Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

All’interno della riunione a porte chiuse a Washington, DC per rilasciare il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange

All’interno della riunione a porte chiuse a Washington, DC per rilasciare il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange

All’interno di una sala conferenze nel profondo del Robert F. Kennedy Building a Washington, D.C., lo scorso settembre, i rappresentanti del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti devono essersi chiesti cosa li avesse colpiti.

Una delegazione trasversale di parlamentari australiani testardi e con il jet lag è appena arrivata per chiedere il rilascio di Julian Assange. I funzionari stavano per ascoltare un tipo di supplica che normalmente non veniva presentata nell’edificio conosciuto localmente come la “Presidenza della Corte”.

L’incontro è durato più di un’ora. Sei persone nella stanza hanno descritto quelle conversazioni in modi diversi ad ABC Investigations, ad esempio come “vigorose”, “rispettose” e persino, a volte, “aggressive”.

Ora che Assange è stato rilasciato, i partecipanti a quell’incontro si sentono liberi di parlare di come sono state espresse le loro argomentazioni, di come sono state accolte e dell’influenza che hanno avuto all’interno delle mura del Dipartimento di Giustizia.

“Sono rimasti sorpresi, direi scioccati, dalla nostra delegazione”, ha detto alla ABC il senatore dei Verdi Peter Whish-Wilson.

“Non abbiamo più un primo ministro [Scott Morrison] Che si vanta di avere Mike Pompeo nelle chiamate rapide. “Non sapevano quanto fossero cambiate le cose in Australia.”

Mercoledì il fondatore di WikiLeaks esce dalla corte distrettuale degli Stati Uniti a Saipan, nelle Isole Marianne Settentrionali.(Reuters: Kim Hong Ji)

I delegati presenti nella sala hanno detto che non solo è cambiato il governo in Australia, ma è cambiato anche il sentimento pubblico, con la stragrande maggioranza degli australiani che ora desidera che Assange ritorni in patria.

“Hanno espresso dubbi al riguardo, ma ho detto che stavano parlando con le persone sbagliate se questo era il loro punto di vista”, ha detto il senatore Whish Wilson.

Da un lato del lungo tavolo di mogano sedevano tre funzionari dell’amministrazione americana e un consulente dei media.

Dall’altro lato, c’è un gruppo di politici australiani quanto più eterogeneo si possa immaginare: il senatore Whish Wilson, il collega senatore dei Verdi David Shoebridge, l’ex vice primo ministro Barnaby Joyce, la deputata indipendente Monique Ryan, il deputato laburista Tony Zappia e il senatore liberale Alex. Antico.

READ  Biden è all'altezza di questo momento mentre l'Ucraina trasforma la lotta contro la tirannia in realtà Joe Biden

Erano presenti anche Gabriel Shipton, fratello di Julian Assange, e Rohan Wynne, consigliere del deputato indipendente Andrew Wilkie, che non ha potuto effettuare il viaggio.

I sei politici si trovano davanti al Campidoglio degli Stati Uniti.

I parlamentari australiani (da sinistra) Tony Zappia, Barnaby Joyce, Monique Ryan, Peter Wyche-Wilson, Alex Antic e David Shoebridge a Washington, DC, il 20 settembre 2023.

La loro missione era convincere l’amministrazione responsabile del processo ad Assange che la situazione in Australia era cambiata e che la sua gente e i suoi politici volevano il rilascio dell’editore di WikiLeaks e il suo ritorno in patria.

Ma l’accoglienza ricevuta ha sorpreso la delegazione australiana.

“Non erano particolarmente caldi”, ha detto il dottor Ryan.

Ha aggiunto: “C’era un vero sentimento di opposizione alla nostra partecipazione, del tipo: Perché siete qui? Sapete che non potete influenzare questo processo. In realtà non ha nulla a che fare con i politici”.

“C’è stato un tentativo di allontanarci e questo non ci interessava”.

Per il signor Shipton, l’incontro è stato una sfida. Ha detto che a volte lo trovava “aggressivo”.

Uno screenshot che mostra il sito web dell'Interpol con Julian Assange come ricercato

Una pagina ricercata per il fondatore di WikiLeaks Julian Assange appare sul sito web dell’Interpol nel 2010.
(Reuters: Tim Chung)

È stato difficile ascoltare le argomentazioni presentate dai funzionari amministrativi, che secondo lui volevano imprigionare suo fratello per il resto della sua vita.

“Stavano dicendo che Julian avrebbe dovuto affrontare la giustizia e lui stava evitando la giustizia combattendo l’estradizione. Questi ragazzi (politici australiani) stavano discutendo al Dipartimento di Giustizia. Lo hanno fatto tutti”, ha detto.

“Hanno tutti affrontato una parte diversa dell’argomento: era un’altra cosa vederli riunirsi e lavorare insieme. Sono rimasto molto colpito.”

Durante l’incontro, la delegazione ha sollevato diverse questioni tra cui la libertà di espressione, i cambiamenti nel sentimento pubblico in Australia, l’alleanza USA-Australia e i diritti giudiziari.

Il senatore Whish Wilson afferma che Joyce ha avuto un ruolo importante.

“Ha detto: ‘Sono stato vice primo ministro, ho ricoperto il ruolo di primo ministro. Sono stato vicepresidente del Comitato per la sicurezza nazionale per molti anni e non sono d’accordo con ciò che ha fatto Assange. Ma non è stato così.’ Tale sorpasso è illegale e fuori dai confini territoriali [by the US] È un precedente che non può reggere”.

READ  Re Carlo III fa la sua prima visita all'estero come monarca prima di dubitare che si recherà in Australia nel 2024
Barnaby Joyce parla in una conferenza stampa, dove i giornalisti tengono i microfoni.  Altri politici stanno dietro di lui.

I parlamentari ricordano l’importante ruolo svolto da Barnaby Joyce nell’incontro.(Notizie ABC: Bradley MacLennan)

Il dottor Ryan ha detto che i funzionari statunitensi hanno ribattuto le loro argomentazioni, sostenendo che la libertà di Assange era una questione puramente legale, non una questione politica.

All’epoca, Joyce coinvolse i cani di Johnny Depp nella vicenda, dando il via al famigerato caso nel 2015, quando l’allora ministro dell’Agricoltura minacciò di sopprimere l’eutanasia dei due cani della star di Hollywood – Pistol e Boo – per violazioni della quarantena.

Il dottor Ryan ha detto che il signor Joyce ha sottolineato durante l’incontro che le considerazioni politiche giocano un ruolo inevitabile in questo tipo di questioni.

“Fondamentalmente, ha detto che c’era pressione su di lui in quel momento e se fosse stato lasciato a lui, Pistole, Beau, Johnny e Amber sarebbero stati dietro le sbarre in Australia.”