Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Almeno 12 persone sono rimaste uccise dopo l’esplosione di un tubo del gas in un complesso di appartamenti nella provincia cinese di Hubei

Almeno 12 persone sono morte e altre 39 sono rimaste gravemente ferite dopo l’esplosione di un gasdotto in un quartiere residenziale della Cina centrale.

Una dichiarazione trasmessa dal canale di social media ufficiale della città ha affermato che i soccorritori dell’esplosione avvenuta domenica mattina presto nella città di Xi’an, nella provincia di Hubei, hanno portato più di 150 persone in ospedale.

La dichiarazione affermava che gli sforzi di salvataggio stavano continuando, ma non diceva alcuna parola sulla causa dell’esplosione.

I resoconti dei media governativi hanno affermato che i proprietari di bancarelle e i clienti che acquistavano la colazione e le verdure fresche dal mercato alimentare sono stati le principali vittime quando l’esplosione è avvenuta poco dopo le 6 del mattino ora locale.

Le immagini mostrano i soccorritori che si arrampicano su lastre di cemento rotte per raggiungere coloro che sono intrappolati all’interno.

Caricamento in corso

L’esplosione sembrava essere simile a quella nel porto nord-orientale di Qingdao nel 2013, in cui 55 persone sono state uccise quando i tubi sotterranei sono esplosi dopo una perdita.

L’esplosione di Xi’an è avvenuta il giorno dopo che otto persone sono state uccise e altre tre sono rimaste ferite quando il formiato di metile tossico è fuoriuscito da un’auto in un impianto di lavorazione chimica nella città sud-occidentale di Guiyang.

I frequenti incidenti mortali sono generalmente attribuiti alla scarsa aderenza agli standard di sicurezza, alla scarsa manutenzione e alla corruzione tra le forze dell’ordine.

Spesso vengono imposte pesanti sanzioni ai funzionari, ma l’elevata domanda e il desiderio di profitto spesso prevalgono su tali preoccupazioni.

Tra gli incidenti peggiori c’è stata una massiccia esplosione del 2015 in un magazzino chimico nella città portuale di Tianjin che ha ucciso 173 persone, per lo più vigili del fuoco e agenti di polizia.

L’esplosione è stata attribuita alla costruzione illegale e allo stoccaggio non sicuro di materiali volatili.

AP

READ  La vittoria razziale di Naomi Osaka, la tuta da calcio femminile americana, i risultati del nuoto australiano