stati uccisi in un incendio in una fabbrica fuori Dhaka, la capitale del Bangladesh

Almeno 52 persone sono morte in un incendio scoppiato in una fabbrica di cibo e bevande fuori dalla capitale del Bangladesh, hanno detto i vigili del fuoco.

L’incendio è divampato giovedì sera presso la fabbrica di cinque piani Hashim Food and Beverage Factory Ltd. a Roppang, fuori Dhaka. La polizia inizialmente ha fissato il bilancio delle vittime a tre, ma poi ha scoperto pile di corpi venerdì pomeriggio dopo che l’incendio è stato spento.

Inoltre, almeno 26 lavoratori sono rimasti feriti saltando dai piani superiori mentre l’edificio è stato avvolto dalle fiamme, secondo quanto riportato da United News of Bangladesh.

Dibasish Bardhan, vicedirettore dei vigili del fuoco e della protezione civile, ha affermato che 52 corpi sono stati recuperati dall’interno della fabbrica e che le operazioni di salvataggio continuano. Ha detto che i due piani superiori non erano ancora stati ispezionati.

Ha detto che il principale punto vendita della fabbrica, che tratta succhi, bibite e altri prodotti alimentari, è chiuso dall’interno.

Nessuna informazione è stata immediatamente disponibile su quante persone c’erano nell’impianto e quante erano disperse.

I vigili del fuoco rimuovono i corpi dall'edificio
Il bilancio delle vittime potrebbe essere molto più alto, perché i soccorritori non sanno quante persone ci siano nell’impianto.

“Per ora, abbiamo solo questi dettagli”, ha detto Bardhan, “dopo aver cercato nei piani superiori, saremo in grado di ottenere un quadro completo”.

Le vittime si sono ammucchiate in sacchi bianchi in una flotta di ambulanze, mentre i loro parenti fuori singhiozzavano.

In precedenza, i membri della famiglia si sono scontrati con la polizia mentre aspettavano tutta la notte senza dire a nessuno il destino dei loro cari.

Il governo ha ordinato un’indagine sulle cause dell’incendio.

Il Bangladesh ha una storia di incendi mortali nelle fabbriche. È spesso attribuito alle lacune di sicurezza di cui soffre ancora il paese dell’Asia meridionale nonostante la sua rapida crescita economica.

La corruzione continua e il lassismo delle forze dell’ordine hanno portato a molte morti nel corso degli anni e i grandi marchi occidentali, che impiegano decine di migliaia di lavoratori sottopagati in Bangladesh, sono stati sottoposti a forti pressioni per migliorare le condizioni delle fabbriche dopo gli incendi e altri disastri che hanno rivendicato centinaia di vite. .

Nel febbraio 2019, un incendio è divampato in un quartiere di 400 anni pieno di appartamenti, negozi e negozi nella parte più antica di Dhaka e ha ucciso almeno 67 persone. Un altro incendio nella vecchia Dacca in una casa che immagazzinava illegalmente sostanze chimiche ha ucciso almeno 123 persone nel 2010.

Le autorità hanno imposto norme di sicurezza più severe dopo che più di 1.100 persone sono morte nel crollo di un complesso di fabbriche di abbigliamento vicino a Dhaka nel 2013. Da allora l’industria dell’abbigliamento del paese è stata ampiamente conforme ai controlli locali e globali, ma molte altre industrie locali non sono riuscite a rispettare sicurezza.

L’ILO ha affermato in un rapporto del 2017 che il quadro normativo e le ispezioni del Bangladesh “non sono stati in grado di tenere il passo con lo sviluppo del settore”.

AP

READ  Come la carbon tax è tornata a perseguitare il governo australiano